INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto

4 Febbraio 2011 - 13 Marzo 2011
regolamento invia foto! vincitori partecipanti


Sei un nuovo utente? Registrati!

Tradizioni e condizione della donna


12° - Tradizioni e condizione della donna

torna alla galleria ^^





commento del fotografo
Tradizionali ferite da frustare sulle donne Hamer nel sud dell'Etiopia. Ferite ritenute segno di bellezza. Foto scattata presso Turmi nel sud dell'Etiopia il 16-08-2010
autoreinformazioni sulla fotografia
Massimo Curti

 alias Mixxyz 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 46. Discriminazioni
galleria: Discriminazioni
sorgente: digitale
luogo dello scatto: Ethiopia
data: 16 Agosto 2010
data di upload: 4 Febbraio 2011 - 18:14

statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8
7 3
6 8
5 4
4
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione12° su 33 1545°
punteggio 5.776 5.776
numero voti1515
commenti5
visite4922244
comunicazioni
bollino Top-SpeedAssegnato per la velocità e il tempismo nella presentazione dell'immagine i primi giorni dell'edizione.
I dettagli nel capitolo 13. Medaglie, Bollini e Premi del regolamento di concorso.

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






Cronoscalata Lima-Abetone auto storiche
di Adolfo Straziati


Hai già visto questo portfolio?
Ti invitiamo a scoprirlo e lasciare un commento all'autore.
commenti
    MacMauro  [13 Marzo 2011 - 22:17]
non trovo che ci siano ingiustizie su questo scatto, ho visto molti documentari a riguardo, uno scatto cmq che colpisce...
    melisendo  [6 Marzo 2011 - 17:23]
Il voto
    Sher - Dan  [15 Febbraio 2011 - 15:22]
Una bella foto, ma soprattutto un reportage intenso. Per non dimenticarci mai delle ingiustizie che ci circondano...
    Mixxyz  [14 Febbraio 2011 - 22:26]
l'autore rispondecome no pure sul burka c'è un etno come hai detto tu ma sentiamo le donne (se potessero dire quello che pensano ) se sono felici della tradizione decisa dagli uomini.........
    Espeon  [13 Febbraio 2011 - 11:51]
C'è troppo ETNOCENTRISMO in questo messaggio: per loro questo segno è ben altro da quello che interpretiamo noi!! Non dobbiamo vedere le cose solo dal NOSTRO punto di vista ma dobbiamo capire come viene interpretato, prima di dare un giudizio
    Monyca  [12 Febbraio 2011 - 14:09]
Cruda e d'impatto, poi leggo il commento e si aggiunge sgomento. Il fatto che per loro sia un vanto, non giustifica a mio avviso, un qualcosa di crudele e inaccettabile. Una foto cosi' non ha bisogno di tanti aggiustamenti a mio avviso. Voto positivo
    Chefscatto  [12 Febbraio 2011 - 12:14]
la realtà e la crudezza messe assieme. peccato per quel filo di paglia
    Mixxyz  [8 Febbraio 2011 - 17:25]
l'autore rispondeil filo d'erba in realtà è proprio una frusta. Ho assistito personalmente alle frustate e per quanto le donne lo considerino un segno di bellezza non mi sembravano per niente felici di prenderle oltre al fatto che faceva una certa impressione. Ho assistito anche al salto dei tori da parte degli uomini hamer. Tuttavia anche io ho chiesto a dei locali se questa pratica sulle donne fosse vista bene dalle donne hamer. Il commento degli uomini era sempre che per le donne è una tradizione ma a dirlo erano sempre uomini e le donne non sembravano affatto felici di questo. Personalmente poi in Ethiopia non ho visto un gran rispetto delle donne in nessuna etnia e neanche tra i cristiani copti. In Etiopia le donne e solo le donne portano pesi per chilometri a piedi come legna sassi acqua e parlo di grandi pesi mentre gli uomini mai. Questa è stat la mia esperienza diretta. Anche quella è una tradizione ma è giusto questo ? Anche qua le donne non avevano voce in capitolo anche meno di 100 anni fa. Era una tradizione. Le donne sposavano chi decideva la famiglia, non vootavano e come in Etiopia praticamente non studiavano. Tradizioni anche queste. Ma oggi potremme chiamarle ancora tradizioni oppure erano vere e proprie discriminazioni come se le donne fossero una proprietà degli uomini ? In molti paesi ancora oggi le donne sono sottoposte agli uomini e non possono esprimere neanche il proprio dissenso.
