INFORMATIVA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto
Sei un nuovo utente? Registrati!

Articolo


il Fotoritocco

Alcuni trucchi del mestiere


di Simone Scortecci
16 immagini - 109 kb
data di pubblicazione: 4 Gennaio 2006 Share

(0 commenti)
visto 2583 volte
Torna agli articoli



Eccomi qua ad esporre un breve corso dedicato a chi vuole migliorare,mcon l'ausilio di un programma di fotoritocco, le "classiche" foto sottoesposte o in controluce.
Per vostra fortuna sempre più persone posseggono macchine fotografiche digitali di qualità molto alta, che riescono ad ovviare senza troppa "fatica" a questi problemi; io mi rivolgo soprattutto alle persone che, come me, posseggono DC non troppo nuove, e che si ritrovano, magari al ritorno da una splendida vacanza, con delle immagini che non rendono giustizia alla bellezza del paesaggio osservato dal vero.
Ma senza ulteriori divagazioni, proviamo ad addentrarci più nello specifico...

Il software utilizzato è Adobe Photoshop CS (in inglese), ed alcune funzioni (che verranno segnalate) non trovano riscontro nelle precedenti versioni (mi spiace, ma dobbiamo tutti aggiornarci prima o poi!).
Alcuni problemi sorti in fase di ritocco (come particolari viraggi di colore) sono specifici di immagini prodotte con la Canon PowerShot A40, e potrebbero risultare differenti (o, meglio ancora, assenti) in foto realizzate con altre DC; la mia breve lezione infatti vuole essere uno spunto per lavorare meglio con i programmi di fotoritocco, non una "tavola della legge" da seguire passo passo senza variare una virgola!

Inoltre le tecniche ed i comandi utilizzati non sono l'unica strada per migliorare le immagini, sono semplicemente la "mia" strada, molto personale, che metto a disposizione di tutti affinché conosciate (o confrontiate con il vostro "bagaglio digitale") alcune tecniche di fotoritocco.

Vediamo subito, a confronto, una riduzione delle immagini prima e dopo il ritocco, per comprendere dove andremo a parare. Cliccando sulle immagini potrete aprirle in formato 640x480, così da apprezzare meglio le differenze.

FOTO 1 - prima e dopo

 

FOTO 2 - prima e dopo

 


FOTO 1
Innanzitutto, dopo aver aperto l'immagine, creiamo un nuovo livello copia dello sfondo, sul quale lavoreremo.

Questa operazione si può fare in due modi. [01.01.a] Il primo è quello di selezionare tutta l'immagine dalla Barra degli Strumenti: scegliere lo strumento per selezionare (il rettangolino tratteggiato), andare sulla foto e, cliccando col tasto destro del mouse, scegliere dal menù Seleziona Tutto (è la prima voce in alto, non potete sbagliare!). Adesso la vostra foto sarà circondata da un rettangolo tratteggiato! Basterà fare "Copia" e "Incolla" ed avrete il nuovo livello, nella finestra Livelli.
[01.01.b] Il secondo modo, più rapido, è quello di andare direttamente sulla finestra Livelli, dove troverete il livello chiamato "sfondo" ("background"). A questo punto cliccare con il tasto destro nella scritta del livello e scegliere l'unica opzione disponibile: Duplica livello... (Duplicate layer...). Si aprirà una finestra: confermate con OK.

[01.02] Adesso, dalla finestra Livelli, selezionate il livello superiore, quello sul quale lavoreremo, e portate l'opacità al 75%! E' una cosa molto personale che utilizzo per evitare di snaturare troppo l'immagine col ritocco, mantenendo sempre una piccola percentuale della foto originale (che sta nel livello sottostante). A vostra scelta!

[01.03] Come prima operazione utilizzeremo un comando che non troverete nelle precedenti versioni di Photoshop: Immagine -> Regola -> Ombre/Luci... (Image -> Adjustments -> Shadow/Highlight...). Con questo comando si aprirà una finestra dove regolare la luminosità delle parti in ombra dell'immagine (il primo livello) e delle parti in luce (il secondo). Utilissimo in casi di sottoesposizione o sovraesposizione, nel nostro caso muoveremo il primo livello fino a 45 (andare oltre 50 porta, di solito, a degli artefatti nella foto) ed il secondo fino a 15.

