INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


l'Origine


di Alessandro Griccioli
15 immagini - 2.02 mb
data di pubblicazione: 27 Agosto 2011



tags: danza, griccioli, origine, toscana

visualizza come slideshow

260 preferenze  vota

(9 commenti)
visto 3468 volte

Share
Torna ai Portfolio




l'Origine


Brividi ed emozione in uno dei luoghi più mistici e di impatto della Toscana; ore 7:30, mentre il sole di malavoglia comincia ad affievolirsi e la calura insopportabile si mitiga, placando il fuoco, che quasi vuole incendiare le spighe di grano e prosciugare le fonti, le prime brezze di vento caldo accompagnano il mutare del meriggio in tramonto; i toni gialli ed accesi si tingono di rosa e arancio; circa duecento persone si ritrovano, per il dodicesimo anno di fila, ad ammirare la performance, ogni anno diversa, che si compie, nel mezzo delle crete senesi, in una splendida collina che tutto domina, posto ideale per il Maestro che qui compose la sua opera complessa, il Sito Transitorio, il passaggio terreno, verso la gloria immortale d'artista. Jean Paul Philippe ha quasi settant'anni ma l'anima di un ragazzino e il sorriso beato dei bambini: capelli e barba al vento, ampi come la camicia scura, i pantaloni di tela comoda, i sandali del cammino della vita; tutto in lui parla di arte, di creatività, di sete di espressione e di conoscenza del mondo; la cadenza francese, l'amore per il buon vino e la buona tavola, le guance rosse, ce lo rendono subito simpatico, mentre e le mani ruvide da scultore, e i chiari occhi profondissimi, ce lo rendono un maestro affascinante e di grande spessore. Tutto di lui incanta, come incanta le Site Transitorie, su quella collina solitaria, che domina come il faro il mare impetuoso, come la cima del monte inaccessibile. Una porta di marmo, che scandisce le ore del giorno, tramite la luce che passa dalla fessura, ci suggerisce il tema del passaggio; la dimensione diventa subito ultraterrena, intrisa di misticismo; in terra una lastra di marmo scolpita, ci ricorda una tomba, mi dicono per un figlio mai nato.

Ore 8:00 in mezzo al sito transitorio delle transenne coprono qualcosa; due musicisti vestiti di nero prendono posizione accanto a due grandi tamburi; i duecento spettatori prendono posto su panche nella collina adiacente, luci e microfoni sono ben posizionati e quasi invisibili. Poi silenzio assoluto, quasi innaturale e il posta diventa immortale; vibra un vento che piega le spighe in onde dorate, un brivido e un sussulto quando vengono tolte le transenne, e si scopre una tomba di sabbia fine, mentre i tamburi cominciano a rullare piano piano e una musica lontana di clavicembali invade l'aria come lo squarcio del tuono. Dalla tomba di sabbia emerge qualcosa e assistiamo alla prima fase della performance "L'origine" della straordinaria ballerina belga Lisbeth Gruwez, con musica di Dave Schroyen e Maarten Van Cauwenberghe, per la direzione artistica di Alessandra Rey e Jean Paul Philippe. La musica incalza pulsante e dalla tomba assistiamo ad una lenta resurrezione, scandita dai movimenti della ballerina che emerge in spasmi di vita nuova e contrazioni che spostano la sabbia; passano venti minuti prima che la ballerina si erga eretta, e posi il mantello stretto che ne faceva una creatura senza né sesso, né nome, una creatura del mondo dei morti; l'energia della vita ritrovata attraverso il sito transitorio si trasforma in danza frenetica e primordiale, mentre la musica e i tamburi incalzano sempre di più; i muscoli nervosi della ballerina si contraggono, si tendono, si librano, si spezzano e si contorcono in disegni sublimi di inimmaginabile naturalezza ed eleganza, e disegnano forme, salti, figure, danze e magie primordiali; l'uomo e la natura, muscoli e pietre si fondono, e la ballerina diventa l'unica abitante del sito transitorio, dalla quale è stata partorita. L'opera si arricchisce della presenza umana e per tutta la performance, il monumento si trasforma e non può più fare a meno della danza frenetica dell'artista. Le luci si tingono di un arancio accecante, i cuori degli spettatori battono all'unisono, incalzati dai tamburi, gli occhi sgranati, gli sguardi increduli, la pelle d'oca, le mani congiunte, che pregano quella spiritualità nuova, che il sito trasmette col suo misticismo pagano.



