INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

nobody said it was easy


12° - nobody said it was easy






commento del fotografo
nessuno ha detto che sarebbe stato facile...
autoreinformazioni sulla fotografia
Sandro Rafanelli

 alias SAndro 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 1. la Fenice
galleria: Sentimenti
macchina: NIKON 5700
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/85 sec
diaframma: f/3.2
focale: 35 mm
ISO: 200
flash: no
data: 26 Novembre 2003 - 12:47
data di upload: 14 Aprile 2004 - 23:40

tags: arte digitale, astrazione
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8 1
7 1
6 1
5
4 1
3 1
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione12° su 12 2406°
punteggio 4.613 5.156
numero voti45
commenti1
visite511890

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






commenti
    Sanminiato77  [25 Giugno 2008 - 21:44]

fuori concorso
    Sanminiato77  [25 Giugno 2008 - 21:44]
commentoil soggetto mi resta incomprensibile.. qualcuno me lo spieghi... sarò lontano mille miglia, ma la prima sensazione è quella di guardare il cadavere di una pecora.. che sembra quasi bruciata dal sole.. ma non del tutto..

ovviamente non è una pecora sbruciacchiata.. Tommy parla di terreno.. anche se io continuo a vederci la mia pecora morta semi-carbonizzata..

i colori sono bellissimi.. pazienza se sono artificiosi... belli davvero.. da vero pittore.. e molto romantici..

Bravo!!!
    Luke  [30 Aprile 2004 - 20:04]
L'immagine è molto difficile. Ho avuto qualche problema anche a capire qual'era il soggetto rappresentato. Le righe colorate sovraimpresse appiattiscono molto la prospettiva e nascondo fin troppo le forme. L'albero caduto, le radici rivolte verso l'alto in un ultimo grido sono già di per sè una rappresentazione efficace della durezza della vita. L'albero è simbolo di solidità e fermezza e vederlo addirittura rovesciato debilita e fa pensare alla difficoltà intrinseche di ogni cosa. I colori sovraimpressi partono in alto a sinistra con toni caldi giallo, poi arancione, rosso e poi quel VIOLA forte e duro. Quasi fosse il trascorrere della vita interrotta brutalmente. Dopo il viola la cruda realtà, l'albero è caduto.
Il linguaggio è molto forte e su più piani, quello prettamente emotivo e visivo dei colori e qullo più mentale, un po' cervellotico, della ricerca di un filo logico e razionale in ciò che si vede. La foto è piena di significato, forse troppo, trabocca e questo è un difetto.
    Tommy  [28 Aprile 2004 - 19:18]
Credo che non ci potesse essere titolo più azzeccato: fino ad ora non l'ha capita nessuno... In effetti devo ammettere che l'immagine risulta un po' criptica eppure credo che sia sufficiente rileggere il testo dei Coldplay per avere idea di quello che volevi comunicare.

Come up to meet you, tell you I'm sorry
You don't know how lovely you are
I had to find you
Tell you I need you
Tell you I set you apart
Tell me your secrets
And ask me your questions
Oh let's go back to the start
Running in circles
Coming up tails
Heads on a silence apart

Nobody said it was easy
It's such a shame for us to part
Nobody said it was easy
No one ever said it would be this hard
Oh take me back to the start

I was just guessing
At numbers and figures
Pulling your puzzles apart
Questions of science
Science and progress
Do not speak as loud as my heart
Tell me you love me
Come back and haunt me
Oh and I rush to the start
Running in circles
Chasing our tails
Coming back as we are

Nobody said it was easy
Oh it's such a shame for us to part
Nobody said it was easy
No one ever said it would be so hard

I'm going back to the start

In termini più personali sono combattuto nel giudicare il "frastornante" arcobaleno che hai applicato allo scatto (svilendone anche il valore): da un lato credo che fosse sufficiente qualcosa di più sussurrato, perché il soggetto garantiva già alla foto quella potenza di cui ha bisogno. Inoltre le striature sono poco correlate agli elementi della composizione (vivono di vita propria e ricordano troppo il gradient di Photoshop): forse sarebbe stato meglio renderle più avvolgenti. Dall'altro lato ho apprezzato moltissimo i colori usati (specialmente la sovrapposizione di viola e marrone in basso a destra che sono micidiali) e la prospettiva incurvata del terreno.
Lo considero un tentativo riuscito solo a metà.
    il Balla  [22 Aprile 2004 - 12:07]
Mi dispiace, ma l'ho guardata e riguardata e non l'ho capita.
    Jack  [15 Aprile 2004 - 10:29]
E che è? Ma dove siamo? Su Marte? non riesco a leggere la foto. Non capisco il soggetto nè l'ambientazione.
Personalmente rimandata



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]