INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Porto Flavia


di Alessandro Garda
11 immagini - 2.11 mb
data di pubblicazione: 4 Dicembre 2012

luogo: Masua (CI)
periodo: Agosto 2012


tags: garda, iglesias, masua, miniere, porto flavia, sardegna, sulcis, viaggi

visualizza come slideshow

179 preferenze  vota

(5 commenti)
visto 2477 volte

Share
Torna ai Portfolio




Porto Flavia è un'interessante sito minerario, oggi non più operativo, situato della zona sud-occidentale della Sardegna e ricade amministrativamente nel comune di Iglesias, in quella che oggi è la località balneare di Masua.
Pur essendo un sito minerario non si trattava di una miniera, bensì (come indica il suo nome) di un porto d'imbarco del materiale estratto dalla montagna. Fu progettato dall'ingegniere Cesare Vecelli e realizzato nel 1924; prese il nome dalla figlia primogenita dell'ingegnere stesso. L'intera installazione portuale fu realizzata scavando all'interno della montagna a picco sul mare due gallerie sovrapposte, quella superiore da dove arrivavano i materiali estratti e quella inferiore da dove, per mezzo di un nastro trasportatore estraibile, il materiale veniva caricato direttamente sulle navi alla fonda. Tra le due gallerie erano sistemati nove enormi silos per lo stivaggio del materiale capaci di contenerne fino 10000 tonnellate.
L'impianto smise di funzionare dopo la seconda guerra mondiale con il progressivo abbandono dell'attività estrattiva della zona. Oggi, grazie a un'opera di restaurazione portata a termine negli ultimi anni, è possibile visitarlo.
(fonte: Wikipedia)



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage





IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  Sanminiato77  [14 Febbraio 2013 - 10:18]
Grazie a tutti per i bei commenti. Mi fanno molto piacere perché ritengo anch'io che questo sia uno dei miei lavori migliori pubblicati finora qui su PhotoCompetition.

Willer, la risposta è: no, non conosco quel programma.. Uso soltanto Photoshop e il bianco e nero lo modulo usando le curve e il bilanciamento colore.
  willer  [21 Dicembre 2012 - 21:28]
Belle belle belle, foto molto belle e suggestive, come ha detto il Lele c'è di tutto,molta qualità e notevole spettacolarità in questi scatti che denotano un uso mafgistrale del bianco e nero,complimenti.
Ps. Hai usato Silver Efex Pro 2 ?
  SAndro  [20 Dicembre 2012 - 08:37]
Una serie di fotografie davvero corposa, nel senso che c'è tutto, il paesaggio in tutta la sua spettacolarità, un uso magistrale del bianco e nero, il contrasto tra la costa rocciosa e spigolosa e gli interni bui della miniera. Molto da raccontare, molto da capire e guardare con calma e curiosità eppure tutto che si lega e si accorda benissimo, in un inaspettato rigore strutturale.
Non posso che arrendermi alla bellezza di questo paesaggio, conturbante e misterioso. Ed è forse questo l'aspetto che più mi attrae. Il mistero di isole e ammassi che si spezzano sul mare in modo impetuoso e fragoroso. Non è un paesaggio dolce, si rivela nel suo essere antichissimo ed emerge chiara la sensazione di assistere a qualcosa che proviene da un passato lontano, qualcosa che non si fa afferrare del tutto, che sfugge e al quale assistiamo come spettatori inermi di fronte a tanta potenza.
La parte della galleria, degli scavi della pietra, della costruzione di porto Flavia, ingegneristicamente prodigiosa, completa un quadro perfetto. Un quadro dove anche l'uomo contribuisce con forza ed eleganza allo spettacolo naturale. Il buio, la durezza del lavoro nelle gallerie, l'affaccio sul mare con inaspettate decorazioni e merlature sono la seconda parte del film che ci proponi. Natura e opera umana.
Un portfolio bellissimo, a mio avviso uno dei tuoi migliori.
  phRAM  [7 Dicembre 2012 - 23:14]
Mi piacciono in particolare le immagini della "miniera". Interessante la tua descrizione del luogo. Suggestiva l'ultima foto.
  melisendo  [5 Dicembre 2012 - 10:15]
Magnifico Ale, con questo secondo reportage sulle miniere dell'Iglesiente stai dando un bel quadro di quello che è stato per decenni il più importante distretto minerario italiano e di tutto il Mediterraneo.
Allo stesso tempo hai messo bene in evidenza il rapporto tra attività mineraria, prevalentemente sotterranea, ed il maestoso paesaggio costiero dominato dai massicci carbonatici del "calcare metallifero" cambriano, tra le rocce più antiche d'Europa.
Il bianco-nero ed un forte contrasto rendono merito alla potenza di quel paesaggio.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]