INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Vernissages I


di Dino Ignani
22 immagini - 1.65 mb
data di pubblicazione: 28 Febbraio 2009



tags: mostre, museo, vernissage, visitatori

visualizza come slideshow

331 preferenze  vota

(4 commenti)
visto 3714 volte

Share
Torna ai Portfolio




Questo reportage è il primo di tre che presenta il lavoro "Vernissages" di Dino Ignani.


L’idea di questa ricerca si è concretizzata dopo una visita alla Biennale di Venezia del 2003.
Da quando ho iniziato a fotografare ho sempre con me una macchina fotografica compatta, così anche in quell’occasione ho fatto diverse foto.
In seguito mi sono reso conto di aver fotografato quasi esclusivamente i visitatori concentrati a osservare i dipinti, le sculture, le installazioni. Da allora sono più di tre anni che cerco di ritrarre in immagini la curiosità e a volte lo stupore dei visitatori davanti a un’opera, se poi le opere in mostra sono di grandi dimensioni provo a ritrarre i visitatori facendo in modo di “includerli” nell’opera stessa.
Per passare il più possibile inosservato, per non infastidire e per non creare imbarazzo uso quasi esclusivamente una macchina fotografica non professionale, quelle digitali compatte che ormai usano quasi tutti.

Si tratta di un lavoro in progress che attualmente comprende oltre trecento fotografie.

Dino Ignani



Al termine delle immagini le recensioni di Nico Valerio, Linda De Sanctis e Diego Mormorio.




reportage

MACRO (Museo d'Arte Contemporanea) - Roma



reportage

Galleria Il Ponte - Roma



reportage

Galleria Arturarte - Viterbo



reportage

AuditoriumArte - Roma



reportage

Galleria Arturarte - Viterbo



reportage

AuditoriumArte - Roma



reportage

Guggenheim Museum - Bilbao



reportage

Galleria Arturarte - Viterbo



reportage

Galleria Arturarte - Viterbo



reportage

Galleria Sales - Roma



reportage

AuditoriumArte - Roma



reportage

Galleria Sales - Roma



reportage

Temple University - Roma



reportage

Scuderie del Quirinale - Roma



reportage

Terme di Diocleziano - Roma



reportage

Galleria Comunale Il Lazzaretto - Cagliari



reportage

Fondazione Adriano Olivetti - Roma



reportage

Galleria Ore d'Aria - Roma



reportage

Accademia Britannica - Roma



reportage

AuditoriumArte - Roma



reportage

Galleria Ugo Ferranti - Roma



reportage

Biennale di Venezia 2003




Vai alla seconda parte del reportage (presto in pubblicazione).
Vai alla terza parte del reportage (presto in pubblicazione).



Recensioni

ANTI-FOTO. Ignani: "E ora fotografo il dito che indica la luna…"
Devo dire la verità: ieri sera, all’inaugurazione della mostra al "Bacco e Daguerre" (come dire "vino e fotografia) la sorpresa è stata grande. Dino Ignani come fotografo lo ricordavo, per uno scherzo della mia memoria selettiva, molto "naturalistico", anzi attaccato testardamente, ossessivamente, a certi minuti particolari da osservatore scientifico del 700, come le variazioni sulle contorte venature degli ulivi millennari della Sardegna, regione che lui ama, o le agavi appuntite e spinose, oppure disincantato osservatore di varia umanità, per lo più con una curiosa tendenza all’eccentrico e al diverso. Ma anche con i suoi paesaggi stralunati e le fotografie di reportage dal taglio sociale o antropologico con i suoi tipi umani, donne, soprattutto, ma anche vecchi scolpiti nel legno, starei per dire. E sì, perché Dino Ignani fotografa a colori, ma come tutti i veri artisti "pensa" in bianco e nero.
Tutto, però, mi potevo aspettare tranne che un’intera sua esposizione dedicata ad una provocazione sottile e inquietante: l’arte che riprende se stessa mentre viene osservata.

Inutile citare Duchamp o Breton, oppure l’intera schiera di surrealisti, avanguardisti, o i vari fotografi teorici dell’anti-fotografia. Qui direi che Ignani gioca finalmente sulla scommessa intellettuale del conflitto "foto-nonfoto" parteggiando allegramente per la seconda opzione, e relegando la fotografia al momento servile, ironico, della fruizione dell’opera, per di più altrui.
Instancabile frequentatore di mostre fotografiche, l’autore ha ripreso senza farsi notare gli osservatori nel loro osservare, quindi messi a nudo, insomma il pubblico a tu per tu con l’Opera. E ha scoperto così i veri protagonisti. Spesso piccoli-piccoli davanti ad un’opera semanticamente grande-grande. Ma qualche volta, all’opposto - ecco la sorpresa nella sorpresa - grandi-grandi davanti ad un’opera piccola-piccola, cioè di gran lunga più interessanti fotograficamente dell’oggetto stesso che stanno osservando. E nell’incertezza, nell’ambiguità dei due piani visivi sovrapposti in prospettiva si gioca la dialettica iconoclastica di Ignani, la sua cattiveria creativa, segno di intelligenza. Demistificazione e ironia in cui sguazza con apparente grande godimento. Di fronte a tanti mediocri "laudatores" di banalità, insomma, gente che fotografa la luna, Ignani capovolgendo e portando dalla sua parte il noto aforisma, fotografa "il dito che indica la luna".

