INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto

4 Ottobre 2012 - 18 Novembre 2012
regolamento invia foto! vincitori partecipanti


Sei un nuovo utente? Registrati!

Withe House

11° - Withe House

torna alla galleria ^^




autoreinformazioni sulla fotografia
Antonio Ulzega

 alias melisendo 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 58. Omaggio ad Ansel Adams
galleria: Ansel Adams
sorgente: pellicola
flash: no
data:
data di upload: 18 Ottobre 2012 - 08:01

statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8 2
7 3
6 6
5 3
4 3
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione11° su 33 1614°
punteggio 5.721 5.721
numero voti1717
commenti8
visite5101720

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






Madagascar Underwater I
di Mauro Margutti


Hai già visto questo portfolio?
Ti invitiamo a scoprirlo e lasciare un commento all'autore.
commenti
    Alessandro  [18 Novembre 2012 - 13:09]
Uno degli scatti che mi piace di più per la sua forza espressiva. Forse troppo enfatica per lo stile di riferimento del concorso, ma bella!
    gilius76  [18 Novembre 2012 - 01:20]
Mi piace
    Il Lele  [13 Novembre 2012 - 10:24]
Di nuovo, anche qui ben evidente l'omaggio a AA, reinterpretato. Anche qui per gusto personale non condivido molto la scelta compositiva che pur dando risalto alla maestosità e alla verticalità della parete, lascia solo un microscopico pezzetto di cielo che finisce forse per schiacciare troppo il resto, soffocando un po' l'immagine. Nel complesso valuto comunque l'immagine positiva, sia nel risultato finale in termini assoluti che relativamente al tema.
    EliMaisha  [11 Novembre 2012 - 20:35]
Forse sarà colpa dell'inquadratura ma non capisco bene quale sia il soggetto della foto e di conseguenza non mi trasmette nulla, mi spiace
    Pascà  [11 Novembre 2012 - 18:59]
Anche in questo caso l'analisi di Sergio è condivisibile in pieno.
Inquadratura che non esalta nulla, anche la roccia nella sua forza, ne viene penalizzata.
Concordo con l'autore in merito al fatto che le rovine non devono essere necessariamente il soggetto principale, ma allora dovevi cercare di dare un taglio tale da enfatizzare la maestosità della parete rocciosa.
Queste restano considerazioni personali ovviamente.
Ma quando decidiamo di mettere le nostre immagini in pubblico, sia in rete che in una mostra, queste non sono più nostre.
Diventano oggetto dell'analisi del pubblico e oggetto delle più disparate e controverse considerazioni, sia sulla parte tecnica che sulle scelte compositive.
Tu ne resterai sempre l'autore, ma sarà sempre e comunque il pubblico (esperti e/o non esperti) a definirne il successo o meno.
Questo è lo scatto di Ansel Adams, se non sbaglio, in questo stesso luogo.
    blademoon68  [6 Novembre 2012 - 16:37]
Se tutti fotografiamo allo stesso modo, sarebbe tutto una noia tremenda.
A me la foto da una bella sensazione.
La robustezza del posto dove hanno edificato e una parete penso stupenda per arrampicarsi.
Penso stupenda perchè preferisco scendere nelle grotte che arrampicarmi.
Un bel luogo documentato bene con questo scatto. :)
Semplice no ;)
    silvvv  [5 Novembre 2012 - 22:04]
Bella, comunica un senso di oppressione
    PX - 21.000 GB  [28 Ottobre 2012 - 22:30]
Bella fotografia. Un vero omaggio a Ansel Adams!
    melisendo  [22 Ottobre 2012 - 18:01]
l'autore rispondeGrazie kruger, per il richiamo all'ordine, e sai bene che detesto il commento "NON MI PIACE".

Cercherò di spiegare il mio punto di vista, nello spirito di questo sito.
 
