INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Portfolio


Garbatella


di Alessia Cerqua
16 immagini - 1.48 mb
data di pubblicazione: 17 Aprile 2010

luogo: Roma


tags: aschieri, cancelotti, cerqua, garbatella, quartiere, rione, roma, sabbatini

visualizzazione normale

199 preferenze  vota

(2 commenti)
visto 2676 volte

Share
Torna ai Portfolio



This site requires Flash Player 8.0 or greater
Please click here to download.



IMPORTANTE Le immagini e i testi sono proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri acquistare gli originali o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



segnala questo reportage ad un amico
email: testo:




commenti
  SAndro  [28 Aprile 2010 - 12:04]
Forse è stata un po' sottovalutata questa serie fotografica.
Dopotutto siamo in un momento in cui si cerca l'impatto, di indurre una visione entusiastica (a volte un po' forzata) o di colpire a tutti i costi (accidenti alla pubblicità e ai suoi slogan!) e portfolio come questi rischiano di passare inosservati oppure visti con un po' di superficialità.

La Garbatella è un quartiere molto particolare di quella babele che è Roma, forse poco conosciuto dai non romani, che faticano a comprenderne la storia e le particolarità.
Concepito negli anni '20-'30, con concezione all'inglese, con molto verde pubblico e decorazioni in stile barocco "povero", in un periodo in cui l'edilizia popolare manteneva ancora un senso di rispetto dell'individuo. Poi con le trasformazioni durante il periodo fascista arrivano i palazzoni e i condomini in forma più "moderna", sebbene la rivoluzione non abbia alterato gli spazi pubblici, mantenendo la borgata a misura d'uomo.
E' un quartiere dove si vive e si respira molta "romanità". Forse un po' bistrattato, forse con un degrado che andrebbe a volte arginato ma ancora un esempio di urbanizzazione interessante.
Alessia, da architetto e residente, lo può spiegare meglio di me :-)

Ritornando alle foto... adoro questo genere di lavori perché è bellissimo raccontare il quartiere dove si vive (ed è anche difficile, sfido chiunque a farlo), delinearne i tratti distintivi, le cose semplici e quotidiane, senza scadere nella banalità o nel voler a tutti i costi riprendere qualcosa che non rappresenta davvero la realtà.
Così ecco i ganci del bucato per le strade, le scritte politiche, le partite di calcio, una rivendicazione di orgogliosa identità, le persiane sdraiate su un muretto, un pallone e le tinte per nascondere i muri scrosticciati.
  EnneKappa  [17 Aprile 2010 - 11:59]
Belle le inquadrature e i colori.
Avrei voluto vedere più persone anche se comunque si riesce a percepirne la presenza. Complimenti!



Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]