INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto

1 Ottobre 2004 - 20 Novembre 2004
regolamento invia foto! vincitori partecipanti


Sei un nuovo utente? Registrati!

Geometrie ipnotiche


7° - Geometrie ipnotiche

torna alla galleria ^^





commento del fotografo
Dietro di voi qualcuno osserva nuove geometrie di cui siete protagonisti.
autoreinformazioni sulla fotografia
Tommaso Rafanelli

 alias Tommy 
guarda tutte le mie foto!
edizione: 6. Something different
galleria: Anomalie
macchina: Canon EOS 300D
obiettivo: Canon EFS 18-55mm f/3.5-5.6
sorgente: digitale
tempo di posa: 1/40 sec
diaframma: f/4.5
focale: 35 mm
ISO: 400
flash: no
bilanciamento del bianco: luce a incandescenza
luogo dello scatto: 10a Biennale dell'Architettura di Venezia, Arsenale
data: 23 Ottobre 2004 - 16:57
data di upload: 31 Ottobre 2004 - 18:49

tags: architettura, astrazione, interni
statistichegrafico dei voti
edizionetotale
10
9
8
7
6 2
5 2
4 1
3
2
1
il tuo voto è indicato in rosso
posizione su 7 2815°
punteggio 4.813 4.813
numero voti55
commenti0
visite452120

segnala questa immagine ad un amico
email: testo:






i colori del lungarno di Pisa
di Sandro Rafanelli


Hai già visto questo portfolio?
Ti invitiamo a scoprirlo e lasciare un commento all'autore.
commenti
    Luke  [20 Novembre 2004 - 17:11]
Poco anomala.
Vista al di fuori del tema comunque non mi pare una gran foto. Ci avevi abituato a scatti ben più particolari e coinvolgenti.
L'ho guardata un bel po' ma non riesco a trovare una corrispondenza fra titolo e foto. Ok, la spirale è "simbolo" di ipnosi, ma in questo caso il suo effetto non mi pare molto evidente. Le altre linee orizzontali e verticali invece di guidare lo sguardo da qualche parte (nella spirale?) non portano a niente ... sono in più.
    Lapo  [17 Novembre 2004 - 09:00]
In un tripudio di elementi geometrici l'anomalia sembra proprio il corpo umano. Per quanto riguarda la foto trovo un'uniformità di luce che forse non esalta gli elementi in gioco, se si esclude la parte sinistra della scala a chiocciola che ha preso una fiammata. Mi chiedo se guadagnasse qualcosa scurendo gli elementi in primo piano, cercando una maggiore profondità.
    sisco!  [14 Novembre 2004 - 15:20]
Come sempre c'è un attimo (anche di più...) da capire cosa volevi suggerirci con questa immagine!
Ho intuito alcune cose, ma onestamente non riesco ancora ad inquadrare completamente l'immagine nel tema dell'anomalia! Credo che da te avrei voluto qualche cosa di più assurdo, più anomalo, più diverso, più bizzarro, più ironico, più divertente, più pazzo, più allucinante, insomma, PIU'!!!
So che pretendo molto, e che forse questi aspetti ci sono nello scatto ma non riesco a leggerli!
Dai, comunque la foto è buona, la turbina/scaleachiocciola che invade la visuale dal terrazzo eisemaniano è di una potenza devastante, i colori leggeri sul marroncino mi convincono, ed il taglio secondo me non è poi così male!
PIU'!
    Nick  [11 Novembre 2004 - 14:53]
Mi piace molto la composizione, ma anche qui non riesco a vederci il riferimento al tema.
    SAndro  [5 Novembre 2004 - 12:25]
L'idea è interessante ma la foto non mi sembra riuscita. La composizione degli elementi non è molto precisa, con questi corpi in gioco le linee devono essere rettilinee e non leggermente ondulate o deformate. Anche la posizione della ragazza è poco in sintonia con il contesto e non riesce secondo me a riempire quello spazio contrapposto al divano verde (o quello che è) sulla sinistra.
Anche come tono non c'è stato molto lavoro. I colori mi sembrano casuali e non aggiungono niente alla trattazione, non completando il quadro. Inoltre la foto è in generale troppo scura mentre è bianchissima sulla spirale (o quello che è). Secondo me avresti dovuto concentrarti su come raccontare quello che ti eri prefisso, con una geometria più precisa e equilibrata (anche se riconosco che la cosa non è affatto semplice), un uso più efficiente dei colori e dei toni e forse un ritocco adoperato a risaltare gli elementi della scena per evitare che l'occhio si perda su "altro".
Anche questa con le "anomalie" e "diversità" c'ha poco a che fare secondo me. Mi sembra piuttosto una composizione strana e surreale ma non esplora il tema suggerito che era quello di indagare sulle diversità del mondo. L'interpretazione che gli hai dato mi sembra un'eccessiva forzatura.



VOTA questa immagine:
(l'edizione è conclusa, questo voto non influenzerà il punteggio conquistato dall'immagine durante il concorso)

nome *:
voto *:  
testo :

Solo gli utenti registrati possono inviare commenti. Registrati subito!



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



IMPORTANTE L'immagine è proprietà intellettuale dell'autore e ogni uso improprio come la vendita non autorizzata è vietato e perseguibile legalmente. Si prega di contattare l'autore nel caso si desideri aquistare l'originale o per eventuali pubblicazioni su altri supporti.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]