INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Intrusioni vegetali

9° - Intrusioni vegetali






serie fotografica

commento del fotografo
In pratica le mie due vacanze estive (si due, perché, non si può!?) sono state caratterizzate, più o meno, da un forte contatto con la natura.
A Barcellona abbiamo dedicato molte ore a parchi, spazi aperti e un bel po' di tempo all'orto botanico; in Svizzera mi sono "inserito" nella gita del Master in Paesaggistica di Firenze, quindi sempre a dialogare con aree verdi e splendidi paesaggi (naturali e non).
Con questa serie illustro una visione molto ravvicinata delle mie "intrusioni" nel mondo vegetale.

1. Il minuscolo fiore (non ho idea di come si chiami!), nel delicato giardino pareva disperso e spaventato tra la massa degli altri fiori, più belli e maestosi; la mia scelta è stata quella di "elevarlo" di grado, raffigurandolo come il padrone incontrastato del mondo vegetale!
autoreinformazioni sulla fotografia
Simone Scortecci

 alias sisco! 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 15. Pagine di un'estate
galleria: Pagine di un'estate
macchina: Canon EOS 300V
obiettivo: obiettivo Canon EF 28-90 II
sorgente: pellicola
ISO: 400
flash: no
luogo dello scatto: Jardin des 5 sens, Thonon (Francia)
data: 26 Luglio 2005 - -1
data di upload: 30 Settembre 2005 - 23:03

tags: floreale, macro, natura
note tecniche: Pellicola Bianco e Nero (Ilford HP5 400) acquisita con CanoScan 8400F
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8
7
6
5 1
4 3
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 9 3498°
punteggio 3.671 3.671
numero voti44
commenti0
visite313959

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






Arches
di Antonio Ulzega


Hai già visto questo portfolio?
Ti invitiamo a scoprirlo e lasciare un commento all'autore.
commenti
    Luke  [10 Ottobre 2005 - 22:32]
Mi dispiace un po' darti un voto così basso, la serie fotografica c'è, ma manca totalmente la qualità. Mi rendo conto che è estremamente difficile fare macro-fotografia o quasi-macro-fotografia con un obiettivo normale e su pellicola. In questo una qualunque macchientta digitale offre potenzialità tecniche incredibilmente superiori. Pena che la mia nikon coolpix a 2 megapixel consente di arrivare fino a 4 cm dal soggetto con una focale equivalente di circa 100 mm ... si vedono i baffi dei moscerini!
Per quanto riguarda la scelta del bianco e nero per rappresentare i fiori invece sei stato molto coraggioso e poteva anche essere un buon esperimento, ma le tue foto non giustificano un approccio senza colore. Avresti dovuto giocare tantissimo sui passaggio tonali che il bianco e nero consente per cercare di rendere le sfumature colorate dei fiori in un linguaggio che ne è privo ... un bel casino!
A questo proposito alcuni fiori sono fantastici se fotografati con obiettivi e filtri specifici per l'ultravioletto, infatti gli insetti vedono anche la radiazione luminosa ultravioletta e alcuni fiori, per attrarli esibiscono disegni sui petali che si vedono soltanto in quelle lunghezze d'onda. In questo caso una fto in bianco e nero, ma nella frequenze dell'ultravioletto avrebbero avuto tutto un altro impatto. Se ti incuriosice questa tecnica prova a dare un'occhiata a www.naturfotograf.com/index2_nPC.html è il sito di un fotografo di natura svedese che fa lavori assurdi e sperimenta molto sia con gli ultravioletti che con gli infrarossi.
    SAndro  [9 Ottobre 2005 - 20:08]
Raccontare l'estate con una serie floreale è originale e ambizioso ma anche molto rischioso. Le foto dei fiori sono difficili perchè si rischia di cadere nel già visto e nel banale, sopratutto col bianco e nero. Comunicare di questi tempi con i fiori è un'impresa ardua, la tecnologia ha annullato le difficoltà di ripresa e siamo bombardati da immagini tutte uguali, ci si distingue con l'estro e l'originalità. Aspetti che qui secondo me mancano del tutto. Le riprese sono centrali, da catalogo Bakker, il fondo sfumato, il bianco e nero senza troppo dettaglio (gravissimo), e i fiori non sono così appariscenti e interessanti, forse il terzo poteva meritare di più se si fosse visto da dove spuntava (!?!). Inoltre se si sceglie il bianco e nero per soggetti che in sè sono molto colorati come i fiori ci deve essere un motivo concreto, non si fa perchè il b&n fa eleganza e fico in fotografia, qui sinceramente non capisco la scelta, non c'è niente di sperimentale, ma sopratutto è grave che non ci sia dettaglio e definizione, allora tanto valeva rimanere sui colori. Se volevi perseguire questo approccio allora forse potevi andare su composizioni di forme e luce.
    Nick  [9 Ottobre 2005 - 17:03]
Per essere delle macro ed essere il centro di interesse della serie mi sembrano poco esplosive.
    Tommy  [9 Ottobre 2005 - 00:09]
Microcosmo floreale. Non è il massimo per raccontare un'estate, nonostante la tua premessa. Non si vedono persone che colgono o ammirano estasiati i fiori, non c'è un simbolismo come nei fari di Sandro. Tutto è rimandato allo stupore di fronte alla macrofotografia, un po' pochino per te...
La prima foto non rende giustizia del commento, perché non si riesce ad associare la meraviglia degli altri fiori ai bagliori circostanti. Avresti dovuto allargare l'inquadratura, se il soggetto era il contrasto fra fiorellino mingherlino e fiorelloni belloni. Tecnicamente ci sarebbe da criticare l'uso dell'iso 400, che nella pellicola penalizza eccessivamente i dettagli, importantissimi nelle macro.
La migliore è la seconda foto, cosa che giustifica in pieno gli insulti ricevuti. Il soggetto staglia nitido dal fondale ed è pure simpatico.
La terza immagine è poco significativa e la profondità di campo è troppo scarsa. E' bello vedere un elemento del fiore a fuoco ed il resto leggermente fuori fuoco, ma qui gli elementi definiti sono secondari; forse il pistillo avrebbe meritato la messa a fuoco, lasciando i petali più indefiniti.
Bello il bilanciamento dei toni di nero virato verso il blu.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]