INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


I mercati nella Valle dell’Omo in Etiopia


di Simona Ottolenghi
17 immagini - 1.44 mb
data di pubblicazione: 14 Maggio 2008

luogo: Etiopia
periodo: Agosto 2007


tags: africa, etiopia, mercati, viaggi

visualizza come slideshow

488 preferenze  vota

(2 commenti)
visto 4824 volte

Share
Torna ai Portfolio




Lo scorso agosto ho fatto un bellissimo viaggio nel sud dell’Etiopia, nella valle del fiume Omo.
Ero stata due anni fa in Africa, nella zona del Sahel, e… il mal d’Africa ha colpito anche me!
L’interesse per le etnie più primitive mi ha portata in questa zona, in cui vivono popolazioni con tradizioni e culture ancora molto antiche.
Fotografare non è stato per nulla facile.
Incredibile arrivare dopo chilometri di strade sterrate, dove sembra che il mondo sia rimasto lontano, in villaggi i cui abitanti sono talmente abituati ai turisti con le macchine fotografiche che ne hanno fatto un vero business!
Erano lì tutti in posa ad aspettare lo scatto, per poi chiedere un birr (pari a circa 10 centesimi) per foto… inutile dire quanto sia stato difficile riuscire a cogliere uno sguardo  vero e spontaneo…
…abbiamo saputo in seguito che negli anni ’80 c’è stato un vero boom fotografico in quei luoghi, dove reporters e foto-giornalisti pagavano generosamente per foto molto poco spontanee!
I posti ancora veramente genuini sono i mercati, luoghi d’incontro e di scambio delle etnie provenienti dai vari villaggi, luoghi frenetici, colorati, pieni di vita… e sicuramente più adatti per scattare “quasi” liberamente.
Ho deciso di pubblicare questo report proprio sulla vita di alcuni di questi mercati, e, nelle ultime foto, sulla gente che torna a cavallo verso i propri villaggi dopo la giornata di shopping.

Ho scattato con una Nikon D80, con obiettivi Sigma 12-24, Nikkor 10-70, Sigma 70-200 f/2.8.
Per i ritratti uso parecchio il tele, mentre per le foto d’insieme preferisco “divertirmi” con riprese grandangolari.

reportage

mercato di Dorze


reportage

mercato di Fasha, punto di incontro e scambio della popolazione di etnia Konso


reportage

mercato di Fasha


reportage

mercato di Fasha


reportage

mercato di Fasha


reportage

mercato di Turmi frequentato da gente di etnia Hammer: le donne, come si vede dalla foto, usano farsi frustare sulla schiena dagli uomini, per dimostrare loro di essere forti e quindi alla loro altezza… e non prendiamo esempio!!


reportage

mercato di Turmi


reportage

mercato di Key Afer


reportage

mercato di Key Afer


reportage

mercato di Key Afer


reportage

mercato di Yabello


reportage

mercato di Yabello


reportage

di ritorno dal mercato di Dinsho, dove purtroppo non siamo riusciti ad arrivare! Ho voluto comunque inserire queste foto… la bellezza del posto e le immagini che ricordavano un episodio biblico non sono facilmente descrivibili: pioveva, uomini e donne a cavallo avvolti da stoffe colorate che sembrava scappassero, una luce pazzesca…


reportage

di ritorno dal mercato di Dinsho


reportage

di ritorno dal mercato di Dinsho


reportage

di ritorno dal mercato di Dinsho


reportage

su un muro di una casa tra il villaggio di Turmi e il mercato c'era enorme questo dipinto. Lo trovo emblematico: racconta in una sola immagine l'idea che hanno questi popoli del turista occidentale, che che forse, purtroppo, non è nemmeno così sbagliata: l'unico fine del viaggio è lo scatto, spesso senza rispetto di chi si ha davanti, senza interesse nella storia e nella vita, senza curiosità. Si entra nei loro villaggi con l'unico fine di portare a casa più foto possibile, poca importanza per la qualità dell'immagine, basta che siano tante. Loro ne hanno approfittato, facendoci trovare vere e proprie scenografie di posa in cui il turista scatta, paga e se ne va... ho trovato tutto questo molto triste, ma... vogliamo biasimarli?



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:





commenti
  kruger  [20 Agosto 2012 - 17:15]
Mi era sfuggito questo reportage. Mi piacciono questi racconti fotografici dove si percepisce una rapidità decisionale del fotografo che deve cogliere l'attimo o il dettaglio in quel momento.Lo hai saputo fare molto bene, sopratutto in alcune come nella schiena scarnificata e nella donna in rosa.Essendo tu insieme ad un paio di nomi i fotografi che più apprezzo mi domando che fine avete fatto? Ci siete ancora?
 Robbb [3 Marzo 2010 - 22:19]
Queste foto sono bellissime, ma ora sei diventata ancora più brava!



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]