INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Evento


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia - 2008


date: 12 Giugno 2008 - 14 Settembre 2008

"In qualche parte del mondo" è il tema programmatico scelto per la terza edizione della biennale di fotografia che si terrà a Brescia in prestigiosi spazi pubblici

tags: 2008, biennale, brescia, fotografia, internazionale, ken damy


(0 commenti)
visitato 1250 volte
Torna agli eventi


III edizione 2008
In qualche parte del mondo


La Biennale è promossa dal Comune di Brescia, Civici Musei d’arte e storia, Fondazione Brescia Musei, Bresciatourism e organizzata dal Museo Ken Damy, con il contributo di: Fondazione CAB, Banco di Brescia, Fondazione ASM.
Direttore artistico Prof. Ken Damy.

 
evento

 © Wim Wenders, Texas, 1983
courtesy biennale fotografia-museo ken damy


In qualche parte del mondo” è il tema programmatico scelto per l’edizione della biennale di fotografia che si terrà a Brescia dal 12 giugno al 14 settembre 2008 in prestigiosi spazi pubblici: museo di santa Giulia, piccolo e grande Miglio in castello, ss Filippo e Giacomo; negli spazi privati: museo Ken Damy, spazio Clerici per l’arte contemporanea e con la importante partecipazione di numerose gallerie private e spazi alternativi.

Una indagine a tutto campo su un tema affascinante e difficile allo stesso tempo.
L’esclusione della fotografia di reportage, una scelta voluta e sofferta allo stesso tempo, per la vastità delle proposte sul mercato, impone al sottoscritto, e ai numerosi commissari che mi affiancheranno in questa avventura, alcune riflessioni che ritengo fondamentali.
Prima fra tutte la globalizzazione della comunicazione visiva. Dagli esordi della fotografia, circa 160 anni fa ai giorni nostri, con l’invenzione della televisione e di internet,  la visione del mondo è cambiata in maniera radicale. Nel bene e nel male. Nel bene perché il viaggio è democraticamente alla portata di quasi tutti, nel male perché molti viaggiano malamente e in maniera distratta.
“Dieci giorni otto notti tutto compreso” e un paese vasto come gli Stati Uniti o la Cina diventano una mostra o, peggio ancora, un libro che numerose persone in seguito vedono e che per ignoranza fotografica apprezzano: la curiosità è più forte della qualità.

Un tema che la Biennale di fotografia di Brescia, per il ruolo “autoriale” (termine da me coniato non presente in dizionario) delle proposte nelle passate edizioni, deve affrontare in maniera del tutto diversa.
Autori storici e autoctoni di paesi lontani a confronto con validi autori contemporanei.
Una visione artistica, privata e, perché no, settoriale ma di grande impatto visivo.
Con più di mille opere esposte, alcune di grande formato come è in uso tra gli autori contemporanei, l’organizzazione non è semplice ma, a 3 mesi dall’inaugurazione posso già segnalare le mostre che sicuramente potremo vedere dal 12 giugno.


evento

© Martin Chambi, Mujer india con niño, Keromarca, 1934
courtesy biennale fotografia-museo ken damy




Museo di Santa Giulia, lato sinistro
Via Musei 81/b - Brescia
dal 13 giugno al 14 settembre 2008
ore 10:00-18 tutti i giorni, chiuso il lunedì

Luci della Città
un’ampia sezione dedicata alla storia della fotografia dell’800 con rare immagini all’albumina di città e luoghi simbolici. Il Cairo e l’Egitto, Gerusalemme, Algeri di Lenher & Landrock, di Henry Bechard, di Felix Bonfils, di Antonio Beato e altri autori; La Cina e il Giappone, con splendide albumine colorate a mano di Felice Beato e della scuola di Fukasawa; l’India di Francis Frith and Co. e Samuel Bourne; San Francisco, New Orleans e New York di Loeffler e Taber, Katmandù di PhotoGanesh; ed altri autori e luoghi in via di definizione.
Esposizione Industriale Italiana 1881
140 piccole albumine del premiato stabilimento Ganzini di Milano: serie completa dei ”costumi delle diverse regioni d’Italia” raccolti per cura della Commissione Delegata dal Comitato Esecutivo; questa sezione sarà presentata anche in videoproiezione.
American West - Indiani d'America
50 photogravure di Edward Sheriff Curtis il piu famoso fotografo di ricerca antropologica che ha lavorato a lungo con i nativi americani all’inizio 900 a confronto con le 22 immagini moderne di Jeff Dunas dalla serie “indian & mountain man” del 1991
Tre D
In una piccola stanza si potranno vedere in tre D, con 4 apparecchiature d’epoca, oltre 100 immagini, sempre di fine 800. Una piccola enciclopedia visiva ( ma è stata pubblicata negli Stati Uniti e in Inghilterra come una vera e propria enciclopedia, raccolta in contenitori a forma di libro ) con il fascino delle immagini tridimensionali.


