INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Una mattina a N'Djanema


di Antonio Ulzega
14 immagini - 2.68 mb
data di pubblicazione: 5 Gennaio 2012

luogo: N'Djanema (Chad)
periodo: novembre 2011


tags: africa, chad, n'djamena, ulzega

visualizza come slideshow

198 preferenze  vota

(4 commenti)
visto 2806 volte

Share
Torna ai Portfolio




Una mattina a N'Djanema

A N’Djamena, il sole del primo mattino è già abbagliante quando pian piano le strade si animano e la gente passa con tutto il suo da fare mentre guardo, seduto su una panca vicino all’uscio della casa che mi ospita.
Le immagini fermano nel tempo passi svelti e lenti, bici, moto, carretti, taxi e minibus; tre personaggi in cerca d’autore stanno lì accovacciati nella loro postura, per noi improbabile, in attesa di qualcosa o qualcuno, un venditore d’acqua si ferma e dà loro da bere, una giovane si ferma e beve anche lei, altri personaggi passano….

Tchad, novembre 2011




>> Guarda in modalità SLIDESHOW


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage




>> Guarda in modalità SLIDESHOW



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  LightWriter  [10 Febbraio 2013 - 19:57]
Oggi dalle finestre non ci si affaccia più. Le braccia appoggiate al davanzale, trascorrevo lunghi momenti di pausa dallo studio osservando il passaggio della gente del quartiere, ci si sorrideva, ci si salutava. Osservavo, non immedesimandomi ma sperando di capire senza bisogno di chiedere nulla. 
  EliMaisha  [19 Settembre 2012 - 22:44]
Trovare un palcoscenico, fermarsi un po' e aspettare gli attori giusti... mi piace molto questo modo di fotografare, fatto di attese, sguardi, osservazioni...  è un modo per immergersi in altre realtà e per riuscire cosi a descrivere altri mondi e altre culture. Antonio, è molto bello questo tuo reportage! :)
  melisendo  [29 Gennaio 2012 - 19:33]
Leggendo il tuo commento, Sandro, mi torna ancora una volta alla mente quanto diceva il giovane Padre Silvano nella missione di Namahaca, in Mozambico: “…la stessa messa ti richiede lunghi spostamenti, attesa della gente, la lunga celebrazione, i canti e le danze…e la giornata passa.  “Cos’hai fatto oggi?” ...”Ho celebrato la messa!”…in Italia sarebbe ridicolo!”.
Eppure il fermarsi a guardare scorrere il tempo e la gente che passa è una ricchezza,  e questo è il senso del tempo che ho vissuto quella mattina a N'Djamena e che noi "occidentali" a quanto pare abbiamo volutamente perduto.
Grazie Sandro.
  SAndro  [25 Gennaio 2012 - 14:52]
Questo è il genere di portfolio che fatica a essere apprezzato in internet.
La tendenza è quella di esporre immagini di forte impatto, dai colori vividi e contrasti accentuati. E' quella di raccontare storie dalle luci forti, che vogliono interessare e incuriosire a tutti i costi, che non lasciano tempo e spazio a chi si pone a guardare.
La rete si è fatta contaminare da questo approccio, che rappresenta un segno del tempo e del gusto contemporaneo. Non sono contrario per principio, ma sembra che ci sia sempre meno spazio per lavori meno "urlati", caratterizzati da una fotografia forse più realistica e meno elaborata, in cui la concentrazione sul racconto e sulla sequenza ritorna al centro dell'attenzione.
Questo lavoro è come un mini-film, una serie di istantanee di strada, anzi della strada, segnata dai passi delle persone, dal loro consueto, usuale e quotidiano e banale attraversare. Si assapora la riscoperta del piacere del guardare lento.
In questo ci vedo un modo di essere molto "africano", ovvero il senso del "tempo speso", del fermarsi, anche senza far niente e guardare la gente che passa. Una cosa sempre più mal giudicata dagli occhi occidentali, eppure c'è e fa parte anche della nostra tradizione recente, quando i ritmi erano meno nevrotici.
E' così che leggo il tuo lavoro, un soffermarsi a osservare lo scorrere della vita e della particolarità delle persone che passano sulle strade polverose di una cittadina nel cuore dell'Africa, c'è moltissimo e pochissimo, ma un moltissimo e pochissimo tutto da scoprire.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]