INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Dead Valley


di Sergio Sbardellati
14 immagini - 548 kb
data di pubblicazione: 7 Gennaio 2009



tags: america, dead, valle

visualizzazione normale

486 preferenze  vota

(6 commenti)
visto 3832 volte

Share
Torna ai Portfolio



This site requires Flash Player 8.0 or greater
Please click here to download.



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:




commenti
  kruger  [13 Gennaio 2010 - 15:24]
Rispondo a Griccio. Ti ringrazio per i commenti. Ho usato la Olympus E1 che ha sostituito dal 2005 le vecchie OM 1 e OM2. Sulla tecnica di ripresa non ho molto da dire. Sulla post produzione posso dire che nella conversione B&W ho spesso usato il filtro rosso ed un leggerissimo seppia. I contrasti naturali hanno fatto il resto.
  Griccio  [2 Gennaio 2010 - 15:11]
Complimenti bellissimi bianconero, che adorerei vedere stampati! Una curiosità, digitale o medio formato? Posso sapere un po' di info tecniche? Grazie!
  melisendo  [16 Giugno 2009 - 17:37]
Gli ambienti desertici sono la mia passione (oltre che oggetto di studio) e la Valle Morta è uno dei più rappresentativi del "nulla" dei deserti. Le tue foto danno il senso di questo "nulla" e di questa totale assenza di "vita". Complimenti.
  SAndro  [8 Gennaio 2009 - 12:39]
Tecnicamente perfette, queste fotografie cominciano un racconto con il classico linguaggio "on the road", paesaggi sterminati e luoghi poco comuni agli occhi europei, abituati a scenari decisamente meno sterminati.
Poi proseguono virando verso "altro".

Il bianco nero "ambrato" ci spinge in una dimensione di solitudine e immensità, di rarefazione del paesaggio, fatto di pochi elementi ma fortemente coinvolgenti e d'impatto.
La valle della morte, non può che ricordare gli scrittori della generazione beat, lo stesso "sulla strada" dello stesso Kerouac, anche se qui c'è una dimensione più contemplativa e estatica, attenta al dettaglio. Sento come la volontà di intrappolare una certa precisa luce, una certa precisa atmosfera, che leggo più nelle ultime foto, forse perchè le prime hanno un approccio più comune verso il soggetto.
Il rapporto tra lo sportello ruvido della camionetta e le linee sterminate del deserto è stupendo.
E' proprio un'indagine sulla luce, mi piacerebbe anche di più evitando di presentare i luoghi comuni del deserto, concentrandosi invece tutto sulla precisa descrizione dello spazio, anche astratto, e della luce stessa.
  SAndro  [8 Gennaio 2009 - 12:33]
Quindi più che valle della morte è "la valle morta" :-)
  Sanminiato77  [8 Gennaio 2009 - 09:30]
wonderful!!

(comunque si chiama Death Valley... non Dead Valley... ;-))  )



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]