INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Let Love in


6° - Let Love in






commento del fotografo
Quando l'amore è una necessità.
autoreinformazioni sulla fotografia
Sandro Rafanelli

 alias SAndro 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 14. Predatori della luce
galleria: le Mani
macchina: Canon EOS 300D
obiettivo: Canon EFS 18-55mm f/3.5-5.6
sorgente: digitale
tempo di posa: 0.4 sec
diaframma: f/7.1
focale: 60 mm
ISO: 100
flash: no
bilanciamento del bianco: automatico
data: 18 Maggio 2005 - -1
data di upload: 29 Maggio 2005 - 18:51

tags: bianco e nero, emotivo
note tecniche: gradient map (B/W), gradient, levels, brightness/contrast (2), USM
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8
7 4
6 2
5
4
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 11 707°
punteggio 6.404 6.404
numero voti66
commenti2
visite651799

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






Jüdisches Museum, Berlino
di Alessia Cerqua


Hai già visto questo portfolio?
Ti invitiamo a scoprirlo e lasciare un commento all'autore.
commenti
    Melanarni  [23 Gennaio 2008 - 14:25]
commento<<...Adoro le composizioni decentrate>>,
ci sarebbe tanto da commentare su questa tua affermazione.
    sisco!  [20 Luglio 2005 - 17:32]
Beh, devo dire che potrei fare il copia ed incolla del commento di Tommaso!
A me il nero non dispiace, necessario per rendere il soggetto decentrato: una composizione eccessivamente simmetrica avrebbe disturbato un po' sull'effetto finale.
Bravissimo!
    Tommy  [20 Luglio 2005 - 00:28]
Effettivamente tutto quel nero è discutibile, pura scelta formale che non fornisce spunti alla narrazione. I colori invece sono veramente belli e riescono a sostenere la foto, altrimenti un po' forzata. In parte mi ricollego al commento fatto per nelle Sue mani: c'è volontà scenografica e pochissima naturalezza nelle due foto, ma nell'altra questo non pesa più di tanto, mentre qui, riferendosi ad un sentimento individuale, l'eccesso è troppo marcato. In ogni caso le tue foto sono sempre sopra la media e, nel panorama della galleria, non posso certo non considerarlo.
    Luke  [20 Luglio 2005 - 00:10]
Rispetto alla straordinaria forza dell'altra tua foto delle mani questa mi piace meno.
Chiarito questo, anche questa foto è molto bella e merita un posto fra le migliori della categoria.
Il messaggio che vuoi dare in questo caso, da quanto ho capito io, non è di rabbia, ma di distensione: lascia entrare l'amore... il rosso sulla bandana legata al polso lo vedo più come un richiamo al rosso dell'amore e della passione piuttosto che come sangue per una ferita aperta.
La mano aperta è simbolo di accoglimento, quasi un invito a qualcuno dall'altra parte a raggiungerla.
Mi piace tantissimo come componi le tue foto e come ne curi ogni minimo dettaglio.
    SAndro  [13 Giugno 2005 - 12:10]
l'autore rispondeAdoro le composizioni decentrate, è una precisa scelta stilistica. Inoltre, mi piacciono molto i diaframmi aperti e poca profondità di campo (per questo sono costretto a usare il tele in macro, ho obiettivi poco luminosi, ma che fatica!) e tanto tanto nero nell'immagine. Mi piace veder comparire i soggetti dallo scuro, mi serve per aumentare la drammaticità, facendo sprofondare tutto in una visione cupa e profonda.
X Fabrizio: senza il tatuaggio si perdeva molto della storia, stesso discorso per la mano aperta, segno di debolezza, per il resto non mi sembrava il caso di sovraccaricarla di ulteriore tensione.
    ILLEZ  [8 Giugno 2005 - 12:28]
Sandro, come al solito, non so perché, ma a sinistra ti piace lasciare nel vuoto. Perché non hai riempito tutto con la mano? Magari con un bel diaframma chiuso senza sfuocare le dita in fondo?
    il Balla  [6 Giugno 2005 - 15:59]
Bella e ben realizzata, ma la foto aveva bisogno di maggiore rabbia. Perchè chi si ferisce per amore è incazzato e non poco...la rabbia molte volte diventa follia. La mano aperta invece sembra esprimere tranquillità. Io l'avrei immaginata chiusa a pugno e con le vene in vista...e senza scritta, perchè con la rabbia non si scrive ma si colpisce come lo dimostra bene il sangue.
    Grunter  [6 Giugno 2005 - 09:02]
La foto è tecnicamente ben riuscita (un quasi bn molto ben fatto con il solo sangue in colore) ma al contrario dell'altra che hai messo in questa categoria non mi ha colpito granchè. Forse perchè il messaggio è meno immediato o forse, come ho già detto in un'altra occasione, perchè non mi piace l'utilizzo di messaggi scritti in una fotografia.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]