INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Lava bianca


10° - Lava bianca






commento del fotografo
La neve che copre completamente le tombe di un cimitero abbandonato.
autoreinformazioni sulla fotografia
Tommaso Rafanelli

 alias Tommy 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 10. Al sole e al vento
galleria: Scenari desolati
macchina: Canon EOS 300D
obiettivo: Canon EFS 18-55mm f/3.5-5.6
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/200 sec
diaframma: f/8
focale: 28 mm
ISO: 100
flash: no
bilanciamento del bianco: automatico
luogo dello scatto: Serravalle (PT)
data: 4 Marzo 2005 - 11:32
data di upload: 6 Marzo 2005 - 16:30

tags: astrazione, natura, paesaggio rurale
note tecniche: L'immagine è in pieno sole, ma ho compresso il diagramma dei livelli per esasperare i chiaroscuri appena percepibili ad occhio nudo.
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8
7
6 1
5 3
4 2
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione10° su 10 3083°
punteggio 4.543 4.543
numero voti66
commenti2
visite421684

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






commenti
    Ilaria  [15 Marzo 2005 - 23:13]
Devo dire che la cosa del cimitero non mi ha distolto tanto dal comprendere il senso della foto, comunque hai ragione se non lo scrivevi era meglio. Più che lava sembra la spuma che rimane dopo che un bel cavallone si è infranto sulla costa, quindi il senso di elemento fluido si percepisce.
    sisco!  [15 Marzo 2005 - 01:33]
Come una scheggia impazzita devo dire che questa foto per me non è sotto la sufficienza!
Per me quello che viene scritto nel sottotitolo, è parte integrante della foto, e quindi concordo con Sandro nel suo commento (e il cimitero?).
Però devo dire che questa plasticità lavesca non è male, personalmente leggo un velo di tristezza in questo tumulo bianco, che sta morendo (sciogliendosi) come gli ospiti che lo sorreggono!
Forse nell'esasperare i chiaroscuri è partita un po' troppo la parte destra dell'immagine.
Scatto intrigante!
    Luke  [15 Marzo 2005 - 00:01]
Ecco una foto che non riesco a capire, nonostante i tuoi sforzi e le spiegazioni. Al limite ci vedo un paesaggio "leggermente" desolato, ma solo per l'effetto della neve che rende tutto anonimo e nascosto.
    SAndro  [14 Marzo 2005 - 13:35]
commentoDopo il tuo addendum sono ancor meno convinto dell'accordo col tema. Prima la giustificavo per la presenza invisibile del cimitero, adesso sinceramente non mi basta il muto compiacimento delle forze della natura. Un cumulo di neve non è in sè indice di desolazione, per me.
Dopo che mi hai spiegato come doveva essere letta la foto, cioè come un paesaggio pseudo-lunare, vuoto, esteso, con montagne e valli, allora forse te lo posso anche passare, anche se continuo a non vederci stè cose nella foto, di qui il suo limite comunicativo.
Piccolo appunto: non puoi paragonare questa foto a "onde", rileggi il mio commento che ho scritto lì e così capisci il nesso con la desolazione che ci ho visto. Il semplice compiacimento delle forze della natura non è simbolo di desolazione, deve esserci altro. Per chiarire, i sinonimi di desolazione sono: amarezza, tristezza, abbattimento, dolore, abbandono, senza trascurare una forte connotazione negativa. Anche se il tema della galleria estendeva questo significato, potendo anche sviluppare sotto-temi simili.
Un appunto a tutti sulle affermazioni dei fuori-tema, leggetevi con attenzioni le parole che ho usato per descrivere il tema dell'edizione. Sono scritte in cima alla galleria!
    Nick  [14 Marzo 2005 - 09:09]
Purtroppo anche dopo il tuo commento, non riesco a leggerci desolazione nelle ondulazioni della neve, a questo punto indipendentemente da quello che ci stà sotto.
    Tommy  [14 Marzo 2005 - 00:19]
l'autore rispondeDevo essere sicero, ho sbagliato a scrivere il commento, ma non credevo che gli fosse dato questo peso. Il mio era solo un dato cronachistico, per specificare meglio il perché delle ondulazioni della neve, ma l'intento, in questo caso, era semplicemente la contemplazione delle fascinose forme della natura, svelate dal fotoritocco. In effetti, come ho scritto nelle note, l'immagine era tutta bianca, mentre la plasticità della neve è comparsa col mio artificio. E' una celebrazione di un paesaggio, delle sue forme, della complessità della natura; ma non c'è niente di preconfezionato, né sarei capace di fare una foto del genere...
    SAndro  [10 Marzo 2005 - 12:29]
Effettivamente non si capisce che sotto la neve c'è un cimitero se non lo avessi scritto, ma è anche vero che così l'immagine è più elegante. Doveva semmai suggerire qualcosa che legasse meglio il concetto della desolazione delle tombe con il cumulo gelido della neve che le occula e che vuole rappresentare, se ho capito bene, l'oblìo e il silenzio di chi non ricorda.
Mi piace la plasticità con la quale hai reso la superficie della neve, il fondale nero e anche il titolo è suggestivo. Purtroppo i commenti positivi finiscono qui, perché l'immagine è al di sotto del tuo standard dato che non colpisce, secondo me, per alcun elemento di rilievo, sembra solo un cumulo informe di neve, senza però stimolare. Non sufficiente bellezza estetica come giustificazione, il racconto è solo delineato ma non basta, è troppo poco e troppo facile lasciare tutto all'immaginazione dell'osservatore che non può essere costretto a ricamarci quello che non c'è o che non ci vuoi dire. Ci scrivi solamente che sotto c'è un vecchio cimitero, ma non si percepisce affatto e di qui la desolazione rimane solo un accenno "invisibile". Forse un po' troppo ambiziosa come foto, dovresti sviluppare meglio questa idea che non è male.
    Jack  [7 Marzo 2005 - 10:28]
E' illeggibile e non comprensibile. Se non lo dicevi tu che sotto c'era un vecchio cimitero, non lo avrei certo capito.
Non mi suscita molti sentimenti, n mi da l'idea di un paesaggio desolato.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]