INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

blindfold

blindfold






commento del fotografo
Lo specchio dell'anima.
autoreinformazioni sulla fotografia
Sandro Rafanelli

 alias SAndro 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 17. Sguardo interiore
galleria: Ritratti in bianco e nero
macchina: Canon EOS 300D
obiettivo: Canon EFS 18-55mm f/3.5-5.6
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/10 sec
diaframma: f/5.6
focale: 90 mm
ISO: 1600
flash: no
bilanciamento del bianco: luce a incandescenza
data: 12 Gennaio 2006 - 20:00
data di upload: 12 Gennaio 2006 - 23:37

tags: bianco e nero, emotivo, ritratto
note tecniche: La mia idea era di realizzare uno scatto infrangendo la prima regola dei ritratti: la centralità degli occhi. Mi sono concentrato appunto sugli occhi, nascondendoli.
Set con due fonti di luce a incadescenza. RAW format, brightness/contrast, dodge & burn, gradient burn (3), gradient colorize, high pass + overlay, saturation
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10 1
9 1
8 6
7 3
6
5
4
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 18 27°
punteggio 7.9 7.9
numero voti1111
commenti1
visite1842749

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






commenti
    il Balla  [30 Gennaio 2006 - 12:30]
Concordo co Tommaso. Non potevi sfumare la foto lasciando intravedere un po' di collo? Così sembra che il volto si liberi nell'aria, sembra la foto di un decapitato. Comunque questo è l'unico difetto e per il resto è ben realizzata. Originale la scelta della benda, vero soggetto della foto.
    Lapo  [29 Gennaio 2006 - 12:48]
La definirei una foto carnosa, l'interesse non cade sul viso in quanto tale ma sulla massa che piega e si modella sotto le luci; penso che la benda aiuti molto in questo senso. Se gli occhi fossero stati scoperti l'attenzione e l'effetto sarebbero stati assolutamente diversi e in quel caso avrei dato ragione a Tom sul fatto del collo e della umanizzazione del soggetto. Invece l'effetto decapitazione trovo che sia appropriato. Se fosse stato un ritratto dopo una decapitazione allora avrebbe raggiunto livelli stratosferici.
    Tommy  [29 Gennaio 2006 - 00:32]
Sarà che non è facile votare per il ritratto che mi ritrae, ma io non la ritengo la migliore. C'è un'idea di base, mentre in molte foto della galleria questo non accade. C'è una ricerca formale, mentre nella stragrande maggioranza delle altre viene disattesa. C'è perfezione tecnica e compositiva, come tuo sollito. Tutto questo è assolutamente positivo, però il volto che emerge isolato, come decapitato, dal fondale, è cinicamente coagulato attorno alla benda, si dimentica del corpo e svolazza nel nero. Avrei esteso il passaggio chiaroscurale al collo (soprattutto) e alle spalle, per accentuare la fisicità e sminuire il formalismo. Questa è solo una supposizione, ma cerca di spiegare le incertezze che provo di fronte a questo scatto.
    Jerry  [25 Gennaio 2006 - 23:53]
Le tue foto sono sempre molto belle complimenti però...secodo me un vero fotografo..è quello...che riesce ha cogliere un bel soggetto senza che ritocchi troppo ...perche così facendo l'immagine diventa irreale...e comunque riesci sempre ad essere al 1° posto appunto per questa tua bravura nel ritocco, che agli occhi degl'altri...sembra tutto così vero!
    SAndro  [25 Gennaio 2006 - 23:44]
l'autore rispondeLa critica che mi viene rivolta più spesso è che le mie foto sono fredde con la loro esasperata ricerca di perfezione. Lo so, è assolutamente vero. Però come qualcuno ha giustamente sottolineato, è il mio stile. All'inizio ricercavo la perfezione in maniera ossessiva, e adesso che cerco di tornare indietro, a una maggiore essenzialità e purezza, non riesco a liberarmene. Ormai fa parte proprio del mio modo di fotografare. Cerco di metterci più cuore, più "imperfezione", ma alla fine mi vengono sempre immagini drammatiche e fredde, distaccate e che trascendono sé stesse.
Ok, ho scritto troppo, non voglio dilungarmi. Grazie dei voti alti, non me li aspettavo!
    Grunter  [25 Gennaio 2006 - 14:57]