Museo di Santa Giulia, lato destro
Via Musei 81/b - Brescia
dal 13 giugno al 14 settembre 2008
ore 10:00-18 tutti i giorni, chiuso il lunedì

Latino America
Tra gli autori storici del 900 il “peruano” Martin Chambi avrà ampio spazio con circa 100 immagini di cui molti vintage print. Fenomeno pressoché unico nel panorama mondiale l’indios Chambi ci ha lasciato una raccolta incredibile di immagini della sua città natale, la straordinaria Cuzco, e del sito archeologico del Macchu Picchu. Non solo indios con i loro riti arcaici ma anche ritratti di una borghesia ricca e opulenta dagli anni 20 agli anni 40. Juan Manuel Castro Prieto spagnolo di origine, rappresenta il perù contemporaneo, utilizzando la stessa macchina fotografica di Martin Chambi a lastre ripercorre idealmente il sentiero tracciato da Chambi con una estetica moderna e classica nello stesso tempo. Lo straordinario Mario Cravo Neto dialoga con Javier Silva Meinel, fantasia e messa in scena: simboli antichi reintrerpretati con grande senso estetico.
Ritratti dal mondo
Ritratti di grande formato di maharajia indiani interamente dipinti a mano, al punto da lasciare molti sospetti sul fatto che siano vere fotografie dello studio PhotoService di Delhi, saranno messi a confronto con i Maya di Luis Gonzalez Palma o gli Kmer cambogiani del sottoscritto: di Avedon presenteremo in videoproiezione “In the American West” (questa sezione è ancora in fase di completa definizione e potrebbe essere spostata in un'altra prestigiosa sede più adatta alla videoproiezione con una installazione scenografica). Il ritratto avrà anche una introduzione storica con immagini vintage del più importante ritrattista del mondo: il mitico Nadar.
Mondo contemporaneo
Gabriele Basilico con Beirut; Simon Norfolk con Kabul e Philippe Chancel con Pyong Yang, la capitale della Corea del Nord, e Randa Mirza sempre con Beirut. Tutte immagini a colori di grande formato, una delle sezioni più importanti non ancora completata.
Il deserto, la strada, il paesaggio
Franco Fontana con il suo lavoro sulla mitica Route 66, la “Strada”della Beat Generation, simbolo del viaggio anche interiore che rimane uno dei temi dominanti di questa Biennale. Gli USA avranno una intera grande sala con opere di Jeff Dunas, Mario Vidor, Wim Wenders e altri autori come introduzione al “paesaggio desertico” non solo americano. In questa sezione sono invitati tutti i viaggiatori fotografi anche non professionisti a partecipare inviando via email le loro migliori immagini che verranno stampate ed esposte a formare un grande mosaico.


evento

© Edward S. Curtis, Typical Female Physiognomy, Sarsi, 1926
courtesy biennale fotografia-museo ken damy



Sala Ss Giacomo e Filippo
Via delle Battaglie 61 - Brescia
dal 13 giugno al 14 settembre 2008
ore 15:30-19:30 tutti i giorni, chiuso il lunedì e 15 agosto
Tel. 030 43018

Venezia
La parte storica dedicata a Venezia, città simbolo di questa edizione della Biennale, con tutti i maggiori fotografi dell’800, sarà presentata assieme ad opere di autori contemporanei tra cui Marco Zanta, Jean Janssis, Giovanni Chiaramonte e Maurizio Galimberti, in collaborazione con la galleria Bugno di Venezia che da anni porta avanti un interessante progetto sulla città più fotografata del mondo. Per il giorno dell’inaugurazione ci potrebbe essere una gradita ed inedita sorpresa, visto che uno dei maggiori fotografi conosciuto a livello internazionale sta lavorando, tempo permettendo, a questo progetto Piccolo e grande miglio in castello Vanessa Beecroft presenta il suo ultimo lavoro sul Darfur, recentemente realizzato per la biennale di Venezia.


Museo Ken Damy
Corsetto Sant’Agata 22 - Brescia
dal 12 giugno al 14 settembre 2008
ore 15:30-19:30 tutti i giorni, chiuso il lunedì e 15 agosto
Tel. 030 3758370

Internet sarà studiato nel suo fenomeno “grande fratello” con una curiosa mostra dal titolo “Big sister” della giovane fotografa di Praga, Hana Jakrlova.


Reartuno Gallery
Vicolo San Clemente 21/a - Brescia
dal 12 giugno al 14 settembre 2008
ore 15:30-19:30 tutti i giorni, chiuso il lunedì, domenica e dal 10 al 15 agosto
Tel. 030 2943992

Gli “sciamani” o “gli uomini sacri” ritratti da Elisabeth Sunday in varie parti del mondo in b/n di grande formato verranno presentati in uno spazio spazio magico che fu per un lungo periodo lo studio del “Moretto” uno dei più famosi pittori bresciani; e la scelta non è casuale.


evento

© Philippe Chancel, Pyongyang (Corea del Nord), 2005
courtesy biennale fotografia-museo ken damy




Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia
segreteria organizzativa
corsetto S. Agata 22
25122 Brescia
e-mail: info@museokendamy.com
tel: 030 3758370 dal martedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30 (ufficio stampa reperibile anche mercoledì e venerdì mattina dalle 9.30 a 12)



Foto e testo tratti dal comunicato stampa ufficiale



segnala questo evento ad un amico
email: testo:




Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]