INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Montarbu


di Antonio Ulzega
10 immagini - 1.93 mb
data di pubblicazione: 5 Ottobre 2011

luogo: Sardegna
periodo: 2009


tags: montarbu, sardegna, ulzega

visualizza come slideshow

262 preferenze  vota

(3 commenti)
visto 2327 volte

Share
Torna ai Portfolio




Montarbu

Al centro della Sardegna, nella regione indicata dai Romani come luogo abitato dalla barbara gens, la Barbagia di oggi, si trova il “Tacco Montarbu”.
Si tratta di un vasto altopiano calcareo con altezze che vanno dagli 800 ai 1200 m, coperto da fitti boschi di lecci e roverelle e ricco di acque superficiali e sotterranee delle falde idriche carsiche.
Un tempo non molto lontano il Montarbu era abitato in piena libertà da cervi, daini, cinghiali, trote, aquile e fortunatamente oggi l’intero territorio viene gestito dall’Ente Foreste della Regione Autonoma della Sardegna che ne ha mantenuto in buona parte i caratteri originali (compresi i cervi e gli altri animali allo stato brado).
Queste immagini mostrano un torrente all’uscita dal massiccio calcareo del Tacco, con la conseguente precipitazione del carbonato di calcio di  cui sono ricche le sue acqua e la formazione di una successione a gradoni di vasche e cascatelle. 
Lo stesso torrente, in forma di canyon, è una delle poche “scale” (passaggi) che permettono l’accesso all’altopiano.


>> Guarda in modalità SLIDESHOW



reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




reportage




>> Guarda in modalità SLIDESHOW



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  Rosa  [26 Ottobre 2011 - 12:25]
Come è piccolo l'uomo difronte alla grandezza e allo splendore della natura!
E' un peccato che si presti così poca attenzione all'ambiente; per fortuna esistono, seppur circoscritte, aree incontaminate come questa.

  melisendo  [12 Ottobre 2011 - 12:02]
Per avere un'idea delle dimensioni dell'ambiente, nella foto n. 8 c'è una persona accovacciata, con la camicia bianca, che sta fotografando.   
  melisendo  [6 Ottobre 2011 - 06:39]
Da qualche parte ho già accennato alla stretta rispondenza della toponomastica dei luoghi, in lingua sarda, con gli elementi morfologici o cromatici che li caratterizzano.
 
Così questo altopiano deve il suo nome al fatto che le rocce calcaree mesozoiche che lo compongono hanno un colore bianco che si stacca nettamente dai colori scuri delle rocce cristalline, scisti e graniti, del basamento paleozoico.

Montarbu = Mont'arbu = Mons albus = Monte bianco.





Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]