INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Día de Muertos


di Christian Taliani
15 immagini - 2.75 mb
data di pubblicazione: 4 Aprile 2015

luogo: Messico


tags: città del messico, giorno dei morti, oaxaca, taliani

visualizza come slideshow

142 preferenze  vota

(4 commenti)
visto 1860 volte

Share
Torna ai Portfolio




DIA DE MUERTOS


Il giorno dei morti è una celebrazione messicana in onore dei defunti, che in effetti dura 2 o più giorni. Il culto dei morti ha origine precolombiana, ma la fusione con la fede cattolica portata dagli spagnoli ne ha fatto coincidere la data con il nostro 2 novembre e ha poi dato luogo a fenomeni di sincretismo particolarmente evidenti, con usanze e rituali molto caratteristici. Oggi tradizione, festa e celebrazione religiosa si confondono e si mescolano.

Dalle chiese di Città del Messico a Oaxaca, in ogni luogo l’evento assume tratti differenti, nei cimiteri come nelle le abitazioni private. A San Cristobal, sotto il portico del municipio, mi imbatto in un concorso per il migliore altare dedicato ai defunti di famiglia; l’atmosfera è allegra e competitiva. Poco distante c’è rabbia invece, dove il ricordo dei rivoluzionari messicani e latinoamericani si unisce quest’anno ai morti nel massacro di Ayotzinapa. Dentro la chiesa di S.Juan Chamula, completamente ricoperta di erba, alcune persone intonano interminabili cantilene in lingua Tzotzil, rivolte ai santi, posti sulle pareti laterali. A Romerillo un’intera collina è diventata cimitero. Assi di legno proteggono la terra dove riposano i defunti e fungono da porta tra il nostro mondo ed il loro; erba tagliata e fiori in quantità colorano ogni tomba ed ogni altare, tutti arricchiti con pane, frutta ed altro cibo e bevande, offerti al defunto che torna in questa occasione a mangiare insieme ai vivi. Mentre alcuni musicisti suonano spostandosi tra una tomba e l’altra, qualcuno versa un sorso di pulque sulla terra, o di coca cola, se chi riposa è un bambino: si beve insieme, ancora una volta. Sotto la collina-cimitero alcune ruote panoramiche sovrastanti un piccolo mercato, mi paiono completamente fuori luogo e si sommano ai contrasti che osservo: uno strano misto lacrime e sorrisi, silenzi e chiacchiere, creano un’atmosfera del tutto inusuale ma serena.




>> Guarda in modalità SLIDESHOW



reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


>> Guarda in modalità SLIDESHOW



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  Diana Cimino Cocco  [14 Aprile 2015 - 06:38]
ottimo portfolio - molto ricco nelle immagine che ti proietta in quel preciso momento. Belle e particolari le immagine coloratissime. Complimenti
  PX - 21.000 GB  [10 Aprile 2015 - 23:47]
Un singolare portfolio dal Messico. Usi e costumi nel giorno dei morti di una popolazione composta da varie etnie, con le loro caratteristiche celebrazioni di religiosità. Complimenti!
  Monyca  [7 Aprile 2015 - 13:04]
E' veramente un documento prezioso. Conoscere costumi e riti cosi' diversi e distanti da quelli a cui, almeno io sono abituata. In effetti le nostre ricorrenze sono sempre molto cupe e tristi, ma anche attraverso queste immagini, con cosi' tanto colore, si percepisce comunque il rispetto per la mancanza di chi ha lasciato questa Terra. Complimenti, ottimo reportage
  melisendo  [4 Aprile 2015 - 18:26]
Un documento prezioso, arricchito, come sempre nei tuoi reportages, da una presentazione dettagliata che ti porta a voler approfondire una tematica così affascinante.
In vari paesi del centro e sud America ho avuto modo di convivere la gioia e la luminosità del culto dei morti, così lontana dai nostri cupi cerimoniali. 





Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]