INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Mies a Barcellona


di Simone Scortecci
7 immagini - 303 kb
data di pubblicazione: 27 Ottobre 2005

luogo: Barcellona
periodo: Giugno 2005

visualizza come slideshow

454 preferenze  vota

(3 commenti)
visto 18077 volte

Share
Torna ai Portfolio



Questo reportage è stato realizzato in occasione del nostro (io, Emiliano e Domenico) viaggio a Barcellona, nel giugno 2005.
Tappa obbligata per un architetto (o simile), questo splendido padiglione è uno dei pochi edifici che si può vantare di “aver fatto la storia dell'architettura”: anche un non addetto ai lavori rimarrà stupito all’interno di questo gioiello del razionalismo europeo.

Adesso un po’ di storia: il padiglione è stato realizzato nel 1929 in occasione dell’Esposizione Internazionale di Barcellona, ad opera di Ludwing Mies Van der Rohe per la propria nazione, la Germania. Al termine della manifestazione (1930) l’edificio venne smontato, per poi essere ricostruito tra il 1983 ed ‘86, come copia perfetta dell’originale (basti pensare che per riprodurre fedelmente le pareti in marmo venne fatta riaprire la cava algerina, da anni abbandonata, dalla quale erano state estratte le lastre originali!).
Il padiglione è semplicissimo, una maglia regolare di pilastri a croce in acciaio che sostengono il tetto piano e pochi setti, in vetro o marmo, a dividere l’ambiente, creando prospettive infinite, giochi di riflessi straordinari e fughe inaspettate: quello che potemmo dire il regno di un fotografo!



La vista esterna del padiglione, situato ai piedi del castello del Montjuic.



Esempio di spazio “altamente percettivo”: in simultanea possiamo vedere lo scorcio che termina con la bellissima statua di Kolbe (a sinistra), il pilastro a croce e la parete in vetro opalino che riflette la vasca d’acqua esterna.



Due dei protagonisti della vacanza in azione: Domenico dietro ad una lastra di vetro fotografa uno scorcio, mentre io lo immortalo tra i riflessi del verde retrostante.



Lo scatto che preferisco, il sottile gioco dei riflessi nel buio del padiglione.



La foto più classica che possa esistere, visibile in ogni libro sul tema: come facevo però ad evitare d’inserirla?



La mia volontà dentro “l’involucro” era quello di coglierne ogni sua virgola, ogni sua sfumatura: notate com’è freddo e distaccato adesso tutto l’edificio, quando si focalizza l’attenzione sui forti chiaroscuri e sul vetro riflettente.



"riflesso"

Questa immagine ha partecipato alla 14° edizione ("Predatori della luce") sul tema “Bellezza”, potete vedere la sua scheda completa e i commenti che ha ricevuto dalla pagina dedicata.


Tutti gli scatti sono stati realizzati con corpo macchina Canon EOS 300V, obiettivo Canon EF 28-90 II. Le foto a colori sono realizzate con pellicola Kodak ISO 200, le immagini in bianco e nero con pellicola Fuji Neopan ISO 1600, entrambe acquisite con CanoScan 8400F.

Per informazioni sul Padiglione di Barcellona di Mies: www.miesbcn.com



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:




commenti
 Giammarco [5 Maggio 2010 - 10:08]
Ragazzi sapreste dirmi quale possa essere il costo di un singolo pilastro di quel tipo?????????????????grazie............
  Jack  [19 Ottobre 2007 - 12:19]
Noto con molto ritardo questo reportage e me ne scuso... Una mancanza imperdonabile.
Un regno ideale per un architetto-fotografo: ci sarai andato a nozze! E infatti noto con piacere che il risultato si vede eccome. L'ambiente aiuta parecchio, ma il tocco personale è avidente e ricercato. Peccato solo che gli scatti siano così pochi, ma da questo punto di vista si apprezzano maggiormente.
Congratulazioni per la pulizia in generale e la cura con cui ha lavorato su tutti gli scatti. Oltre tutto gli originali sono su pellicola e questo dimostra la grande padronanza e maestria che hai avuto nello scannerizzare le foto.
  SAndro  [12 Gennaio 2006 - 23:27]
Un reportage architettonico dedicato non solo agli architetti...
Mi piace molto la selezione delle foto, molto pulite, ben costruite e con un raffinatissimo bianco e nero. E' evidente lo sforzo di realizzare composizioni ben equilibrate e studiate, cercando di valorizzare gli ambienti del padiglione.
Nota personale: anche per me il migliore è lo scatto che tu stesso preferisci (il 4° a partire dall'alto). Veramente molto bello. Bravo.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]