INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Anasazi e Canyon de Chelly


di Antonio Ulzega
12 immagini - 1.35 mb
data di pubblicazione: 13 Novembre 2009

luogo: Arizona


tags: anasazi, arizona, canyon, chelly, erosione, petroglifi, ulzega, villaggio

visualizza come slideshow

276 preferenze  vota

(5 commenti)
visto 3404 volte

Share
Torna ai Portfolio




Da qualche parte nell’Arizona, mentre cammini su un altopiano perfettamente orizzontale coperto da una rada vegetazione, è possibile ritrovarsi all’improvviso sull’orlo di uno strapiombo.
Guardi in basso, e decine o centinaia di metri più giù vedi il fondo di una valle piatta, stretta tra due pareti verticali; nel fondovalle vedi scorrere un fiume, vedi campi verdi, grandi alberi, e qua e là strane costruzioni. Ma quello che ti lascia esterrefatto è vedere incastrati in profonde nicchie, a mezza costa sulle pareti rocciose, case e interi villaggi, come sospesi nel vuoto.
Scopri allora di essere arrivato nel Canyon de Chelly, che quelle erano le abitazioni dell’antico popolo Anasazi, come si ritrovano a Mesa Verde e in altri luoghi dell’Arizona, e rimani incantato.
I petroglifi, le incredibili architetture, la straordinaria bellezza della valle, ti raccontano quindi storie di un popolo ancora oggi misterioso.


Guarda come SLIDESHOW!



reportage

Petroglifi Anasazi sulle arenarie rosse.



reportage

Il Canyon dall’altopiano. Nella prima cengia si vedono costruzioni.




reportage





reportage

La stratificazione incrociata e la separazione tra un banco e l'altro messe in evidenza dall’erosione.




reportage

Gli interstrati sono i sentieri che permettono di arrivare alle case




reportage

Il villaggio




reportage

L’erosione forma anche cavità isolate, come tante stanze naturali




reportage

Nella parte alta del canyon due monoliti chiamati “spider e speaking rocks”




reportage

Il villaggio




reportage

La imponente parete rocciosa incombe e protegge le abitazioni




reportage

Giochi dell’erosione con le laminazioni incrociate delle arenarie




reportage

Un Anasazi guarda incuriosito il proprio apparato riproduttivo


Guarda come SLIDESHOW!


Fotocamera Nikon F Photomic con Nikkor  28, 50 e 135 e pellicola Kodachrome 64.

Antonio Ulzega
e-mail: antonioulzega@hotmail.com



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  melisendo  [19 Novembre 2009 - 19:33]
Grazie Sandro, il tuo è un buon esempio di come un commento può essere gratificante e allo stesso tempo essere una via dare all'autore consigli e informazioni estremamente utili per migliorare, soprattutto quando ci si avventura in procedimenti (vedi la pp) ancora da esplorare.
In effetti solo dopo mi sono reso conto che lo sharpen usato male, come ho fatto io, è poco gradevole! :-)  
  SAndro  [19 Novembre 2009 - 13:02]
Un posto spettacolare che spero un giorno di visitare ! :-)

Nella fase di fotoritocco ti consiglio di usare un po' meno "sharpen", perchè crea un effetto antiestetico di eccessivo dettaglio e appiattimento. Se ci tieni ad avere una forte definizione in immagini ridotte, ti consiglio di usare un doppio livello con una maschera sulla quale applicare lo sharpen solo sulle zone che ti interessa accentuare.
  Il Lele  [13 Novembre 2009 - 16:45]
infatti tra poco parto. eheheh ancora 15 giorni di sofferenza milanese.
  melisendo  [13 Novembre 2009 - 16:43]
Lele, cosa aspetti? Sento che sei al limite!
Anche per me preparare questi reportages è un modo per esorcizzare il fatto di non essere da qualche altra parte nel mondo.
  Il Lele  [13 Novembre 2009 - 09:45]
i tuoi reportage mi fanno sempre venier voglia di fare lo zaino e andare in aeroporto! magnifico.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]