INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

loneliness


4° - loneliness





autoreinformazioni sulla fotografia
Jacopo Salvi

 alias Jack 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 1. la Fenice
galleria: Sentimenti
macchina: CASIO QV-R3
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/100 sec
diaframma: f/4,6
focale: 98 mm
ISO: 125
flash: no
bilanciamento del bianco: manuale
data: 27 Novembre 2003 - 10:41
data di upload: 16 Aprile 2004 - 22:45

tags: natura morta
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10 2
9
8 1
7 9
6
5
4
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 12 182°
punteggio 7.161 7.161
numero voti1212
commenti0
visite812305

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






Amazigh
di Marco Bambi


Hai già visto questo portfolio?
Ti invitiamo a scoprirlo e lasciare un commento all'autore.
commenti
    sisco!  [30 Aprile 2004 - 23:52]
La rete indefinita di sedili dello stadio di Monaco crea una sorta d'intrigante maglia ancestrale, di una potenza incredibile: niente può lacerarla, nessuno la può rompere e tutto ciò che avvolge muore! La foto rappresenta simultaneamente l'infinito (con la prospettiva sterminata), il concreto (con la matericità dei sedili), la variabilità (con le diversità delle tonalità del verde!), il vuoto ed il pieno! Un'idea molto interessante, ottimamente realizzata, sia per la qualità tecnica dell'immagine, sia per il giusto equilibrio delle parti: il taglio infatti è perfetto! Ultimo commento: l'immagine sta bene nella categoria sentimenti proprio perché in essa ci può stare qualunque foto!
Bellissimo scatto!
    Luke  [30 Aprile 2004 - 19:22]
La foto è molto bella, con questo ripetersi di toni di verde e di schienali in prospettiva che sembrano continuare all'infinito. Io non ci vedo tutta questa solitidine. L'avrei intitolata "l'attesa" ... sarà perchè mi piace vedere il bicchiere mezzo pieno?
    il Balla  [30 Aprile 2004 - 18:57]
La composizione è davvero ottima: un fiore di sedie vuote che si apre al mondo. Però non comunica sentimento in modo immediato come l'altra tua foto.
    Tommy  [28 Aprile 2004 - 18:57]
La foto è ben fatta, facilitato com'eri dalla serialità ossessiva e fuggevole del soggetto; tuttavia l'interpretazione del tema è fin troppo scontata.
Le sedie vuote dello stadio olimpico di Monaco (così svelo il luogo dello scatto ai pochi che non lo sapevano -ma ci sono stati proprio tutti là?-) sono una rappresentazione di mancanza, per cui l'osservatore/fotografo, immerso in un luogo defraudato del suo ruolo simbolico di collante sociale, viene necessariamente mosso da suggestioni malinconiche di solitudine.
Ma il colore verde lascia una speranza?
    Lapo  [26 Aprile 2004 - 17:21]
caspita non ci crederai ma ho fatto la stessa foto quando ero li, una vista che ti dice fotografami fotografami...ottimo il taglio dell'inquadratura forse non proprio a fuoco le prime sedie. Se si pensa in termini umani direi più assenza che solitudine, se si fa riferimento agli oggetti inanimati ci sono un mucchio di sedili quindi loneliness funziona meno.
   Grunter [23 Aprile 2004 - 15:55]
   Mattia [22 Aprile 2004 - 12:15]
non la capisco, ma mi garba
   Marco [21 Aprile 2004 - 19:25]
Notevole! Bella la tonalità di colore, bello il "pattern" che si ripete e azzeccato l'angolo di ripresa. Da veramente un senso di loneliness.
    SAndro  [19 Aprile 2004 - 12:54]
Più che solitudine la definirei assenza, un affolamento di nessuno, un simposio di fantasmi. C'è molto contrasto tra il titolo e la suggestione dell'immagine, non ispira la malinconia della solitudine, ma i colori sfumati e vibranti sono testimoni piuttosto di un allegro e surreale spettacolo. Mentre la simmetria, la luce e la concavità della gradonata sono un espediente efficare per ipnotizzare su una commedia del niente.
La fotografia è potente, nella sua simmetria forzata e in tutte le sfumature del verde. Il soggetto è "una fotografia in sè" ed è forse questo che mi indispettisce un po' e costituisce forse la critica più dura che posso fargli. Io sono convinto che una fotografia non è scattata dal soggetto ma dal fotografo, dal suo occhio, dalla sua sensibilità e dal suo personale modo di vedere il mondo. Se quello che vede è comune, il suo approccio è quello tipico del reportage e non della foto artistica. Trovare le particolarità e approfondire con la propria sensibilità le sfumature di ciò che ci circonda è un mestiere più da artigiano che da semplice osservatore. Guardare con i propri occhi è creare. E quello che scorgo in questa visione della solitudine è qualcosa di molto bello e affascinante ma anche un archetipo comune al nostro patrimonio che striscia più che facilmente verso lo stereotipo.
   Francesca Tempe [18 Aprile 2004 - 20:15]
   Francesca Tempe [18 Aprile 2004 - 20:15]
Uno splendido effetto scenografico. In un primo momento credevo fosse un fiore!
   Riccardo [17 Aprile 2004 - 00:33]
Ganza davvero! Molto bello il colore. Composizione buona.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]