INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

end.

6° - end.






commento del fotografo
...prima che sia troppo tardi.
autoreinformazioni sulla fotografia
Sandro Rafanelli

 alias SAndro 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 14. Predatori della luce
galleria: Le relazioni umane
macchina: Canon EOS 300D
obiettivo: Canon EFS 18-55mm f/3.5-5.6
sorgente: digitale
tempo di posa: 2 sec
diaframma: f/4.5
focale: 50 mm
ISO: 100
flash: no
bilanciamento del bianco: automatico
data: 6 Luglio 2005 - 19:13
data di upload: 6 Luglio 2005 - 23:07

tags: emotivo, persone
note tecniche: non è stato facile oggi entrare all'obitorio per scattare questa foto...
ritocchi in digitale: gradient map (B/W), shadow/highlight, burn, brightness/contrast, photo filter (cooling 82), cloning, USM
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8
7 2
6 3
5 3
4 1
3
2 1
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 8 2100°
punteggio 5.37 5.375
numero voti910
commenti4
visite1352064

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






commenti
    Sanminiato77  [9 Luglio 2008 - 01:21]

fuori concorso
 a me non piace molto... concettulamente posso anche approvare il messaggio veicolato.. ma artisticamente e tecnicamente lascia un pò a desiderare... beh, non si può essere sempre dei maestri! ;-)
ti do un 6 politico..
    Luke  [20 Luglio 2005 - 21:24]
Ho visto questa foto il giorno stesso in cui è stata caricata sul sito e mi sono messo a ridere ... Dal mio punto di vista (soggettivo, ovviamente) la foto è estremamente ironica.
Una foto così in una categoria sulle relazioni umane (anche la morte fa parte delle relazioni...) a me sembra un'idea originale e "divertente" per come è stata presentata.
Condivido anche la scelta di inquadrarla in questo modo un po' strano, lasciando tanto spazio vuoto sotto e tagliando un pezzettino di piede. In effetti però sulla posizione del corpo mi ha fatto un po' riflettere Tommaso con la sua minuziosa analisi e mi ha abbastanza convinto, quelli sembrano quasi due piedoni che spuntano dal nulla.

