INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Le ghiacciaie del Reno


di Adolfo Straziati
15 immagini - 2.60 mb
data di pubblicazione: 7 Ottobre 2012

luogo: Le Piastre (Pistoia)


tags: ghiacciaia, ghiacciaia della madonnina, pistoia, reno, straziati

visualizza come slideshow

163 preferenze  vota

(3 commenti)
visto 7264 volte

Share
Torna ai Portfolio




Le ghiacciaie del Reno


Le Piastre, paese della Montagna Pistoiese situato a 740 metri di altitudine, si è ampliato nel 1769 dopo l'apertura della strada che ha permesso la comunicazione tra Pistoia e Modena. 
Fu il Granduca Pietro Leopoldo II di Lorena a realizzare la strada sul versante toscano, che consentì il commercio ed in particolare il trasporto di ghiaccio in blocchi, tramite l'uso di barrocci, tra la Toscana e l'Emilia Romagna. 

La valle del Reno, poco soleggiata ed esposta ai venti freddi del nord è caratterizzata, nelle stagioni invernali, da temperature particolarmente rigide.
Si adattava alla produzione del ghiaccio che veniva conservato dentro particolari costruzioni, la più famosa è la Ghiacciaia della Madonnina, situata a circa 1 Km dalle Piastre.
Un percorso pedonale costeggia il Fiume Reno e permette di osservare le piccole chiuse e gore, che servivano a deviare le acque nei laghetti nei quali si otteneva la formazione del ghiaccio naturale.
Di fronte alla ghiacciaia si trova il laghetto, dotato di condotti di entrata e di uscita per le acque del Reno.
Il ghiaccio così prodotto e frantumato con appositi picconi, veniva conservato nella ghiacciaia di pietra assieme a foglie, utilizzate come isolante, dove si manteneva allo stato solido fino all'arrivo della stagione calda.
Il ghiaccio serviva al fabbisogno soprattutto degli ospedali di Firenze, Pistoia e Montecatini e per le ville signorili.

La ghiacciaia della Madonnina è l’edificio più grande destinato alla conservazione del ghiaccio nei pressi delle Piastre. Realizzato in pietra locale, presenta una struttura tronco-conica con basamento in muratura e copertura in paglia di segale e tegole.
Ha un’altezza complessiva di m.15,60 e un volume di 760 metri cubi, il fondo, costituito da pietrame, è dotato di un sistema di drenaggio.
Tre porte, disposte a diverse altezze, consentivano l’accesso all’edificio a seconda della quantità di ghiaccio presente.


>> Guarda in modalità SLIDESHOW


reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage

reportage


>> Guarda in modalità SLIDESHOW



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  LightWriter  [18 Febbraio 2014 - 18:30]
Molto interessante e istruttivo. Ci vorrebbero più portfolio come questo per far capire alla moltitudine umana di oggi dipendente dal "già pronto" la necessità della conoscenza, nel senso il più possibile lato.
  PX - 21.000 GB  [7 Ottobre 2012 - 22:30]
Le ricerche storiche informano che dalla fine del 1700 fino al 1930 in Toscana erano in funzione numerose ghiacciaie e si trovavano soprattutto lungo il Fiume Reno sulla Montagna Pistoiese perché sfruttavano due caratteristiche particolari del territorio: il freddo e l'acqua.
Quando negli anni '30 fecero la la comparsa il ghiaccio artificiale e il frigorifero l'attività di produzione del ghiaccio naturale tramite le ghiacciaie terminò.

Recentemente la Ghiacciaia della Madonnina è stata interamente restaurata per scopi didattici, ed inserita come attrazione nell'Ecomuseo della Montagna Pistoiese nell'ambito dell'itinerario del ghiaccio.
  melisendo  [7 Ottobre 2012 - 10:11]
Che luogo incredibile! 
Un altro angolo nascosto del nostro Paese, un altro tassello che si aggiunge al quadro di quell'Italia che vive fuori dai grandi, obbligati e a volte noiosi circuiti turistici.
Ma si raccoglie ancora oggi il ghiaccio che sicuramente ad ogni inverno si rinnova nel laghetto? 



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]