INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Sampietrini


di Giovanni Liberatore
12 immagini - 1.00 mb
data di pubblicazione: 12 Aprile 2010

luogo: Roma


tags: chelucci, liberatore, pietra, raschiatore, roma, sampietrini

visualizza come slideshow

214 preferenze  vota

(14 commenti)
visto 3083 volte

Share
Torna ai Portfolio




Trovo che nella realtà quotidiana ci siano delle porte attraverso le quali è possibile entrare in una realtà soprasensibile, surreale, onirica, evocativa, sensuale. Trovare queste porte mi pone in uno stato di incoscienza-coscienza dove la mente non ha più controllo ed è l’inconscio che guida la macchina fotografica nello scatto: le foto scattate in quello stato hanno una intensità superiore e Sampietrini è un lavoro nato in questo modo.

Fausto Raschiatore, critico della fotografia sintetizza il lavoro nel modo seguente: “Un contesto linguistico singolare, materico, lirico, ispirato, stimolante dal punto di vista narrativo, equilibrato nei dosaggi espressivi, con una forte connotazione pittorica, tra l’astratto e l’informale, che sintetizza “Sampietrini”, ricerca interessante per i contenuti stilistici, estetici e quella speciale valenza di immaterialità “invisibilmente visibile” che la caratterizza.”

Maurizio Chelucci, direttore artistico di MassenzioArte scrive:
Sampietrini e' un lavoro equilibrato dove l'estetica della luce e la sensorialità della materia sono dosate in egual misura…
In Sampietrini e' evidente la vicinanza dell'autore al messaggio surrealista di Breton, secondo cui uno dei fini poetici dell'opera d'arte e' la ricerca di quella -realtà soprasensibile, invisibilmente visibile in un eterno mistero.



>> Guarda in modalità SLIDESHOW!



reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




>> Guarda in modalità SLIDESHOW!



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  kruger  [8 Febbraio 2015 - 17:17]
ci sarebbe bisogno di altri porfolio come questo
  Griccio  [8 Febbraio 2011 - 21:22]
Molto bello!
  Rosa  [26 Maggio 2010 - 19:15]
Fantastiche! Una serie veramente bella.
  Giovanni  [17 Aprile 2010 - 19:24]
grazie ennekappa. Hai ragione sulla ridondanza delle immagini.
  EnneKappa  [17 Aprile 2010 - 12:02]
Questi BW sono veramente incredibili, in alcuni scatti l'acqua sembra mercurio. Alcuni sono un po' ridondanti comunque è una serie bellissima.
Complimenti!
  Giovanni  [15 Aprile 2010 - 18:22]
Grazie llorenzo e SAndro, (anche per avermi fatto conoscere PC e  della citazione di un autore (Jodice) che a me piace molto).
 lorenzo [15 Aprile 2010 - 03:36]
davvero impressionante..
  Giovanni  [14 Aprile 2010 - 22:33]
Grazie Tore e Lele. Giovanni
  tore  [13 Aprile 2010 - 15:57]
Davvero uno splendido lavoro...una luce e un bianco e nero stupendi...complimenti!
  Il Lele  [13 Aprile 2010 - 12:24]
tanto gusto, tanta estetica, tanta ricerca. complimenti!
  SAndro  [13 Aprile 2010 - 12:15]
Si comincia col guardare le famose pietre delle piazze romane e si finisce per intraprendere "un viaggio".
La geometria diventa grafica, il dolce alternarsi di riflessi del liquido riempie i vuoti e ne crea altri, le morbide sagome delle pietre e questo sguardo ravvicinato, attento e sensibile, sono gli ingredienti di quello che apparentemente si presenta come uno studio grafico elegante e estetizzante, ma che invece evoca "altro", un'indagine sulla natura e su un certo modo di ritrarla, lento e col rischio di perdersi a guardare (citando Jodice).
  Giovanni  [13 Aprile 2010 - 11:32]
grazie dei vostri commenti e suggerimenti. x kruger la selezione per esposizioni su internet deve essere diversa, hai ragione. grazie
  kruger  [12 Aprile 2010 - 17:19]
Queste foto sono molto interessanti e mi trovano particolarmente sensibile sia al tema che alle grafiche che ne scaturiscono.Forse ne avrei selezionate meno per alcune pseudo ripetizioni che distraggono l'osservatore ,ma questa osservazione non deve intendersi come critica.Complimenti
  melisendo  [12 Aprile 2010 - 12:33]
Questo lavoro puntuale, raffinato, va ben oltre la materialità dei sampietrini, che da secoli guidano e sopportano il nostro andare.
Ed il gioco dell'acqua è un legante ora forte, ora effimero.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]