  

Noterete un notevole cambiamento dell'immagine, adesso molto più chiara e definita, sia nelle parti più scure che in quelle più chiare! Non esagerate mai con questo comando che può risultare "pericoloso", zoomate sempre al 100% per vedere se l'immagine mantiene ancora una discreta qualità oppure no!

Se osservate bene però nasce un piccolo problema: la foto è virata un po' troppo nei toni dell'azzurro! Il problema si risolve facilmente.

[01.04.01] Innanzitutto valutate se alcune parti debbano mantenere questo viraggio (ad esempio mare o cielo): in questo caso selezionate tutta l'immagine ed escludete (con il comando lazzo e tenendo premuto "Alt") le parti che devono restare tendenti al blu.

[01.04.01.a] Per rendere la selezione meno netta, sfumatela: Selezione -> Sfuma... (Select -> Feather...). Scegliete un valore che va da 2 a 10 a seconda della precisione con cui avete escluso le parti (2 selezione precisa, 10 selezione grossolana).

[01.04.02] Adesso procediamo all'eliminazione dei toni azzurri. Una strada rapida è quella di andare su Immagine -> Colore/Saturazione... (Image -> Hue/Saturation...), dalla finestra in alto selezionare "Blu", ed ampliare, dal livello dei colori, il range dei blu (vedi la figura sotto).


Adesso dal livello "Saturazione" abbassare fino a raggiungere il risultato desiderato: non esagerate altrimenti la foto perderà tutti i blu.
In realtà una strada che permette di controllare meglio le regolazioni è utilizzare il comando Immagine -> Regola -> Bilanciamento Colore... (Image -> Adjustments -> Color Balance...): sperimentatelo e scegliete la strada che preferite!

Altro nuovo comando della versione CS: il Match Color.
L'uso che ne faccio io è molto personale, in quanto in realtà si utilizza per altri motivi: a me serve per ravvivare i colori delle foto con sole due regolazioni (ottimo nel nostro caso, dove si proviene da un'immagine scura).

[01.05] Immagine -> Regola -> Combina Colori... (Image -> Adjustments -> Match Color...). Adesso spostate i primi due livelli: il primo per schiarire e rendere più luminosi i colori, il secondo per saturarli (quest'ultimo va calibrato molto bene, altrimenti l'immagine sembrerà eccessivamente "finta").

Adesso le ultime regolazioni, utilizzando i Livelli.
[01.06] Per prima cosa regoliamo l'aspetto globale dell'immagine: Immagine -> Regola -> Livelli... (Image -> Adjustments-> Levels...), dal grafico che vedete regolate i valori in basso (i tre tringolini) fino a rendere l'immagine sufficientemente contrastata.


Nel caso di foto sottoesposta è conveniente selezionare le parti più scure (con il Lazzo), poi seguite di nuovo il passaggio [01.04.01.a], e fate una nuova regolazione, sia dei livelli (di nuovo passaggio [01.06]), sia dei colori (passaggio [01.05]).

Adesso non vi resta che unire i livelli da Livelli -> Unico livello (Layers -> Flatten Image) e salvare l'immagine!

FOTO 2
In questo caso l'immagine è poco contrastata, priva di colori, e bruciata dalla luce del sole che si trovava di fronte alla fotocamera. L'immagine, con un po' di lavoro, può notevolmente migliorare.
Come prima operazione ripetete i passaggi [01.01a o b], [01.02] e, facendo attenzione, il passaggio [01.03]. In questo caso infatti le parti in ombra (il primo livello) non va schiarito (sono infatti già troppo chiare!), mentre vanno scurite notevolmente la parti in luce (il secondo livello, nel nostro caso da portare fino a 45).

Adesso dobbiamo regolare i livelli dell'immagine. Ripetiamo il passaggio [01.06]. Ci accorgiamo che il grafico è sbilanciato sulla destra: mancano completamente le zone più scure. Regoliamo il triangolo di sinistra come in figura.


