INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Tchad, il Trou Natron


di Antonio Ulzega
14 immagini - 2.73 mb
data di pubblicazione: 7 Giugno 2015

luogo: Tchad, Tibesti
periodo: febbraio 2015


tags: caldera, tchad, tibesti, ulzega, vulcani

visualizza come slideshow

149 preferenze  vota

(4 commenti)
visto 1852 volte

Share
Torna ai Portfolio




TCHAD, IL TROU NATRON


Nella parte occidentale del Tibesti tchadiano, su un vasto altopiano vulcanico a quota 2.500 m, si apre l’immensa cavità calderica del Trou Natron, profonda circa 800 m per una superficie di 40 kmq.
Il nome deriva dalla presenza nel fondo della caldera di un esteso deposito di “natron”, carbonato idrato di sodio, prodotto secondario del vulcanismo terminale, che spicca per la sua forte colorazione bianca.
Le pareti verticali che bordano la caldera si contrappongono al fondo pianeggiante dove l’attività vulcanica residua si evidenzia con più centri d’emissione avventizi, tra i quali spicca la morfologia perfettamente conica di un vulcanetto dovuta ad un’eruzione non datata ma probabilmente recente.
La discesa all’interno è piuttosto difficile, impegnativa e sconsigliabile ai turisti, peraltro ancora molto rari sia per obbiettivi problemi logistici sia perché solo di recente sono cessate nel Tibesti estese attività di guerriglia.
E’ così che, malgrado la nostra fosse una spedizione puramente scientifica, non ci è stato possibile scendere all’interno della caldera.

Tchad, Tibesti, Trou Natron, febbraio 2015



>> Guarda in modalità SLIDESHOW



reportage
All’alba sull’altopiano vulcanico, sullo sfondo il vulcano Toussidé



reportage
Riprese video sull’orlo della caldera



reportage
Il primo sole penetra all’interno



reportage
Panoramica del Trou Natron con il Toussidé, le pareti subverticali e sul fondo il biancore dei sali di natron


reportage
Alla base delle pareti l’erosione e la gravità depositano i detriti di falda



reportage
Sui detriti di falda sono conservati i solchi di ruscellamento delle acque legate a momenti climatici meno aridi dell’attuale. Negli antichi ouadi le falde acquifere sotterranee permettono lo sviluppo di una rada vegetazione arborea


reportage
Erosione gravitativa accelerata e conoidi di deiezione alla base delle pareti


reportage


reportage
Paleoidrografia sui depositi del fondo



reportage
Sulle pareti della caldera l’erosione ha messo in evidenza le fasi eruttive precedenti allo sprofondamento della caldera, caratterizzate da materiali magmatici la cui diversa composizione chimica e mineralogica si manifesta in vari colori, spessori e tessiture


reportage
Estrusione magmatica tardiva



reportage
Centro di emissione inattivo con sulla sommità tracce di vegetazione



reportage
E’ perfetta la morfologia conica del piccolo vulcano



reportage
In un ambiente da inferno dantesco quest’uccellino è venuto a curiosare



>> Guarda in modalità SLIDESHOW



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  PX - 21.000 GB  [9 Giugno 2015 - 23:26]
Belle fotografie e ottime informazioni dal mondo!
  Monyca  [9 Giugno 2015 - 13:07]
fantastiche! Incredibile che sulla terra ci siano luoghi del genere! Meno male sono difficili da raggiungere, cosi rimangono meno contaminati dall'uomo
  etabetaaaa  [8 Giugno 2015 - 23:00]
Incuriosito dal titolo stesso della foto del concorso ho osservato attentamente i
l'accurato reportage, posto singolare, confermo la scelta della foto del concorso.
Bellissima anche la didascalia dell'ultima foto, romantica.
Bravo Antonio
  Diana Cimino Cocco  [8 Giugno 2015 - 17:35]
ottimo reportage - ho notato che alcune immagini le hai ravvicinate per far comprendere meglio la struttura del territorio - complimenti



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]