Il titolo dato a questa immagine è il titolo che ha dato Adams ad una sua foto che riprende lo stesso luogo, non frontalmente ma di lato, dalla destra di chi guarda e malgrado il titolo anche per lui le rovine non sono il soggetto principale.
Il titolo indica la parte per il tutto, formato dall'insieme delle rovine e della parete rocciosa dentro cui sono inserite, altrimenti avrei potuto dare l'immagine delle sole rovine estraniandole dalle rocce incombenti; la parete è talmente alta che ho scelto di usare il Nikkor 20 mm (analogico) per dare il senso della grandiosità del luogo. Tu mi insegni che con un 20 mm le distorsioni sono forti, quindi perchè sottolineare il fatto che le case sono distorte quando sai che l'obbiettivo usato è quello, e che le stesse rovine si trovano al lato dell'immagine? Eppure certamente sai anche che il Nikkor 20 mm era uno dei grandangolari più spinti e corretti in commercio.
Il cielo compare come una sottile striscia per chiudere la parete verso l'alto e dare un'idea della sua altezza in rapporto alle dimensioni delle case.

Ovviamente ho fatto tante altre foto dentro il Canyon de Chelly, alcune già pubblicate su questo sito, altre lo saranno presto, ma ho scelto questa per il concorso poichè ho ritenuto che si avvicinasse in modo particolare allo spirito ed allo stile di Adams e che fosse quindi un segno di rispetto ed omaggio per lui. 

Sul filtro rosso mi pare che non ci sia altro da aggiungere a quanto già detto.

Buon vento
    kruger  [22 Ottobre 2012 - 16:40]
commentoQuì si capisce ancora una volta che con certi autori (piuttosto che cercare di spiegare il proprio punto di vista, anche critico, ed è questo che dovrebbe esserci in  questo sito) è meglio non entrare in confronto.Allora basta dire semplicemente NON MI PIACE  senza commento? E' questo che si vuole?
    melisendo  [22 Ottobre 2012 - 16:19]
l'autore risponde
kruger, le tue considerazioni sull'uso di un obbiettivo grandangolare, su cosa togliere o mettere dentro una immagine, su quale elemento della scena privilegiare, sono fatti assolutamente personali e dire "io avrei fatto così io avrei fatto cosà" non ha alcun senso: primo perchè non sei tu l'autore, secondo perchè tu non eri lì a fare le scelte sul campo e terzo perchè la percezione dell'immagine finale (leggi "visualizzazione" secondo Adams) e come e con quali mezzi ottici raggiungere quel risultato può essere solo una libera scelta di chi ha in mano in quel momento la fotocamera.

Detto questo ti lascio ai tuoi errori sull'uso del filtro rosso visto che io in nessuna delle mie foto ho mai usato il filtro rosso, nè al momento dello scatto, nè in camera oscura, nè in postproduzione digitale.
Buon vento 

