INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Faro nella nebbia


5° - Faro nella nebbia





autoreinformazioni sulla fotografia
Sandro Rafanelli

 alias SAndro 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 10. Al sole e al vento
galleria: Scenari desolati
macchina: Canon EOS 300D
obiettivo: Canon EFS 18-55mm f/3.5-5.6
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/200 sec
diaframma: f/10
focale: 90 mm
ISO: 100
flash: no
bilanciamento del bianco: automatico
luogo dello scatto: Palau (Sardegna, Sassari)
data: 18 Agosto 2005 - 19:18
data di upload: 10 Febbraio 2005 - 10:44

tags: emotivo, paesaggi
note tecniche: Ho sovrapposto un leggero filtro azzurro per raffreddare l'immagine e un filtro fog concentrato sul primo terzo in basso della foto. L'immagine è un classico high-key, difficile da ottenere in un luogo come questo, dove solitamente la luce e il clima non consentono questo genere di scatti.
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10 1
9 1
8
7 2
6 4
5 2
4
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 10 446°
punteggio 6.295 6.659
numero voti910
commenti3
visite883418
comunicazioni
bollino Top-SpeedAssegnato per la velocità e il tempismo nella presentazione dell'immagine i primi giorni dell'edizione.
I dettagli nel capitolo 13. Medaglie, Bollini e Premi del regolamento di concorso.

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






commenti
    Melanarni  [12 Ottobre 2008 - 14:42]

fuori concorso
...ho capito che anche le foto meravigliose non sono aprezzate da tutti.
    SAndro  [16 Marzo 2005 - 22:47]
l'autore rispondeLa lettura di una connotazione negativa a questo punto non posso che associarla all'interpretazione personale di fronte al soggetto.
E' ovvio che la foto non affronta il tema della devastazione e del degrado, questo nessuno potrebbe sostenerlo, semmai quello dell'assenza, la nebbia copre tutto e elimina ogni cosa, confonde la mente e non gli fa vedere le cose come sono, da lì la desolata sconfitta nei confronti del vuoto. La mia idea è un ampio spazio tutto vuoto, guarda quanto cielo che ho messo, guarda il bianco diafano che ho usato. Non potendo fare una foto completamente vuota, assente, ho inserito il faro, indice positivo perché è una guida, ma alla fine soltanto una goccia in un mare immenso, quindi un punto positivo in uno scenario profondamente negativo. Da qui vedevo l'accordo col tema, una sottile sfumatura di negatività, non assoluta. La nebbia sale progressivamente lungo il suo fusto e tra un po' non si vedrà nemmeno quello, la malinconia del racconto sta appunto in questo, oltre anche alle sensazioni che dovrebbe ispirare l'immagine, ma questo è molto soggettivo. Quel poco che si riesce ancora a vedere è l'ultimo appiglio cui aggrapparsi. Lo scenario è desolante, rimane molto poco ormai di positivo...
Sulla questione della banalità non sono d'accordo, riuscire a trovare un soggetto con condizioni climatiche che possano suggerire questo concetto (una sorta di "guida spiriturale") è un'impresa ardua, questo concedimelo. Se potessi creare qualsiasi cosa come fa un pittore sarebbe facile, ma in fotografia c'è il vincolo di catturare la realtà, studiarla, passarla dal proprio filtro artistico, insomma c'è tanto lavoro dietro. Semmai per banale io intendo la semplice foto di un albero nella galleria degli alberi, dove non si vedono nè le idee di chi ha scattato nè un messaggio da trasmettere, insomma un intervento passivo e quindi per me inutile.
Comunque apprezzo i dubbi che avete espresso su questa foto, ognuno giustamente dà una sua interpretazione a ciò che vede in riferimento al suo patrimonio personale, allo stimolo che un'immagine può dare e i tasti che riesce a toccare, diversi appunto da persona a persona. Per il momento non ho la presunzione di realizzare scatti "classici", che parlano a tutti nello stesso modo e, se devo essere sincero, non è nemmeno il mio obiettivo.
L'apparente forzatura del tema doveva appunto far riflettere sul perché di questa scelta.
Certo che ho fatto l'en plein, perché ho creato io questa galleria e in entrambe le foto mi si accusa di fuori-tema :-)
Ammetto però che nelle descrizioni dei temi a volte mi esprimo male e avrei bisogno di chiarire in maniera più completa e meno ambigua il tema di ogni galleria, cosa per niente facile, quando sono così complessi. Qualcuno è disposto a aiutarmi?
    Lapo  [15 Marzo 2005 - 23:56]
Mi associo a Ilaria e a Viola Kay. Comunque sei troppo bravo a usare sto filtro fog.
    Ilaria  [15 Marzo 2005 - 22:45]
..."Assenza, devastazione, degrado": credo ci sia un controsenso tra la premessa e l'immagine, ovvero tra il sentimento e la sua realizzazione. Un faro nella nebbia al di la' della banale figura di guida per il marinaio sperso e' comunque sempre una presenza e mai un'assenza e tanto meno un degrado e una devastazione. Sono termini specifici(non soggetti a interpretazione) e solo assolutamente sempre e solo negativi. Secondo il mio parere la foto e' fuori tema: il silenzio, la nebbia pascoliana che avvolge, copre e nasconde non puo' rappresentare il degrado: il silenzio non e' devastazione e' solo e semplicemente una condizione.
Ilaria
    SAndro  [15 Marzo 2005 - 18:02]
l'autore rispondeEppure nessuno si è accorto che c'è una persona appoggiata alla base del faro, semi-nascosta dalla nebbia. Piccolo dettaglio per accentuare ancor più il senso di solitudine e vuoto...
    Nick  [14 Marzo 2005 - 08:59]
La foto è indubbiamente molto bella, il faro è comunque un elemento solitario e austero che guida i naviganti sulla rotta via, ma una volta che le navi sono al riparo lui rimane comunque solo in mezzo al mare.
    Tommy  [14 Marzo 2005 - 00:16]
Al di là della chiave di lettura, chiarita (a mio avviso) da Luigi, credo che sia tutto perfetto (specialmente il cielo e l'orizzonte) fino al faro. Credo che il dettaglio possa tranquillameente convivere con la nebbia, ma ciò che rende tutto estremamente artefatto è la sfumatura bianca sulla base della costruzione. Secondo me bastava non esagerare sul faro ed era perfetta.
    sisco!  [13 Marzo 2005 - 16:30]
Come comprenderai, la mia interpretazione del tema è lontanissima dai risultati esposti da tutti, e cercherò, con difficoltà, di lasciare poco all'aspetto soggettivo.
Nel caso specifico della tua immagine vedo un po' troppi lati artificiali: una foto da rivista, ebbene si, pura e perfetta! Ma la desolazione e malinconia?
Personalmente non leggo molto della categoria in questa immagine, che non ha difetti, non rappresenta un luogo (se non cinematografico), e mi cattura solo per la sua bellezza asettica!
Ottima foto, si, ma poi?
Il mio personale voto sarebbe molto inferiore!
    Luke  [12 Marzo 2005 - 16:56]
La foto è molto bella, mi piace molto la nebbiolina fitta che nasconde tutto e lascia trapelare soltanto la sagoma dei rilevi in lontananza e un po' di faro.

