INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Vivos los queremos!


di Christian Taliani
15 immagini - 2.73 mb
data di pubblicazione: 18 Dicembre 2014

luogo: Messico


tags: città del messico, iguale, manifestazione studentesca, messico, morti, narcotraffico, oaxaca, taliani

visualizza come slideshow

155 preferenze  vota

(6 commenti)
visto 1889 volte

Share
Torna ai Portfolio




¡Vivos los queremos!


Da quando, la notte del 26 settembre 2014, una manifestazione studentesca ad Iguala si è trasformata in tragedia con morti, feriti e 43 studenti scomparsi, il Messico è in subbuglio. Il Paese non è nuovo ai ‘desaparecidos’, che nel corso degli anni si contano ormai a migliaia. Anche questa volta politici, esercito e polizia sono fortemente sospettati di complicità con bande paramilitari e organizzazioni di narcotrafficanti, ai quali avrebbero consegnato gli studenti della Scuola Normale Rurale Raúl Isidro Burgos di Ayotzinapa.

Il Messico è stato governato fino al 2000 e per oltre 70 anni dallo stesso partito, il PRI, in modo autoritario e corrotto, tornato poi al potere nel 2012; la scuola di Ayotzinapa (appartenente al municipio di Tixtla, nello Stato di Guerrero, zona povera del paese con alti livelli di corruzione e delinquenza organizzata) è politicamente molto attiva, fortemente di sinistra e antigovernativa.

I familiari degli studenti non vogliono credere alle versioni fornite dagli arrestati secondo i quali i ‘normalistas’ sarebbero stati uccisi, fino ad ora infatti sono state rinvenute alcune fosse comuni con numerosi corpi mutilati che però non sono sembrano appartenere agli studenti.

Le manifestazioni di protesta contro il governo locale e quello nazionale, ed anche contro la corruzione di esercito e polizia, stanno diventando sempre più frequenti in tutto lo Stato, a partire dalla capitale, e ricevono il sostegno di numerose associazioni, partiti e movimenti (incluso l’EZLN), che hanno sparso ovunque manifesti e scritte di ribellione al potere e contro il "narco-stato". 

Ho cercato di cogliere alcuni 'segni' di questa crescente insofferenza: le fotografie che seguono sono state scattate lungo il precorso che va da Città del Messico, a Oaxaca, San Cristobal de las Casas ed altre località del Chiapas e dello Yucatan tra la fine di ottobre e l'11 novembre 2014, ma la questione è ancora aperta: studenti, familiari e professori non si arrendono: “siamo tutti Ayotzinapa”, “Ce li hanno presi vivi, li rivogliamo vivi!



>> Guarda in modalità SLIDESHOW



reportage


reportage
Ayotzinapa: la tua lotta è la mia lotta! il tuo dolore il mio dolore! Vivi ce li hanno presi, vivi li vogliamo! Preferisco morire in piedi che vivere schiavo tutta la vita!


reportage


reportage


reportage
di che misura sono le fosse in Messico?


reportage
(San Cristobal) il Messico è coperto di sangue... e tu cosa pensi? cosa sente il tuo cuore? le tue mani cosa fanno? la tua bocca tace o grida!!


reportage
Alt alla criminalizzazione del movimento popolare! Ayotzinapa vive - a sinistra: contro il narco-stato: autodifesa femminista


reportage
Ayotzinapa siamo tutti


reportage


reportage
(Chiapas) libertà incondizionata per i fratelli... appoggiamo gli alunni della Scuola Normale Raúl Isidro Burgos di Ayotzinapa, Guerrero, Messico.


reportage
43, li stiamo aspettando!


reportage


reportage
APPO (Asamblea Popular de los Pueblos de Oaxaca) né perdono, né oblio


reportage
Sono stanco di avere paura; il demonio non sta all'inferno, sta governando il Messico 


reportage


>> Guarda in modalità SLIDESHOW



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  conan  [10 Febbraio 2015 - 13:52]
Interesante reportage fotografico. Alcune foto sono riprese da punti di vista molto interessanti che esaltano l' effetto del soggetto. In tutte si percepisce la sensazione degli eventi in quel tempoBelle anche le composizioni e i colori.
  Il Lele  [7 Gennaio 2015 - 14:43]
Interessante, con un bel taglio. efficace.
  Diana Cimino Cocco  [28 Dicembre 2014 - 08:51]
complimenti - ottimo reportage - le tue foto "raccontano di una tragedia"
  paco  [25 Dicembre 2014 - 15:10]
Bel reportage, molto forte.
Complimenti, lavoro interessante e significativo!
  Monyca  [18 Dicembre 2014 - 11:42]
Sembra di tornare indietro nel tempo, e invece sono ancora altamente drammaticamente attuali queste immagini. Apprezzo sempre il lavoro dei reporter che fanno conoscere al mondo verita' lontane, situazioni che se non si e' sul posto non si possono conoscere per come sono, visto che buona parte dei media sono "programmati" per enfatizzare o sminuire  i fatti a seconda del caso. Bel reportage davvero
  melisendo  [18 Dicembre 2014 - 06:24]
Quando ci si trova a toccare con mano la sofferenza, la rabbia, la disperazione di un popolo colpito brutalmente non si può essere spettatori indifferenti, così si sente in questa successione di immagini il coinvolgimento e la partecipazione del fotografo. Queste immagini sono documento e denuncia di grande valore.  




Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]