Visti al vernissage, il critico Diego Mormorio, la giornalista culturale Linda De Sanctis (che hanno firmato le note di presentazione di sala), la storica d’arte contemporanea Rossana Buono dell'Università di Roma 2, l'organizzatrice di cultura Noa Bonetti, fotografi, attrici, registi, pittori e amici. Dal 12 al 26 aprile (fino all'una di notte), "Vernissages" di Dino Ignani, al Bacco & Daguerre, via N. Ricciotti 6 (piazza Mazzini), Roma

Nico Valerio



Ogni vernissage è un evento perché segna un incontro importante, quello dell'opera d’arte con lo spettatore. E’ un momento magico in cui può nascere in chi guarda l’emozione di riconoscere qualcosa di comune come un sentimento, o uno stato d’animo, oppure perché può esserci la sorpresa di scoprire qualcosa di assolutamente mai pensato che genera meraviglia, stupore, o magari anche il rifiuto per una sensazione troppo forte difficile da accettare. Può anche non succedere niente perché l‘artista non ha saputo comunicare o lo spettatore era distratto. Rimane sempre la suspense dell'incontro e la curiosità di scoprire cosa succede.
E' quello che da tre anni appassiona Dino Ignani, e che ha fatto nascere il tavoro "Vernissages". Le fotografie di Ignani raccontano questo specialissimo incontro tra arte e spettatore. Per cogliere questo momento Ignani si fa discreto, usa una macchina compatta perché non vuole disturbare lo spettatore. Vuole solo cogliere quel rapporto intimo e evocarlo. Nascono cosi immagini “silenziose” e “intime” che non parlano cioè della confusione della serata, della mondanità, del chiacchiericcio, ma dicono dello stupore, della sorpresa, dell’indifferenza. Spesso le tele, nelle immagini di Ignani sovrastano lo spettatore lo inglobano in loro, altre volte nei ritratti che combaciano con il volto detto spettatore rivelano un rapporto da pari a pari: due sensazioni magiche: è il potere dell’arte.

Linda De Sanctis



Fra le ricerche che, nel panorama italiano, possiamo considerare fra le più interessanti vi è quella che Dino Ignani ha compiuto nel corso degli ultimi quattro anni. Le immagini di questa ricerca sono state da lui raccolte sotto il titoto di Vernissages per via del fatto che esse sono state realizzate durante le inaugurazioni di mostre (soprattutto fotografiche). Ma, naturalmente, il tema non è affatto quello dei vernissages quanto tout court quello del linguaggio fotografico. In queste fotografie di Ignani, il visitatore della mostra diventa parte delle fotografie che sta guardando: entra in esse. In tat modo, il fotografo rende evidente un aspetto fondamentale della fotografia: la sua natura illusionistica fondata sulla meccanizzazione della rappresentazione prospettico-matematica. Nel suo interessato e divertito vagare per mostre fotografiche, Dino Ignani cerca, riuscendoci bene, di inglobare nelle sue immagini lo sguardo di altri fotografi e la presenza spesso ignara del pubblico. Mischiando l’altrui con il proprio egli fa convivere il prima con il dopo e il vicino con il lontano. Si tratta di immagini spesso motto belle, ma che al di là della loro bellezza hanno, come dicevo, il compito di parlarci del linguaggio della fotografia.

Diego Mormorio



© Dino Ignani - tutti i diritti riservati - vietata la copia e la riproduzione





IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  astronave1974  [10 Aprile 2009 - 17:49]
ah l'arte! che gioco meraviglioso! io guardo un'opera, che prima di tutto è stata vista dal suo creatore, e poi restituita al mondo...e poi qualcuno guarda me, che la guardo, e mi vede opera, e mi restituisce al mondo....e allora osservo l'opera restituita e fremo...per tanta bellezza! grazie
  Sanminiato77  [15 Marzo 2009 - 21:55]
Veramente un gran bel lavoro, complimenti!

Davvero affascinante l'idea dell'uomo di fronte all'arte.. un rapporto in cui l'arte, come credo si evinca anche da molti dei tuoi scatti, rappresenta spesso uno specchio attraverso il quale l'uomo conosce e studia se stesso.

Non vedo l'ora di vedere la continuazione di questa serie.
  Il Lele  [6 Marzo 2009 - 16:26]
le composizioni sono magnifiche!  un'idea di ricerca grandiosa. Tanti ma tanti complimenti e tutto il mio apprezzamento per questo lavoro.
  melisendo  [2 Marzo 2009 - 17:20]
Ho rivisitato più volte questo reportage, sempre cogliendo aspetti nuovi nelle varie immagini, sempre più intricanti e coinvolgenti. E' difficile aggiungere altro dopo aver letto le importanti recensioni che hai presentato, quindi posso solo aspettare con interesse le altre due parti. Complimenti.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]