    il Balla  [20 Luglio 2005 - 19:29]
Devo notare che questa foto ha scatenato dei commenti lunghissimi e dibattiti quindi dico BRAVO a Sandro... hai animato questa galleria e sicuramente con questa foto sei riuscito a scatenare delle forte emozioni, e suscitare delle forti emozioni (anche se contrastanti) è sempre positivo perchè vuol dire che la foto comunica...è viva! :)
Vorrei poter dare due voti a questa foto perchè da un certo punto di vista trovo originale rappresentare l'opposto delle relazioni umane con la morte e la composizione della foto la trovo azzeccata, anche le dita segate. Quello che non mi convince è la resa della foto. Sandro dice di aver fatto pochi ritocchi ( e ci credo), ma allora perchè risulta tutto così artificiale...sembra che ci sia troppo fotoritocco, cosa che poi non c'è.
    Tommy  [20 Luglio 2005 - 00:36]
Nei commenti che ho letto c'è un intreccio di tematiche che è difficile (e forse ingiusto nei confronti della foto in questione) affrontare in questa sede, ma una parola per ogniuna mi sembra doverosa:
1) a parte il commento di Simone Morselli, giustificato da questioni personali e quindi troppo soggettivo per rappresentare il valore intrinseco dello scatto, la reazione scandalizzata mi sembra eccessiva: nell'era dei Simpson, dell'invasione mediatica che elargisce immagini di morte e disperazione in ogni istante della nostra informatissima vita, è sempre più difficile rimanere turbati da una foto, specialmente se così inverosimile da risultare ironica; anche se si tratta di humor nero, comunque sempre humor è! Avete mai visto Six feet Under? La sigla propone una scena simile a questa, e non la trovo avvilente!
2) la questione di Londra c'entra soltanto dal momento che la foto è stata inserita sul sito il giorno prima, ma non per questo dobbiamo nascondere la testa sotto il cuscino.
3) come ho già scritto nel forum, la soggettività del giudizio che rivendica Federico, che non sarò certo io a negare, è inevitabile nel dare il voto, ma discutibile nel commento, proprio perché soggettiva: affermando che una cosa ci piace, faremo forse contento il fotografo per aver espresso una comunanza d'intenzioni, ma certamente non gli avremo fornito indicazioni su quello che potrebbe migliorare o su quello che avrebbe potuto vederci e che magari non aveva nemmeno pensato.
4) la morte è l'assenza di relazioni, proprio come in bellezza il brutto di riflessione sulla bellezza dello stesso Sandro è l'opposto del bello. Affermare una cosa attraverso la sua negazione è discutibile, ma non siamo forse qui per questo? Per me il tema è affrontato in maniera originale, sicuramente l'aspetto migliore della foto.
E veniamo allo scatto: il suo problema, a mio avviso, non è nella posizione dei piedi, anche se i diti ritagliati sulla sinistra non sono in sintonia con la simmetria dell'immagine, ma nella prospettiva. La prospettiva del morto di Mantegna era schiacciatissima per accentuare l'aspetto drammatico, la prospettiva dei piedi nella citata sigla di Six feet Under pone il corpo sull'orizzonte, per accentuare la monumentalità (ironica) dei piedi del morto. Questa prospettiva stroncata malamente dal taglio della foto in alto è troppo distesa per comunicare emozioni: sembra che il morto si stia alzando in piedi? A parte questo (grosso) limite tecnicamente la foto è ben calibrata nell'uso del blu-livido (colore della morte) e dei dettagli realistici dei particolari ritratti. Chiaro e scuro sono ben bilanciati, ma pesa anche sul loro effetto la disposizione dettata dall'inquadratura.
Sarei per un 6.5, per cui stavolta ti becchi un...
    SAndro  [19 Luglio 2005 - 00:11]
l'autore risponde1. non c'è nessun vetro contro i piedi, che senso avrebbe???
2. i piedi non sono stati ritagliati o scontornati in alcun modo, gli unici ritocchi sono solo sui colori, come d'altronde ho scritto nelle note! Forse per scontorno intendete lo sharpen? Quello c'è.
3. il corpo è posto su un supporto blu scuro, se il vuoto nero sotto non piace, la prossima volta qualcuno mi aiuta a spostarlo :-) Il taglio a destra vabbene così.
4. il corpo non sta ascendendo, nè c'è una sorta di salvezza da vedere nella rappresentazione. E' solo la morte rappresentata così com'è, come fine delle relazioni umane. Il vuoto nero lì sotto drammatizza questa fine senza presupporre un trapasso. Non è che più che non piacere, il vuoto spaventa?
   selvaggia landi [15 Luglio 2005 - 13:02]
il voto non si riferisce assolutamente al modo in cui è stata realizzata, dato che non ci capisco nulla di fotografia, ma al messaggio che vuole trasmettere...O meglio dovrei dire ai messaggi, perchè ognuno la può interpretare come gli pare, forse pecca in questo...L'idea è sicuramente originale e vista la creatività che hai e la facoltà di trasmettere dei messaggi profondi mi sarei aspettata un qualcosa di diverso..magari anche la stessa foto, ma con dei sentimenti. Io l'avrei realizzata con una persona accanto ed avrei evidenziato la sofferenza di questa per la perdita della persona "amata"...ma forse non era questo che volevi trasmettere. Ho letto il tuo commento e non lo trovo troppo corretto, nel senso che se volevi rappresentare la "morte",beh ci sei riuscito, ma ricorda che è solo un "evento" della vita di una persona, non è una relazione umana...è per questo che secondo me dovevi mettere dei sentimenti.
    sisco!  [15 Luglio 2005 - 01:43]
commentoVolevo precisare che le mie critiche a chi vota scrivendo semplicemente "la foto non mi piace" o "la foto è bella" non erano rivolte direttamente a specifici commenti, ma s'inseriscono in un discorso e dibattito più ampio, altre volte affrontato nel forum.
Errore mio ribadire il concetto nel commento alla foto, sorry (volevo prendere due piccioni con una fava)!
    Nick  [13 Luglio 2005 - 15:24]
Questa foto attraverso la scelta di mettere il soggetto tutto verso l'alto come fosse in "ascesa", di inquadrarne solo i piedi e il cartellino con la data sembra dirci sottovoce:
"Scusate ma in data odierna il signore in questione chiude ogni relazione fin qui intrattenuta..."
Alla fine una foto che a differenza delle apparenze trasmette movimento e racconta qualcosa.

Un appunto tecnico: peccato per il contorno chiaro sui piedi come se fosse avanzato del bianco nel ritaglio. Ovviamente immagino si voluto e non casuale, però mi fà questo effetto.
    Grunter  [12 Luglio 2005 - 10:38]
Sicuramente l'intento di questa foto è quello di provocare una reazione, e in questo Sandro ha fatto centro, purtroppo alcune coincidenze hanno provocato effetti non voluti. Credo che nessuno voglia fare ironia sulla morte di una persona, casomai quello che si può fare è esorcizzare il concetto di morte. Comunque, aldilà di questi temi che possono essere affrontati meglio sul forum, rimane il giudizio sulla foto in sè. Direi che le intenzioni sono migliori della realizzazione che sinceramente non mi sembra eccelsa, vuoi per l'eccessivo vuoto sotto ai piedi, per il taglio del piede destro, per lo scontorno tutt'altro che impeccabile. Ripeto, forse l'unico intento era provocare ed in quest'ottica il voto sarebbe più alto, ma a livello di gusto personale, di cui rivendico la libertà di affermazione e su questo concetto sarebbe il caso di riprendere la discussione, la foto non mi piace. Si noti che quando parlo di gusto personale non intendo dire che la foto è di cattivo gusto, ma che lo stesso tipo di foto, con lo stesso soggetto mi sarebbe piaciuta di più se fatta diversamente.
    sisco!  [11 Luglio 2005 - 12:19]
commentoMi spiace per Simone che la coincidenza di un evento così brutto sia stata purtroppo sottolineata nella Photo Competition da una foto che richiama la morte.
Il voto e commento sono indubbiamente dettati dell'emotività del momento.

