INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Canarie. Come le vivo io.


di Sara Ciabucchi
15 immagini - 821 kb
data di pubblicazione: 13 Gennaio 2007

luogo: Isole Canarie
periodo: Aprile 2006

visualizza come slideshow

567 preferenze  vota

(7 commenti)
visto 8618 volte

Share
Torna ai Portfolio



“Le emozioni più belle ti lasciano un segno indelebile nel cuore... che si tratti di un viaggio, di un posto incantevole... o di un sogno...”

Anonimo indiano




Premessa. Da come si evincerà non sono una fotografa... ma ci voglio provare, a mandare il mio sogno alle Canarie, loro se lo meritano.
Non so nemmeno se un reportage si fa così... ora commento un po’ le mie foto poi ai poster l’ardua sentenza.



El Teide

Tenerife è un'isola folle come un giro sulle montagne russe, in gennaio puoi passare dalla neve del teide alle calde spiaggie del medano, da paesaggi lunari fatti di crateri e vulcani alla vegetazione tropicale, dalla solitudine dell’isole alle superstade delle metropoli.



Las teresitas

Questa palma si trova nell’unica spiaggia bianca di Tenerife, visto che le sabbie qui sono scure se non addirittura nere per le origini vulcaniche, la regina di Spagna che andava in villeggiatura in quest’isola fece portare dalla vicina Africa sabbia bianca per i suoi nobili piedoni reali.



Achtung

Tornerei a Tenerife solo per quel momento, io sono una malata degli U2 e sul libretto di "Achtung baby" c’è questo cimitero che mi ha sempre affascinato e mi sono sempre chiesta dove fosse che senso avesse, mi ha da subito attratto e me lo sono trovata per sbaglio un giorno a Las Teresitas davanti alla spiaggia più balneare di Tenerife lungo una via trafficatissima, lì Anton Corbjin nel 1991 durante il famoso carnevale di Tenerife fermò il suo obiettivo.



Dublino, forever

E' il centro storico di Tenerife ma mi sentivo a Dublino...



In balia delle onde

Nord di Tenerife, un castello investito in balia dell’oceano.



Punta de hidalgo

Tenerife, questo è il rifugio dei surfisti, si possono scorgere piccoli puntini che tentano di arginare l’oceano, a vegliare su di loro un profilo angelico li osserva ma ancora per poco perché prepotentemente raggi di sole che squarciano coltri di nubi lo richiameranno...



Quando la lava non finisce mai

Oceano e lava che si fanno cornice a vicenda, elementi naturali che stabiliscono con le armi del fuoco e dell’acqua i propri confini.



Riserva naturale di Lanzarote

Sembra di essere nella preistoria...



Iglesia


Strade di sabbia

Quest’isola non conosce né cemento né rombo di motori, si può camminare scalzi girando per le poche vie dove gli abitanti lasciano le porte delle proprie case aperte.



Il centro della terra

Lanzarote ha un paesaggio scioccante... niente alberi solo lava e piccoli arbusti, è ruvida è rock... Questa è una riserva naturale, il magma è arrivato fin dove l’oceano glielo ha consentito, sembra di abbracciare il centro della terra.



Vulcano a La Graziosa

Attraversando a piedi La Graziosa arrivi al gigante sonnacchioso, quando sei vicino a qualcosa di grande nel paragone capisci davvero quanto sei piccino.



Las Conchas

Nostro Signore per creare il giardino dell’Eden deve aver trovato l’ispirazione da questa spiaggia. Attraversando la piccola deserta Graciosa a piedi, perché così o in bicicletta lo si può fare, lungo i suoi percorsi deserti appare come un incantesimo questa distesa di sabbia bianchissima di vegetazione tenacemente rigogliosa e l’immenso oceano che sfoga la sua furia, loro sono gli unici protagonisti di questa realtà, a guardarla si ha l’impressione che i propri occhi siano i primi a posarsi su di lei perché non vi è traccia di presenza umana ed il vento pensa a ricoprire le orme lasciate sulla sabbia quasi a volerla preservare da qualsiasi presenza estranea alla sua armonia selvaggia.



Mirador del Rio


Mirador del Rio

La sorella maggiore sembra nascondere la minore non per gelosia ma per preservala dalla violenza di chi scoprendo la purezza di questo piccolo gioiello vorrebbe mostrarla al mondo privandola della sua innocenza.



Fotografie realizzare con macchina HP Photosmart E317.



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:




commenti
 emma [16 Marzo 2008 - 21:33]
brava mi è venuta voglia diandare
 Mescalina [9 Maggio 2007 - 03:13]
Mi è venuta voglia di andarci... mi hai convinto! Brava ciab
 Nice [19 Gennaio 2007 - 21:12]
La frenesia del mondo si è fermata davanti a queste foto, tutto sembra portare a un mondo e a un tempo lontano, dove niente è più importante della propria spiritualità, complimenti per l'ottimo lavoro, spero che presto ci potrai deliziare con altre perle!!!!
 invelle81 [17 Gennaio 2007 - 16:56]
Ottima recensione!

Le Canarie offrono paesaggi e contrasti meravigliosi, poi c'è sempre il fato che ci conduce nei luoghi tanto ricercati, come nella 3°a foto.
Lo annoterò nella lista dei luoghi da visitare, sperando di andarci il prima possibile.

Visto che nel centro storico di Tenerife ti sentivi a Dublino, a quando un reportage dall' Irlanda?

Complimenti di nuovo!
 Manu [17 Gennaio 2007 - 15:58]
Il nero tagliente e spigoloso delle rocce laviche e delle spiagge da una parte, le luci e il bianco quasi accecante delle case dall'altra. Una contraddizione tipica di ogni isola (e delle Canarie in particolare) che viene perfettamente inquadrata in questo reportage. Brava, complimenti davvero, non hai filtrato minimamente nè distorto quella che è l'essenzialità di un paesaggio, ma anzi l'hai trasmessa in tutta la sua armonia. 
  sisco!  [17 Gennaio 2007 - 10:20]
Un reportage che ruota attorno all'amore per la musica, al gusto di un'incognita svelata quasi casualmente, e per questo ancora più sentita.
Ma se osserviamo a fondo questo fulcro, l'immagine "Achtung", è anche la chiave di lettura dell'intera serie fotografica, incentrata non sul luogo ma sulle sue mille facce, sulle differenze che caratterizzano ogni pezzetto d'isola.

Non a caso l'apertura è un'immagine significativa, che fornisce immediatamente "l'indice" di tutti gli scatti, molti dei quali sono perfettamente riusciti (personalmente amo "Riserva naturale di Lanzarote" e "Dublino, forever").

Complimenti, in particolare perchè dai il buon esempio a tutti quei partecipanti della PhotoCompetition che sono su queste pagine da anni e non ci hanno mai regalato un bel reportage!
Tu al contrario, osservatrice delle edizioni, offri a tutti una raccolta interessante e ben presentata di un evento che, come dice l'anonimo indiano "...ti ha lasciato un segno indelebile nel cuore..."
  MacMauro  [16 Gennaio 2007 - 00:26]
..mi è piaciuta questa "SCOPERTA"delle canarie!
                Brava
            Mac Mauro



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]