INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto

1 Luglio 2004 - 31 Luglio 2004
regolamento invia foto! vincitori partecipanti


Sei un nuovo utente? Registrati!

Desolazione urbana


6° - Desolazione urbana

torna alla galleria ^^





commento del fotografo
Visione distorta, triste e desolata della realtà urbana di oggi. Luoghi ameni, abbandonati, ma sotto gli occhi di tutti.
autoreinformazioni sulla fotografia
Jacopo Salvi

 alias Jack 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 4. Rainbow
galleria: (senza tema)
macchina: CASIO QV-R3
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/800 sec
diaframma: f/4.8
focale: 115 mm
ISO: 125
flash: no
bilanciamento del bianco: tempo sereno
luogo dello scatto: Firenze (piazza Ghiberti)
data: 4 Giugno 2004 - 14:54
data di upload: 18 Luglio 2004 - 12:14

tags: paesaggio urbano
note tecniche: Fotografia eseguita dietro un vetro di una finstra.
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9 1
8
7 2
6 3
5
4
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 10 945°
punteggio 6.21 6.21
numero voti66
commenti0
visite352029

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






commenti
    Tommy  [31 Luglio 2004 - 21:19]
I toni scuri non sono poi così male, a me non dispiacciono affatto. La scelta dell'inquadratura storta, invece mi divide in due: il mio primo me guarda alla persona con la testa reclinata (è lui il centro della desolazione, perché non osa curarsi di ciò che lo circonda, ma non guarda e passa) che sembra piegarsi per restare in equilibrio di fronte alla vertigine metropolitana, il mio secondo me guarda alla prospettiva inclinata e ripensa alle visioni costruttiviste. Là però il senso di vertigine veniva esaltato con uno sguardo dal basso, qui il punto di vista rialzato produce un'assonometria priva della drammaticità che potrebbe avere uno scorcio desolante di città. Meno desolazione di quanto tu voglia far credere (concordo con SAndro sul fatto che ci sia vitalità nella scena), ma pur sempre efficace.
    Lapo  [28 Luglio 2004 - 08:55]
Taglio intrigante per una scelta difficile, non mi torna il titolo perchè anche se è un pessimo scenario, è una situazione che dopo l'orario del mercato sparisce, non è una reale situazione di abbandono urbano.
    Manga  [27 Luglio 2004 - 15:42]
peccato, il vetro rende un pò sfuocati i particolari...ma la sensazione di vertigine data dall'inquadratura e l'andamento delle linee/elementi...è molto simile al fastidio che si percepisce passandoci vicino..firenze città sporca...sono i cassonetti a restare sconsolati...per noi la desolazioneè,haimè,quasi normale....
bravo!non bisogna fotografare solo cose belle e "perfette"....

    sisco!  [26 Luglio 2004 - 16:20]
Lo scenario che mi ritrovo di fronte ogni volta che mi affaccio dalla facoltà! Rappresenta perfettamente il tema che volevi esporre, però, sarà per il fatto che lo vedo tutti i giorni, non mi dice molto di più!
Immagino che i toni un po' alterati dipendano dal tirar fuori l'immagine appiattita dal vetro! Il taglio che hai scelto mi piace molto, dona alla foto uno strano dinamismo! In sintesi un bello scatto.
   Luca [24 Luglio 2004 - 15:04]
    SAndro  [21 Luglio 2004 - 12:13]
Devo dire che la foto è interessante per molti aspetti. La scelta di uno scorcio urbano di questo tipo inizialmente mi aveva un po' urtato ma non avevo colto bene la bellezza e la comunicatività dell'immagine. Invece è molto interessante, prima di tutto per la posizione storta della ripresa, quasi un'allucinante vertigine in cui lo sguardo si storce immergendosi nella realtà. Poi i colori estremamente saturi (un blu intenso e un rosa pelle, che paradossalmente si accordano), anche la luce è molto bella. Poi ci sono gli elementi da "istantanea", come il passante immobilizzato nel suo camminare e i piccioni che come tanti piccoli esserini neri si annidano tra le macerie di rifiuti. Sarà che io colgo le cose al contrario ma io non vedo desolazione quanto piuttosto un contesto urbano vivo, magari sporco però forse anche per questo vitale e degradato ma per la sua presenza e voglia di esserci.
Unico neo: i toni sono scurissimi, i neri sono estremamente densi. Non so come sarebbe stata l'immagine con un contrasto minore e un grigio più morbido, magari avrebbe perso quel senso da "pugno nell'occhio" che in fondo è un suo pregio. Mi piace molto, credo che avresti potuto seguire un approccio del genere anche per le foto nella seconda galleria di questa edizione, per sviluppare il tuo studio urbano e dare così un taglio più personale. Comunque bravo, mi piace molto!



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]