INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Cenere


7° - Cenere






commento del fotografo
Tutti conosciamo la Sardegna per il suo mare e la bellezza delle sue coste, purtroppo è nota anche per un triste primato, quello degli incendi. Ho così voluto documentare questo aspetto, tralasciando la spensierata e superficiale allegria delle spiagge luminose e affollate di gente e puntando piuttosto l'obiettivo sull'interno, per mostrare la natura e i suoi antagonisti.
Durante i miei tour in tenda alla scoperta della Sardegna più sconosciuta e fuori dai soliti itinerari, mi sono imbattuto spesso in distese color cenere, interi boschi e vallate bruciate dagli incendi. Uno spettacolo terrificante, per le dimensioni e per il numero che questi segni scuri lasciano sul territorio.
autoreinformazioni sulla fotografia
Sandro Rafanelli

 alias SAndro 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 5. Diario di un'estate
galleria: Le foto delle mie vacanze
macchina: Canon EOS 300D
obiettivo: Sigma AF 70-300mm f/4-5.6 Macro
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/250 sec
diaframma: f/6.3
focale: 210 mm
ISO: 200
flash: no
bilanciamento del bianco: tempo sereno
luogo dello scatto: Parco del Gennargentu (Nuoro)
data: 30 Agosto 2004 - 17:10
data di upload: 18 Settembre 2004 - 11:43

tags: foto-giornalismo, natura, panorama
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8 1
7 4
6 2
5
4 1
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 22 634°
punteggio 6.473 6.473
numero voti88
commenti1
visite862411

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






Agrifogli e peonie
di Antonio Ulzega


Hai già visto questo portfolio?
Ti invitiamo a scoprirlo e lasciare un commento all'autore.
commenti
    Luke  [28 Settembre 2004 - 22:46]
Non condivido molto i commenti degli altri.
La foto è divisa in due dal crinale della collina, zona di qua, bruciata, e zona di là, rigogliosa. La strada aggiunge un movimento che sottolinea la forma della collina e con il suo bianco sparato fa risaltare il nero fumo intorno. I colori secondo me sono pienamente azzeccati e l'illuminazione radente sui terrazzamenti della collina evidenziano particolari (le cime bruciacchiate degli alberi e i pezzi di carbone) che con la luce diretta dall'alto si sarebbero persi.
Il verde in lontananza soffre un po' la foschia, ma, a parte questo, la sua brillantezza sembra far pensare allo stato d'animo degli alberi ... "l'abbiamo scampata bella!" ;-)
    LorenzoR  [28 Settembre 2004 - 12:32]
Contrasto si contrasto no, taglio si taglio no boh non mi interessa i colori sono belli e trasmette emozioni questo si che è interessante!!
    Tommy  [25 Settembre 2004 - 19:14]
L'accostamento fra natura morta e natura rigogliosa è molto eloquente: sembra un manifesto delle campagne contro gli incendi boschivi. I colori, però, non mi convincono appieno, anche se so che con la foschia estiva non si può fare molto di più: il fondale leggermente sbiadito va bene (sembra quasi dipinto), ma l'illuminazione radente della collina bruciata mi lascia un po' perplesso. Mi sarei aspettato un nero più denso, che avrebbe esaltato il contrasto con la strada chiara. Purtroppo quasi mai si può scegliere l'ora dello scatto, in vacanza...
    sisco!  [25 Settembre 2004 - 17:17]
Bella immagine, tra quelle che rappresentano gli altri aspetti della vacanza!
Sono molto belli i rossi sul nero (dei pochi alberi superstiti dallo scempio delle fiamme), però non mi convince affatto la zona verde! In parte comprendo le critiche sulla mancanza di uno stacco netto tra il versante bruciato e quello retrostante, ma dipende sicuramente dalla conformazione del bosco e della collina.
Come dicevo non approvo molto il verde ipersparato dello sfondo: più che aumentare la distanza tra i piani, secondo me crea una finzione accessiva dell'immagine (c'è un velo uniforme verde steso sull'area, non una giusta gamma cromatica tendente al verde). Questo è poi accentuato dalla distanza e dalla relativa foschia, almeno credo!
Comunque nel globale è uno scatto interessante, che mette in evidenza un aspetto purtroppo poco divertente di una splendida Sardegna!
    SAndro  [23 Settembre 2004 - 12:55]
l'autore rispondeLo stacco è soft???
Ma stiamo guardando la stessa foto? Il primo piano è nero cenere e il dietro è un verde intenso!!! Ho addirittura contrastato il primo piano e accentuato la "distanza" tra le tonalità per accentuare la drammaticità.
Il bosco verde continua di sopra, la diversa uniformità non significa che termini lì, non riesco a capire come si possa pensare che termini lì, gli elementi per una tale supposizione sono insufficienti, per non parlare del fatto che in realtà non è vero!
Altra critica: la strada ha una prospettiva sbagliata? Cioè?
E' evidente che la strada è in un falso piano (leggera salita) sotto di me, ma che c'entra la prospettiva? Non sono presenti linee prospettiche, nè alcun elemento rettilineo che illustri un qualche punto di fuga o centralismo prospettico. Non capisco...
Per tutte le considerazioni, ripeto: Ma stiamo guardando la stessa foto?
Non capendo molto queste critiche supposte "tecniche", continuo a sostenere la mia realizzazione non fallita. Gli aspetti di gusto non si possono discutere.
    Nick  [23 Settembre 2004 - 10:55]
   Andrea P. [22 Settembre 2004 - 15:47]
Quello che è stato indicato come pregio è secondo me proprio quello che manca: il taglio netto, il confine tra vivo e morto, tra salvato ed irrimediabilmente perduto. Tutto si perde in un passaggio soft che fa perdere la drammaticità all'insieme: si nota la distanza fisica tra i due mondi. Peccato anche per la sensazione che il bosco finisca subito al di la dell'inquadratura per quella mancanza di alberi nella parte centrale alta.
Non mi piace il verticale: la strada ha un percorso innaturale come una salita disegnata con la prospettiva sbagliata.
L'idea di base è eccezionale a confermare il colpo d'occhio del fotografo ma la realizzazione del progetto è fallita.
    FabioG  [22 Settembre 2004 - 13:00]
Bella foto, taglio e composizione ottimi.
    Jack  [22 Settembre 2004 - 10:50]
E' interessante. Il taglio netto fra il bosco che vive e quello che è morto. Ma non mi pare che ci sia altro, oltre alla bravura del fotografo nel catturare questo particolare in una sola fotografia.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]