INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Da Buggerru a Masua


di Antonio Ulzega
15 immagini - 2.86 mb
data di pubblicazione: 9 Febbraio 2013

luogo: Iglesiente, Sardegna
periodo: 1967-2012


tags: buggerru, costa, falesia, masua, portixeddu, spiaggia, ulzega

visualizza come slideshow

171 preferenze  vota

(3 commenti)
visto 3472 volte

Share
Torna ai Portfolio




DA BUGGERRU A MASUA


In poche decine di chilometri la costa dell'Iglesiente, nella Sardegna sud-occidentale, si articola nelle forme più varie prodotte dalla azione erosiva del mare su formazioni geologiche molto antiche.

Da Capo Pecora lungo la spiaggia di Portixeddu-Buggerru, in continua evoluzione, si arriva alle imponenti falesie carbonatiche cambriane di Buggerru-Planu Sartu, a loro volta interrotte dalle profonde insenature di Cala Domestica e di Canalgrande, per giungere a Masua dove dalle bianche falesie calcaree si passa al rosso cupo degli scisti ordoviciani di Nebida ed infine allo spiaggione di Plaj'e Mesu.

Sardegna, Iglesiente, 1967-2012




>> Guarda in modalità SLIDESHOW



reportage
Portixeddu, il retrospiaggia


reportage
Portixeddu, foce del Rio Santa Lucia


reportage
Da Portixeddu a Buggerru (1967)


reportage
Planu Sartu, la falesia con la Galleria Henry prima del restauro (1975)


reportage
Planu Sartu, guglie lungo la falesia


reportage
Cala Domestica, l'imboccatura di verso il Mar di Sardegna


reportage
Cala Domestica, in primo piano la superficie alta della falesia corrosa dall'aerosol dei frangenti, in secondo piano Capo Pecora


reportage
Cala Domestica, la spiaggia ed il suo campo dunare (1967)


reportage
Cala Domestica, cala laterale


reportage
Cala Domestica, la spiaggia e i ruderi del deposito del minerale estratto a Montevecchio, Ingurtosu, Naracauli, Planudentis (1975)


reportage
Tra Cala Domestica e Canalgrande (1968)


reportage
Canalgrande, livelli scistoso arenacei ricchissimi in trilobiti, fossili cambriani (1968)


reportage
Masua, la falesia e lo scoglio Pan di Zucchero


reportage
Masua, gli impianti minerari, il Pan di Zucchero e la falesia di Porto Flavia


reportage
A Porto Flavia e Masua le falesie calcaree cambriane terminano lungo una importante faglia che le mette a contatto netto con le formazioni clastiche ordoviciane



>> Guarda in modalità SLIDESHOW




IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  murcog  [21 Febbraio 2013 - 16:29]
segnati sulla mappa cale, calette ect  che non conoscevo,mi ripropongo di andare a godere dalvivo questi paradisi.grazie!
  melisendo  [16 Febbraio 2013 - 17:20]
Ale, ti ringrazio molto per quanto hai scritto e per avermi dato l'occasione, con Sandro, di ripercorrere quei sentieri e quelle gallerie di miniera che appartengono ad un mio lontano passato.
Più di cinquant'anni sono passati da quando, da studente di geologia, mi inebriavo lì su quei terreni con gli insegnamenti dei miei professori e le storie affascinanti dei minatori che allora lavoravano in quelle miniere.
Il vasto territorio dietro la grande spiaggia, che adesso è un bosco di eucalipti e di pini, era allora un grande campo dunare movimentato dalle tempeste di sabbia, e la strada litoranea non esisteva.
E' vero quanto dici, malgrado la protervia dell'uomo lì ancora oggi rimangono le vestigia di una natura antica e sana.
 
  Sanminiato77  [14 Febbraio 2013 - 10:08]
Le foto di qualche decade fa sono, per quanto mi riguarda, le più affascinanti.. Vi percepisco l'atmosfera di tempi "andati".. seppur la natura imponente e maestosa sia rimasta pressoché immutata.. è l'uomo e il suo stile di vita ad essere cambiati.. Si è persa progressivamente per strada una sana "lentezza", così come il contatto con la natura e il rispetto per essa.. 
Mi piace il trattamento che hai dato alle immagini, cercando di uniformare il più possibile le foto scattate in analogico con quelle in digitale.. anche se l'occhio non si inganna tanto facilmente e il digitale viene quasi sempre "individuato"..
Alcune di queste tue foto le hai scattate passeggiando insieme a me la scorsa estate.. Quando ho visto il titolo di questo reportage, ho avuto inizialmente il timore che potesse essere molto simile al mio "Porto Flavia", ma poi guardandolo ho visto che hai dato un taglio decisamente diverso.. e hai aggiunto foto scattate anni orsono che offrono un interessante visione dello scorrere del tempo.. e di una, direi, miracolosa preservazione di questo bellissimo territorio sardo.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]