>> Guarda in modalità SLIDESHOW



reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage




>> Guarda in modalità SLIDESHOW



evento XII al Site Transitoire di Jean-Paul Philippe
L'ORIGINE
Dance concept Lisbeth Gruwez, musica Dave Schroyen e Maarten Van Cauwenberghe
Fondazione Voetvolk - giovedì 14 luglio 2011 - ore 19.30 al tramonto
direzione artistica Alessandra Rey e Jean-Paul Philippe
produzione Associazione Site Transitoire.



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  PX - 21.000 GB  [23 Ottobre 2011 - 00:10]
Portfolio originale, belle immagini, complimenti !
  Il Lele  [11 Ottobre 2011 - 18:09]
veramente molto bello. mi piace molto e concordo con luca quando dice che era molto difficile non cadere nella ripetitività. bravo
  Luca Nassini  [6 Ottobre 2011 - 12:31]
Come prima cosa sono rimasto molto colpito dall'evento in se. veramente molto interessante. passando al tuo lavoro come sempre la qualità è molto alta. La prima foto è da paura. in un contesto cosi minimale il rischio poteva essere quello di cadere nella ripetitività. anche in questo caso secondo me hai trovato le giuste proporzioni. mi piace. complimenti
  axel  [3 Ottobre 2011 - 20:59]
Grande performance e bw
  melisendo  [2 Ottobre 2011 - 10:35]
Splendido, coinvolgente quanto possono esserlo sempre le tue fotografie...

Due considerazioni:

la prima viene dalla lettura della tua bella ed esauriente presentazione, che ci introduce alla scena ma che sarebbe stata a mio avviso  ben supportata dalla vista dei tamburi e dell'intera collina;

la seconda è l'ultima immagine, che vedo come sintesi rigidamente "geometrica" dell'intera opera, con una geometria che deriva dall'essenza della figura "uomo", geometria che non si è voluta riconoscere in una mia immagine, "Concerto", simile a questa nella forma ed anche forse nello spirito. 
  Monyca  [2 Ottobre 2011 - 00:51]
Il luogo sicuramente aiuta, ma la visone del Fotografo, in queste foto...fa la differenza... bravo'
  il Balla  [18 Settembre 2011 - 20:53]
Daverro belle!!!
Complimenti!!!
L'ulima poi....l'adoro!
  Sanminiato77  [31 Agosto 2011 - 15:40]
Davvero una bella serie, Griccio!! Complimenti!
I momenti da te selezionati e le composizioni create nell'obbiettivo sono perfette e molto belle!!

Se vuoi che ti faccia un piccolissimo appunto costruttivo, mi sembra che tu abbia gestito il b/n in maniera diversa (creando quasi due sotto-serie: dalla 1 alla 6 e dalla 7 all'ultima).. però questo ci può anche stare, per me non stona.. Ergo, l'unica cosa leggermente migliorabile è secondo me l'intervento fatto in pp per schiarire ed evidenziare alcuni soggetti.. A ben guardare, in qualche foto si notano un po' gli "aloni" creati in pp (vedi la 1,la 9, la 14). Si tratta ovviamente di piccole quisquilie..

Le foto sono molto belle e avrei volute scattarle io!! Dove si trova esattamente questo bel posto?? Le "sculture" sono permanenti, vero??
Non ci crederai, ma non ho ancora avuto modo di visitare le famose crete senesi... uff... devo rimediare appena possibile!
  Rosa  [28 Agosto 2011 - 01:05]
Sai sempre come stupirmi....una serie magnifica e molto emozionante. Bellissima l'idea e la sua realizzazione. Bravo bravo!



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]