INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Tunisia


di Stefano Trojani
19 immagini - 1.71 mb
data di pubblicazione: 17 Novembre 2009

luogo: Tunisia


tags: africa, deserto, sahara, trojani, tuareg, tunisia

visualizza come slideshow

296 preferenze  vota

(5 commenti)
visto 4165 volte

Share
Torna ai Portfolio




>> Guarda in modalità SLIDESHOW!




reportage

A bordo di una Jeep Land Rover nelle dune del deserto



reportage

Un particolare dell'anfiteatro romano di El jem



reportage




reportage




reportage

Una carovana di Tuareg su dei dromedari all'inzio del deserto del Sahara



reportage




reportage

I distributori di benzina "ufficiali" sono molto rari perchè molto onerosi (economicamente) a mantenersi. Nascono così i distributori "freelance" che offrono benzina a buon mercato nelle taniche direttamente sulla strada




reportage

Una casa interamente scavata nel tufo, regolarmente abitata da una famiglia di un'etnia dalla carnagione molto chiara presente in africa prima dell'invasione persiana




reportage

Il sole che sorge dall'acqua salata del lago Chott el-jerid (un lago salato grande 5.000 km/quadrati). Sono le 6 del mattino.



reportage




reportage

Il lago salato Chott el-jerid è ricoperto di cristalli di sale, che qui riflettono la tenue luce dell'alba



reportage

Un'anziana donna vestita secondo le sue antiche usanze



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage



reportage

Un Tuareg a cavallo che guarda si affaccia all'immensità del deserto del Sahara



reportage



>> Guarda in modalità SLIDESHOW!



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  melisendo  [24 Novembre 2010 - 21:33]
Ancora una cosa: quando si è in giro per il mondo è molto, molto difficile che si possa "tornare e ritornare a provare diverse inquadrature sullo stesso luogo".
Una foto persa o sbagliata è persa o sbagliata e basta, senza pietà!
Antonio
  melisendo  [24 Novembre 2010 - 21:27]
Ciao Stefano, mi fa molto piacere sentire la tua voce e la tua disponibilità al dialogo, quindi eccomi a chiarire il mio pensiero.

Dopo aver fatto tanti viaggi, fatte tante foto e fatti tanti reportages mi sono permesso un anno fa di farti le osservazioni che ora cerco di chiarire:

per “discontinuità narrativa” intendo la mancanza di un filo conduttore che guidi il lettore, o l’osservatore, lungo un percorso consequenziale, una strada maestra lungo la quale singoli episodi possano svolgersi con una sequenza logica fino a produrre un quadro organico del tema che si è voluto sviluppare.

Nel tuo caso la disposizione e la sequenza delle immagini non permettono di seguire un qualche filo conduttore: passi da una pista al teatro romano di El Djem, poi una carovana tra le dune poi una strada asfaltata e così via, in una sequenza realmente “discontinua “ nei contenuti.

Nel tuo caso si tratta quindi di rimettere ordine nella successione delle immagini per svolgere in modo più chiaro ed organico il tema che immagino fosse una carrellata a volo d’uccello sulla Tunisia, nei suoi molteplici aspetti.

Altro punto sono le “didascalie”, utili, ma non sempre determinanti, nell’accompagnare le immagini di un reportage. I punti che ritengo decisamente importanti in una didascalia sono la precisione della informazione che si vuole dare e l’effettiva necessità di dare un supporto “didascalico” all’immagine.

Ad esempio, nella prima foto dici “Jeep Land Rover”: o è una Jeep o è una Land Rover, sono due auto ben diverse; dici poi “nelle dune del deserto” ma lì non si vedono dune, a sinistra si intravedono dei piccoli cumuli di sabbie imbrigliare mentre a destra non c’è traccia di dune; infine sia la vegetazione sia il traliccio e i cavi elettrici o telefonici non aiutano nell’idea di “deserto”.

Altro punto: capisco che il tuo viaggio abbia per te avuto un particolare significato di avventura “africana”, però ti devo anche dire che le due foto della salita e discesa dei due fuoristrada nelle dune è la tipica “avventura” che offrono gli operatori turistici su quelle povere dune, sempre le stesse, che a mio avviso è meglio evitare di mostrare.

Potrei continuare su altri punti, ma spero che queste brevi note ti siano di stimolo per  approfondire l’affascinante tematica dei reportages.

PS: alcune foto mi piacciono molto :-)
  dottorj  [24 Novembre 2010 - 10:45]
Ciao melusedo. Mi dispiace non aver risposto subito al tuo commento, adesso che hai riscrittomi sono reso conto anche del tuo precedente messaggio.
Sono curioso di sapere a cosa ti riferisci quando parli di "discontinuità narrativa".
Personalmente ammetto di aver mischiato foto puramente paesaggistiche che lasciano un senso di immobilità e pace nello spettatore con altre quasi istantanee: attimi frenetici di vita di un paese così diverso dal nostro.
Purtroppo 15 giorni non sono bastati per immortalare tutto ciò che avrei voluto e forse sei riuscito a colgiere una certa "frettolosità" nei miei scatti.
Cosa che sto cercando di correggere in altre foto che sto scattando qui a Firenze (dove vivo), in modo di avere tutto il tempo possibile per tornare e ritornare a provare diverse inquadrature sullo stesso luogo.
Fammi sapere se quello che ho detto coincide con le tue impressioni.
Grazie :-)
Stefano
  melisendo  [24 Novembre 2010 - 09:23]
Oggi è il 24 novembre 2010, ed è passato un anno dal mio precedente commento!

Da parte dell'Autore nessun cenno di interesse a discutere le mie osservazioni, e questo mi lascia un pò perplesso perchè la mia idea è che l'appartenenza ad una comunità (in questo caso di cultori della fotografia) sia soprattutto quella di sviluppare lo scambio di idee, esperienze, conoscenze e quant'altro, per migliorare se stessi e gli altri.

Se invece un sito come questo è considerato solo un luogo dove mettere in rete le proprie foto, bè allora la cosa perde motivo di essere; ci sono tanti altri siti che non hanno aspirazioni culturali dichiarate dove chiunque può mettere dentro quello che gli pare!
  melisendo  [29 Novembre 2009 - 22:19]
Ho visto più volte il tuo reportage perchè tratta un argomento che mi sta particolarmente a cuore: il Magreb e in generale l'Africa sahariana. La Tunisia offre sicuramente spunti interessanti e meritevoli di essere descritti, come tu hai fatto e mostrato con belle immagini. Ho però anche notato una certa discontinuità e disomogeneità nella struttura narrativa del reportage, sia nella successione delle immagini sia nelle loro didascalie. Se ti interessa potremmo discuterne.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]