Niente da dire sulla realizzazione tecnica, aspetto in cui nessuno può insegnarti qualcosa, mi colpisce particolarmente la "tridimensionalità" che restituisce l'immagine con il volto che emerge dal buio. Certo che questa foto è "simile" ad altre tue foto, ad esempio quella della galleria delle mani di qualche concorso fa. In questo rilevo l'unico aspetto negativo, non ti clonare.
    ILLEZ  [25 Gennaio 2006 - 14:06]
Buona la realizzazione, veramente molto curata. Tecnicamente niente da eccepire. Dal punto di vista del significato mi trasmette poco; come per altre tue foto, mi manca il contesto. Questione di stili e gusti personali; la assoluta mancanza di sfondo, per il mio modo di 'leggere' una foto, è più un danno che uno stimolo alla fantasia, all'emozione. Un volto bendato che non vede cosa? Astratto e svincolato da cosa?
Resta comunque il fatto che è il tuo stile Sandro, e questo è un altro approfondimento nella tua personale ricerca.
    MauMau  [24 Gennaio 2006 - 13:37]
    ClaudioM  [24 Gennaio 2006 - 00:34]
inutile dire che la foto è bella, da tutti i punti di vista, e cattura lo sguardo, proprio per quello sguardo che manca...
tecnicamente perfetta, e costruita veramente in modo egregio (luce, contrasto, toni, inquadratura, composizione, fuoco...) ma proprio per questo (a me che "sparo" d'imbracciatura) tale perfezione, un po' narcisistica (non volermene ti prego) toglie qualcosa ... la spontaneità .. non del soggetto ovviamente , ma dell'autore ed è per questo che mi fermo ad un 8 veramente meritato
    C!rsk!zzo  [23 Gennaio 2006 - 14:44]
che emozione! il mio primo commento! :P e son proprio contento di riservarlo per questo magnifico scatto!
Non posso che confermare i commenti precedenti circa l'efficacia del gioco di luci, che proiettano il volto oltre la fotografia, la ottima texture del viso, ma soprtatutto della benda sugli occhi, proprio ad evidenziarne il ruolo fondamentale di barriera per gli occhi e quindi ostruzione all'espressività dell'anima.
Buona anche l'"interpretazione" del soggetto, che sembra risultare sofferente di questa limitazione dei propri sensi, quasi che l'incomunicabilità del proprio Io attraverso gli occhi sia fonte di oppressione ed angoscia, amplificati dall'umidità, dal sudore percepibili sul viso (forse solo un po' di pelle grassa in realtà! :P).
Il personaggio non riesce a condividere la personale interiorità attraverso gli occhi, ma attraverso la propria fisicità che giustamente risulta amplificata e proiettata verso l'osservatore...bellissima! :)
    sisco!  [22 Gennaio 2006 - 14:57]
Qualitativamente uno degli scatti più belli dell'intera Photo Competition, il ritratto in questione è un'immagine curatissima in tutti suoi aspetti: la luce è perfetta, domina solo marginalmente acune parti della scena, evdenziando le zone in ombra e le parti più "ruvide" del volto, esaltando le imperfezioni (come la barba) che, al contrario, diventano elementi di esaltazione della foto. La benda è incredibile, viene voglia di toccarla, le pieghe ed i colori sono perfetti.
La composizione della foto si basa sull'"esplosione" del volto dal fondale: esce fuori, seppur con estrema delicatezza, senza paura e con grande forza (mi ricorda la scena del film "La mummia", con il faccione che salta fuori dalla sabbia!).
L'interpretazione che dai del ritratto è effettivamente molto provocatoria, escludendo uno degli elementi chiave su cui si basa un ritratto (quasi da banditura dello scatto!). Noto una notevole ricerca in questo senso, e mi piace l'interpretazione che dai, il titolo ed il commento. Anche se lo pongo al limite dell'interpretazione richiesta in questa categoria (purtroppo disattesa un po' da tutti!).
E' per questo che ti prendi "solamente" un 8, emergendo dalla media della categoria senza però diventare il ritratto "rispondente" perfettamente ai requisiti dell'indagine interiore; rimanendo comunque uno dei migliori esempi d'indagine del genere fotografico "RITRATTI"!
Bravissimo e complimenti!
    Nick  [20 Gennaio 2006 - 13:20]
Ottimo spunto, ma soprattutto bellissima realizzazione, sembra che il faccione di Tommaso esca dalla foto.
Bravo sei riuscito a dare una grande profondità.
Certo un bravo se lo merita anche Tom per l'espressione seria molto bella.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]