INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Orissa, l'altra India (parte I)


di Simona Ottolenghi
18 immagini - 1.16 mb
data di pubblicazione: 21 Aprile 2007

luogo: India

visualizza come slideshow

460 preferenze  vota

(8 commenti)
visto 6420 volte

Share
Torna ai Portfolio



L’India è un paese incredibile. Con i suoi odori colori rumori suoni sguardi sorrisi tristi e sinceri gente e caos ti colpisce e affascina quasi senza capirne il perché.

L’Orissa è un’altra India.

E’ una regione tribale che si trova sulla sua costa centro orientale, sul golfo del Bengala, è abitata da circa 62 etnie diverse di cui 12 primitive che discendono dagli abitanti originari dell'India che già vivevano in questi luoghi 3000 anni fa.

Sono prevalentemente animisti, anche se alcuni di loro sono stati influenzati dai contatti con le popolazioni indù, modificando alcune loro tradizioni. Vivono prevalentemente di caccia e agricoltura...

...e in mezzo a queste tribù, in tenda nei loro villaggi, cenando intorno al fuoco e condividendone i pozzi come unica risorsa di acqua, ho passato un capodanno veramente alternativo e ricco di emozioni....



  

  


Mercato di Onukudelli: vi scendono i Bonda, la popolazione più primitiva; ormai sono rimasti in pochi, hanno una mortalità infantile del 40% e vivono di una stentata agricoltura, caccia e raccolta, con pochi contatti con l’esterno.
Le donne sposano uomini molto piu giovani perché così da vecchie avranno chi si occupa di loro. Siccome il marito ragazzino è inesperto, spesso si avvicinano al suocero o a un cognato e questo può innescare gelosie e vendette che spesso sfociano nell’omicidio: i Bonda sono infatti famosi per la loro aggressività.
L’abbigliamento è ridotto: l’uomo porta il perizoma, le donne una bassa striscia di stoffa sui fianchi e tante collane di perline a coprire petto e busto e di alluminio al collo. Portano bracciali a polsi e caviglie. Hanno la testa rasata e coperta da una acconciatura di perline. Non amano mescolarsi e scendono solo se necessario, gli uomini sempre con arco e frecce e una camicia per l’occasione.






boro boroba - jarriguda

  

  



daruba gondo

  






Desia Kondh: i Desia sono animisti e di lingua dravidica, ma ora alcuni gruppi sono influenzati dall’induismo e stanno perdendo le loro tradizioni, sono sempre più rare le cerimonie dedicate alla dea terra.

Il villaggio è composto da tre file di case, attaccate le une alle altre, basse, tetti di tegole o paglia, con due ingressi di fronte in modo che l’aria possa girare. I pavimenti dell’atrio e della casa sono di terra battuta, levigata e mescolata a terra nera e letame per renderla lucida ed impermeabile.

In “piazza” stanno pulendo con il ventilabro il riso dalla pula.
Il matrimonio dei Desia è molto allegro: i genitori dello sposo devono dare alla famiglia di lei bestie e gioielli, la famiglia della sposa contribuisce solo con alcool, ma tanto!





Dongria Kondh: sono una delle 12 popolazioni primitive dell’Orissa.
Sono agricoltori, coltivano nella foresta riso, ortaggi, ananas, banane disboscandone piccoli tratti.
Sono piuttosto aggressivi; le donne portano 3 anelli al naso, grosse collane tonde di bronzo o alluminio, anelli e braccialetti con le decorazioni a rombo che tra i Kondh rappresentano il sangue dei sacrifici rituali. Anche qui le case sono senza soluzione di continuità lungo il pendio della collina. Hanno mantenuto l’istituzione dei dormitori in cui i ragazzi vengono iniziati alla sessualità.









CONTINUA NELLA II PARTE >>>



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:




commenti
  kruger  [9 Ottobre 2012 - 10:24]
Un bellissimo reportage dove emerge un gran senso estetico e sensibilità nell'approccio con il soggetto.
  clikest  [10 Ottobre 2008 - 17:13]
Sei brava, questo si capisce subito, i tagli delle foto sono veramente belli, sopratutto le inquadrature strette ed i primi piani dove eccelli. E sono davvero emozionanti!!! Bravissima!
  Fiore  [25 Settembre 2008 - 21:01]
Se ti prendi i complimenti e non condividendo il resto... come si fa a commentarti allora? Fiore.
 ORNELLA [28 Gennaio 2008 - 11:41]
Sono in partenza per l'Orissa e questo reportage mi ha reso ancora più impaziente di partire.
  MauZ  [14 Gennaio 2008 - 15:28]
Non sono ancora stato in India ma ho un paio di amici "Indiadipendenti" e attraverso i loro racconti mi hanno trasmesso spiritualità e vita, di un luogo che del passato ha mantenuto un velo di magia. 


C'è un aspetto che non è trapelato però dalla loro esperienza, qualcosa che senza alcuna colpa non mi hanno trasmesso...
              I Colori.


Nella serie di fotografie che hai esposto c'è tutto quello che non avevo mai immaginato dell' India. Grazie  
  Simona8  [27 Dicembre 2007 - 21:26]
melania, nessuno ti OBBLIGA a commentare, è più che altro lo spirito del GIOCO, perchè di gioco si tratta... si commenta per confrontarsi, per esprimere quello si pensa o meno di una foto... e soprattutto si commentano i voti bassissimi che trovo comunque e SEMPRE ingiustificati!
per quanto riguarda le foto del reportage.... mi prendo i complimenti non condividendo il resto...
simona
  Melanarni  [27 Dicembre 2007 - 19:57]
...mi srivi che hai un sospetto su chi da voto 1, 2 e non commenta.
UNA SONO IO...
PERCHè...
PER mio difetto non mi piace commentare negativamente.
SI PUò CAMBIARE...posso cambiare.
quando le foto non mi danno emozioni proverò a commentare il perchè.
grazie per l'osservazione..


LE TUE FOTO SONO D'IMPATTO, BEI RITRATTI, MA TU NON ENTRI, LE GUUARDI DA TURISTA....NON VAI OLTRE.
IN OGNI MODO COMPLIMENTI
BELLE.
melissa.



 vaibronco [25 Luglio 2007 - 23:54]
trovato il link su ebay, sono bellissime, complimenti



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]