INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


L'isola della Sémillante


di Antonio Ulzega
10 immagini - 1.92 mb
data di pubblicazione: 17 Agosto 2012

luogo: Lavezzi (Corsica)
periodo: 1968


tags: bocche di bonifacio, corsica, lavezzi, naufragio, sémillante, ulzega

visualizza come slideshow

233 preferenze  vota

(5 commenti)
visto 3107 volte

Share
Torna ai Portfolio




L'isola della Sémillante


1968, alla fine dell'inverno si vedono poche barche veleggiare nelle acque calme delle Bocche di Bonifacio; una bolina larga di maestrale porta il mio sloop St. Etienne, un Arpege di Mostes, da La Maddalena a Lavezzi, l'isola della fregata francese Sémillante. 

1968, sbarco sull'isola poco più di novant'anni dopo quel febbraio del 1855 quando una terribile tempesta da maestrale trasformava le Bocche di Bonifacio in un inferno di onde gigantesche, con una corrente da fiume in piena creata dalla massa d'acqua che dal Mare di Sardegna veniva sospinta nella strettoia delle Bocche. Così  in quell'inferno di acqua e di vento la Sémillante si schiantava sulle secche granitiche che circondano l'isola di Lavezzi portando con se nel naufragio tutti i 700 uomini presenti a bordo tra marinai e soldati di terra diretti a Sebastopoli per la guerra di Crimea.

1968, quarantaquattro anni fa, fotografavo con la fedele Rolleiflex le spiagge deserte e gli scogli di Lavezzi per andare poi a rendere omaggio alle vittime della Sémillante nel piccolo cimitero che guarda le Bocche.

Bocche di Bonifacio, Lavezzi, 1968



>> Guarda in modalità SLIDESHOW


reportage
Spiaggia di Cala Lazarina, di fronte la "Pyramide de la Sémillante"


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage


reportage
Cala di u Giuncu


reportage
Cala di Grecu


reportage


reportage
Il cimitero dei naufraghi della  fregata Sémillante



>> Guarda in modalità SLIDESHOW


Fotocamera Rolleiflex 3.5f con pellicola Ilford FP4 Plus.



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  silvvv  [23 Settembre 2012 - 23:56]
nel complesso sono molto chiare e abbaglianti, in ogni caso bellissima la prima foto
  EnneKappa  [12 Settembre 2012 - 14:10]
Bellissima serie. La prima e la settima le mie preferite. Interessante anche storicamente, come lo sono spesso i tuoi reportage. Complimenti!
  murcog  [31 Agosto 2012 - 19:09]

allora pardon l'informazione non è corretta( mi èstata data direttamente in loco dal corso che porta a fare il giro inbarca a lavezzi e cavallo). Comunque pur adorando la sardegna maper il motivo sopradetto (cementificazione insostenibile in alcunezone) ho frequentato molto la corsica in particolare la riserva discandola, ed anche là intorno pur essendo una roccafortedell'ortodossia corsa contro la cementificazione si i9ncomicia avedere qualche complesso residenziale di troppo.... parigi prememolto mi dicono e itempi delle “demolizioni” a sorpresa sembranopiano piano essere sempre di più un bel ricordo.

  melisendo  [31 Agosto 2012 - 16:13]
Grazie murcog, è stato emozionante ai tempi girare per quell'isola deserta.
Oggi la situazione è molto diversa, le isole di Lavezzi e Cavallo fanno parte della Riserva Naturale Corsa di Bonifacio e si possono visitare solo in barca a vela, sono proibiti i motori.
La casa degli Agnelli si trova sull'isola Cavallo, molto vicina a Lavezzi.
La casa di Benigni si trova nell'isola Santa Maria che fa parte del Parco Marino Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena, di cui ho avuto il piacere di essere stato il primo Direttore.
Il Berlusca ha invece la sua casetta a Porto Rotondo, vicino ad Olbia, per fortuna lontano da Lavezzi e da La Maddalena. 
Purtroppo le brache le hanno calate malamente gli italiani, certamente non i corsi che hanno ben più rispetto di noi dei loro ambienti natural.

  murcog  [31 Agosto 2012 - 13:51]
le considero tra le più intense che hai inserito fino ad ora...alcune magiche come certi scatti di weston. l'attrezzatura e pellicola fanno il resto.curiosità: ma la villa degli agnelli c'era già? adesso pure benigni ce l'ha mi sa vicino a quella del berlusca. qui i corsi di fronte ai soldoni hanno calato le braghe...peccato. cmq veramente bellissime.



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]