L'immagine finalmente acquista i toni scuri, ma è ancora lontana dall'essere una buona immagine: mentre le parti chiare adesso sono buone, le parti scure non hanno contrasto, mancano i bianchi. Per raggiungere un buon risultato, mantenendo inalterate le zone chiare, dobbiamo fare una selezione delle aree scure.
Utilizziamo quindi il lazzo e ripetiamo il passaggio [01.04.01.a]. In realtà per selezionare parti specifiche dell'immagine esistono anche altri metodi, più rapidi, che lascio a voi scoprire!
Eseguita la selezione, apriamo i livelli (passaggio [01.06]): ci troviamo di fronte un grafico molto differente dal precedente; oramai avrete capito come funziona la regolazione dei livelli, in ogni caso in figura è come ho ottimizzato il grafico in base alla mia foto.


Ci accorgiamo che la parte selezionata dell'immagine non è però regolata in maniera uniforme: più ci avviciniamo alla zona sovraesposta (in alto), più è carente di contrasto; se non vogliamo rovinare la zona in basso, adesso correttamente calibrata, dovremo quindi escludere dalla selezione queste zone, e procedere ad ulteriori regolazioni. Come fare però, dato che il pasaggio non avviene in una linea netta, ma degrada lentamente? Se facessimo una selezione con poca sfumatura avremmo la linea di demarcazione ben visibile nella foto.
Uno dei metodi più semplici e rapidi per fare ciò è il seguente: ancora avete la selezione precedente, quindi conviene sottrare da questa le parti che al momento ci accontentano. Selezionate lo strumento "Lazzo", e digitate nel valore Sfuma: (Feather:), sulla barra degli strumenti (in alto), 60/90 (il numero di pixel he creeranno la sfumatura).
Adesso (come il passaggio [01.04.01]) tenete premuto "Alt" e selezionate la zona che volete escludere dalla successiva regolazione.

 

Fatto ciò regolate di nuovo i livelli, e ripetete l'operazione di deselezione e sucessiva regolazione fino a che tutte la parti scure dell'immaggine non hanno raggiunto un livello omogeneo.

Alcuni problemi che potrebbero sorgere sono: un viraggio al blu della foto, da risolvere seguendo i passaggi [01.04.01] e [01.04.02], oppure una colorazione magenta delle zone precedentemente sottoesposte più vicine al bianco; da risolvere con passaggi analoghi al precedente, selezionando con largo margine la parte, regolando la sfumatura ([01.04.01.a] con un valore maggiore, sui 30), e desaturando i rossi ed i magenta (invece dei blu) con l'operazione [01.04.02].


Per finire date una regolazione globale, a tutta l'immagine, con i livelli [01.06] e con le regolazioni dei colori [01.05].

Osservando l'immagine originale resterete sicuramente soddisfatti del lavoro fatto!

Spero di aver esposto chiaramente (e correttamente) tutti i passaggi, rimango sempre a disposizione per qualsiasi aiuto. Ricordatevi che il miglior modo per apprendere i segreti del fotoritocco è quello di provare e sperimentare le funzionalità offerte da questi programmi, nonché scambiarsi i pareri e le conoscenze tra amici!

Un saluto a tutti,
Simone


P.S.
Le immagini sono state scattate il 12 dicembre 2005 sulla costa di Bray (Irlanda).



segnala questo articolo ad un amico
email: testo:




Se vuoi aggiungere un commento riempi il modulo qui sotto:

nome *:
testo *:
codice *:
  <- inserisci il codice di sicurezza
  



I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Leggi con attenzione i termini di servizio.



Because the light

portale di cultura fotografica, concorsi online, mostre, reportage, portfolio articoli, libri, forum e community. Per divertirsi e imparare con la fotografia.
progetto, design e codice di Sandro Rafanelli
in redazione: Simone Scortecci, Marco Sanna, Jacopo Salvi e Alessandro Garda
l'approfondimento fotografico è su BecauseTheLight - becausethelight.blogspot.com

per info: info@photocompetition.it - [ termini di servizio ] - [ privacy ] - [ diventa socio ]