E' quindi difficile sostenere che la foto sia legittima, sia divertente e spiritosa, ma freddamente e razionalmente parlando, lo è.
Inoltre affrontare un tema così delicato è sempre difficile, e per qualunque verso lo prendi ci sarà sempre (per cultura e carattere personale) qualcuno che non approverà o criticherà le scelte fatte.
Ben venga che la fotografia sia uno spunto per rappresentare o ragionare su qulsiasi tipo di emozione.

Al tempo stesso mi piacerebbe che si approfondissero con attenzione le volontà dell'autore, evitando il classico "la foto non mi piace": ogni autore ha il proprio stile, e molti di essi cercano di "dire" qualche cosa che va al di fuori della mera rappresentazione visiva, cercando di stimolare (spesso affrontando aspetti molto complessi per un'immagine statica e bidimensionale) con foto che sicuramente non troverei nell'elenco degli sfondi predefiniti di windows!
    sisco!  [11 Luglio 2005 - 11:46]
L'immagine è un'interpretazione personale della categoria, sicuramente diversa da quello che ti aspetteresti di vedere, a leggere superficialmente non troppo a tema: negli altri scatti vedo delle relazioni reali, al contrario la tua lettura è assoluta, quasi pura (del resto la morte interrompe definitivamente ogni tipo di relazione umana).
Se da un lato questo aspetto mi inquieta (non il concetto stesso di morte, ci mancherebbe, ma l'interpretazione così razionale del tema), da un altro mi piace perché è lontano e per certi versi più profondo da ciò che gli altri hanno proposto.
Un 7 all'idea.

Un po' di critiche alla realizzazione dello scatto però te le devo fare: in primo luogo la sottile fascia bianca tra i piedi del "cadavere" e lo sfondo mi disturba un po' (segno di un non perfetto "scontornamento" dell'immagine?). Anche il taglio del piede sinistro (a destra dell'immagine) non è il massimo.
Infine si nota (o è una mia impressione?) che i piedi sono premuti su un vetro, cosa che sarebbe impossibile visto il cartellino nel solito piede sinistro.

Al contrario apprezzo l'immagine spostata in alto (con quella strana inclinazione!), che crea uno spazio ampio in basso, libero e vuoto, quasi ad indicare una "salita" in cielo del corpo disteso.

In sintesi uno scatto che rappresenta efficacemente un'idea forte ed alternativa al tema, purtroppo però con alcune imprecisioni nella realizzazione.
    ILLEZ  [11 Luglio 2005 - 11:00]
Personalmente, non vedo molto il nesso con le relazioni umane, se non che ad un certo punto possono finire. Ed è difficile trovarla spiritosa come avevi intenzione di fare, pure in un contesto come questo. Questo come nota personale che non vuole essere però critica nei tuoi confronti; la tua idea era questa ma probabilmente la foto non la trasmette. A prescindere dai propri accadimenti, qui si parla di fotografia e anche la morte, dunque la fine di una relazione, può essere giustamente, rappresentata. Pertanto per quello che riguarda la foto in se, non mi piace. Non mi dice nulla, la trovo composta male e come spesso vedo troppo vuoto intorno che non aggiunge nulla, anzi.
    SAndro  [9 Luglio 2005 - 19:26]
l'autore rispondeAlla luce di quello che è successo a Londra, questa immagine assume dei toni inquietanti, ma l'avevo scattata il giorno precedente all'accaduto, questo esclude ogni riferimento... :-(

PS x Simone Morselli: mi dispiace per il tuo amico, ma direi che riferimenti di questo tipo e di carattere così personale si potrebbero evitare in un contesto leggero come questo, la mia foto voleva avere un retro-gusto spiritoso ma col tuo commento ci fai perdere il piacere di ogni tipo di divertimento, lo scopo finale per la quale è nata la PhotoCompetition. Mi dispiace ancora per il tuo amico, ma, senza pretendere di affrontare con troppa serietà un tema difficile, volevo solo ricordare che la vita e le relazioni sono fatte di tante situazioni, non sempre belle e spensierate. Dare un 2 alla morte non ti aiuterà a stare meglio.
    SimoM  [9 Luglio 2005 - 17:54]
di dubbio gusto, anzi forse piuttosto fuori luogo.
Mi rendo conto che il voto probabilmente è dettato dal coinvolgimento emotivo, visto che proprio quel giorno un mio carissimo amico decideva che questo mondo non era stato troppo giusto con lui. Di certo so che ieri, dopo averlo accompagnato per l'ultima volta, avrei voluto inserire una foto che gli avevo scattato anni fa, ma con il tuo scatto mi hai fatto passare tutta la voglia.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]