Però c'è qualcosa che non mi convince in pieno. E' come se si capisse che la foto è manipolata e non è reale. Non è una critica generale al fotoritocco che tutti usiamo e fa parte integrante dell'arte fotografica, è più la sensazione che non tu sia riuscito a rappresentare (con l'immagine e con il fororitocco) lo scenario desolato che volevi ... o che io mi aspettavo da un'immagine come questa.
Forse è il dettaglio troppo netto e troppo poco "annebbiato e confuso" del faro a dare la mancanza di realtà. Mi sarei aspettato un'immagine più impastata e pastellosa a causa della nebbia, invece spunta il faro con il suo superdettaglio e la sua ombra netta (che lascia intendere la presenza del sole).
    Jack  [7 Marzo 2005 - 11:29]
Gnene hai date secche di fotoschioppè eh... Ed il risultato si vede. Eccome! Avrei voluto vedere la foto originale, per vedere davvero come era l'originale.
Comunque sia rimane un bello scatto, che suscita stupore e meraviglia.
    Luigi AF  [2 Marzo 2005 - 22:05]
Comprendo che l'idea percettiva della desolazione varia da inviduo a individuo.. Ma la foto è molto bella ed altrettanto evocativa, semmai proprio per il fatto che, sommersi nella desolazione propria di ogni vuoto, la speranza (ultima dea) avrà sempre il potere di illuminare gli "interminati
spazi e i sovrumani silenzi", ed ogni nulla, proprio come un faro nella nebbia....
    SAndro  [24 Febbraio 2005 - 11:39]
l'autore rispondeCaspita, più desolato e malinconico di così!
    Viola  [24 Febbraio 2005 - 10:02]
bella foto, purtroppo non mi sembra affatto uno scenario desolato, forse ho un'idea piu` melanconica della desolazione....mi trasmette solo serenita`!



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]