Ps:  Ansel Adams scrive: "...il fotografo ha la totale libertà di espressione e non è in nessun modo limitato dalle mie idee sull'arte o da quelle di chiunque altro".
Ansel Adams, "La fotocamera", introduzione pag lX,  ed. Zanichelli 1989 
    murcog  [22 Ottobre 2012 - 13:02]
voto  positivo prima di tutto perchè andare nei luoghi adamsiani e rifotografarli fa già parte del migliore omaggio che si possa fare a questo autore .non so se tutti( anche avendone la possibilità)  scarpinerebbero (magari sotto il sole cocente) per vedere questi luoghi.
    spriggan  [21 Ottobre 2012 - 14:01]
ancora una volta concordo in pieno con kruger.
    kruger  [21 Ottobre 2012 - 10:24]
La ripresa grandangolare ,spinta , privilegia la roccia del canyon ma sacrifica gli edifici che appaiono parzialmente tagliati ed ovviamente distorti dalla focale.L'immagine la trovo alquanto chiusa nel senso che avrei preferito vedere di più il cielo, ne avrebbe beneficiato il respiro della scena.La White House , questo è il soggetto principale che titola la foto, avrebbe dovuto  avere maggiore visibilità e magari un'altra prospettiva ,anche sacrificando parte della parete rocciosa.Una ultima considerazione riguarda il trattamento del B&W dove intuisco un uso spinto del filtro rosso. Mi rendo conto di fare anche io  questi errori di correzzione solonquando lo vedo in altre foto, ma in questo caso hai anche bruciato troppo la parte bassa. 
    melisendo  [20 Ottobre 2012 - 19:33]
l'autore risponde
Grazie Monyca per il tuo garbato intervento. 
Ho notato che anche tu qualche volta usi quell'espressione, ma non mai avuto dubbi sul tuo reale dispiacere nel dare giudizi non positivi, e nel tuo spirito questo è ampiamente giustificato e corretto, oltrechè utile a chi li riceve.
    Monyca  [20 Ottobre 2012 - 15:16]
commentoScusa se mi intrometto, avendo gia dato il mio voto, ma ho letto il tuo disappunto sulla frase Mi spiace.
Mi sento un po' presa in causa perche' anche io, quando do' dei voti negativi, la uso spesso. Io la trovo una gentilezza, almeno per me e' cosi'. Mi spiace dover dare un voto negativo, soprattutto quando lo do a un fotografo che apprezzo, mi spiace che magari non ho capito del tutto la foto, mi spiace non rientrare nei gusti di chi ha scattato. Per me e' una frase gentile, che in qualche modo stempera. E... mi spiace che a te non piaccia questa frase aggiunta ai commenti. :)
    melisendo  [20 Ottobre 2012 - 07:59]
l'autore rispondeciccone1981.....ecco un'altra perla dei tuoi illuminati e profondi commenti, e conseguente voto come sempre negativo!

E' evidente che non hai la minima idea di chi sia Ansel Adams, come pure è evidente che non ti sei neppure preso la briga di di andarti a vedere le sue foto più conosciute!

    melisendo  [20 Ottobre 2012 - 07:54]
l'autore risponde
alterego....quel "Mi spiace" potresti evitarlo!  Che cosa ti spiace?  Ti spiace che questa foto non ti piace? Ti spiace che l'Autore si rattristi per il tuo voto o per il tuo ridicolo commento?

Volevi forse vedere su una parete rocciosa verticale in Arizona una foresta di betulle?

Degnati di andare a guardare le foto di Adams sui parchi dell'West prima di continuare a fare commenti talmente disarmanti.

    ciccone1981  [20 Ottobre 2012 - 01:31]
confusa
    alterego  [19 Ottobre 2012 - 22:37]
Un paesaggio troppo arido che non trasmette nulla. Mi spiace
    Monyca  [19 Ottobre 2012 - 12:56]
La cosa che mi piace di piu' e' la prospettiva, che la fa rendere davvero imponente
    melisendo  [19 Ottobre 2012 - 05:38]
l'autore risponde
Withe House ruines è quanto resta di un villaggio Anasazi costruito dentro una cavità in parete del Canyon de Chelly, in Arizona, fotografato da Adams nel 1942.
Nell'altopiano dell'Arizona la profonda incisione del canyon, con le sue pareti verticali ed il fondo piatto ricco di acqua e di vegetazione, è stato prima abitato dal popolo Anasazi, poi rifugio del popolo Navajo dove fu massacrato dal generale Custer.
Il Canyon de Chelly National Monument è stato molto amato da Adams e le sue foto arricchiscono il quadro dei parchi dell'Arizona, Utah, New Mexico, che rappresentano un pilastro della sua produzione.

Questa immagine è del 1997, scansione da pellicola Kodachrome 25, fotocamera Nikon F Photomic, obbiettivo Nikkor 20 mm f 3.5

    Christian  [19 Ottobre 2012 - 01:05]
avere lasciato solo una fettina di cielo fa apparire ancora più maestosa e pesante la montagna che incombe sulla casa, mi piace.
    willer  [18 Ottobre 2012 - 19:56]
Molto originale, danno un pò fastidio le bruciature in basso, ma nel complesso sufficente.
    frio  [18 Ottobre 2012 - 15:42]
bella ma la trovo un po troppo confusa



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]