    melisendo  [8 Febbraio 2011 - 13:54]
commento
Senza entrare nel merito della fotografia in se, vorrei fare alcune considerazioni sul significato che viene attribuito a quelle ferite.
Ho avuto modo di discutere ad Addis Ababa con colleghi etiopi sulle usanze delle diverse etnie, ed in particolare degli Hamer.
Per le giovani donne Hamer i segni delle frustate sono un motivo di vanto, li mostrano con fierezza e piena soddisfazione, non averle è una diminutio, come per i giovani è fondamentale superare i pericoli del "salto".
Altre etnie seguono differenti segni di distinzione, come le deformazioni labiali, o dei padiglioni auricolari, ecc.
Ed allo stesso modo i nostri giovani (e non giovani) si trafiggono lingua, naso, organi genitali e quant'altro come segno di distinzione e non certo come imposizione che sottolinei una non voluta "discriminazione" nel senso negativo che si intende dare in questa sede.
    Morrismix  [7 Febbraio 2011 - 14:02]
Una foto molto bella . Avrei tolto il pezzo di arbusto
    fabio14  [6 Febbraio 2011 - 21:10]
sicuramente il tema è stato raggiunto... peccato il filo, comunque nel complesso... positivo!
    gilius76  [6 Febbraio 2011 - 20:10]
non eccellente a livello tecnico... cmq voto positivo
    Luca Nassini  [6 Febbraio 2011 - 17:27]
tecnicamente non posso che essere in sintonia con chi mi ha preceduto nei commenti. purtroppo i disturbi vanno a compromettere parti fondamentali dell'immagine. Ma la cosa che mi impedisce di assegnare una sufficienza iena è il fatto che non emerga un senso di discriminazione a mio avviso. Mi dispiace.
    kruger  [6 Febbraio 2011 - 10:39]
La foto è potenzialmente buona ,ma come già detto è penalizzata da alcuni disturbi, che comunque potevi tranquillamente eliminare. Ti assegno comunque la sufficienza. Diverso è invece il discorso sulla discriminazione che faccio fatica a vedere.La scarnificazione è un rituale tribale che investe il sacro ,l'appartenenza al gruppoo e la bellezza ,almeno per quei canoni, quindi è lontanissimo dal concetto discriminante che vorremmo rappresentare.
    Mixxyz  [6 Febbraio 2011 - 01:23]
l'autore rispondemi concedo esclusivamente il polarizzatore circolare o lo skylite ma niente software
    Mixxyz  [6 Febbraio 2011 - 01:21]
l'autore rispondesi purtroppo è capitato in mezzo un filo forse potevo proporne altre della stessa serie ma va beh. Ci tengo a precisare che non mi piace l'editing, non lo faccio mai e mai lo farò. Sono assolutamente contrario al foto ritocco. Mi rendo conto che con programmini vari si ottengono foto strabilianti sature, etc etc. ma io rimango ancorato all'idea della pellicola di una volta
    xxx  [6 Febbraio 2011 - 01:04]
Peccato, poteva essere una foto terribilmente bella, se solo fosse stata più curata
    mirko.iot  [5 Febbraio 2011 - 17:15]
impressionante =( peccato solo x il filo in mezzo all'inquadratura
    Griccio  [5 Febbraio 2011 - 11:20]
Impressionante! Attenzione all'inquadratura, che è poco curata, a quel filo giallo che si mette davanti all'obiettivo e a dei particolari indesiderati a destra in alto. Quasi sufficiente.
    phRAM  [4 Febbraio 2011 - 22:51]
Penso che anche per le stesse donne quello sia un segno di bellezza.
Forse ne vanno orgogliose e purtroppo molto spesso non si accorgono di essere invece manipolate e sottomesse. Foto interessante.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  

(in questo concorso non si può assegnare il fuori tema)
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]